50.707.408
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

BILANCIO DI META' ANNO: OCCUPATI IN CALO FALLIMENTI SOFFERENZE BANCARIE E DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE (L'ITALIA DEL PD)

giovedì 16 luglio 2015

La politica si appresta ad andare in vacanza, con il premier non eletto che si è autocelebrato “salvatore dell’euro”, dopo non essere stato invitato al vertice tra Merkel ed Hollande.

L’ex sindaco di Firenze, spalleggiato dal ministro dell’economia Padoan (quello del disastro dell’Argentina) si sono poi lasciati andare ad annunci su un paese in piena crescita e pieno rilancio. Un quadro idilliaco di disoccupazione in calo, ricchezza che aumenta, cittadini felici e debito pubblico in forte calo.

Sarà vero o siamo in presenza dell’ennesima serie di annunci privi di senso?

Partiamo dagli occupati, attingendo ai dati Istat, giusto per non correre il rischio di venir tacciati di diffondere notizie false e tendenziose, di essere disfattisti. Insomma, per non essere definiti “gufi” dai renzisti di turno. Bene, gli occupati a maggio son calati a 22.330.000 unità rispetto ai 22.392.000 di aprile. Ma come, il premier non eletto non aveva parlato di oltre centomila nuovi posti di lavoro grazie al jobs act? Dove sono, se gli occupati totali sono calati?

Probabilmente saremo diventati più ricchi grazie ad un aumento delle retribuzioni: meno occupati ma con un tenore di vita più alto non è sicuramente il massimo, ma potrebbe indurre in una speranza di crescita futura.

No, non andiamo bene nemmeno su quel fronte: la tendenza è ad un rallentamento dell’aumento percentuale, passato dall’1,2 all’1,1,% tra aprile e maggio con un calo dell’8%.

Dati sconfortanti, come quelli dei prezzi alla produzione, franati di un ulteriore 1,9% nel mese di maggio. Se i prezzi alla produzione calano, significa che le aziende stanno limando all’osso i margini di vendita pur di riuscire a vendere qualcosa, alla faccia della ripresa!

Difatti, e chiaramente non è una casualità, i consumi al dettaglio sono inchiodati, con una crescita dello 0%, mentre le sofferenze bancarie ed i fallimenti stanno toccando nuovi record: 184 miliardi le prime (ultimo dato certificato, dicembre 2014) e 3.800 i secondi nei primi tre mesi del 2015. 

Quindi, segnali di ripresa dei consumi interni, che sono la vera ricchezza di un paese, molto più delle esportazioni, che sono legate a fattori esogeni e non controllabili, non se ne vedono da nessuna parte. Semmai persiste la distruzione di aziende ed attività commerciali. Una desertificazione del tessuto economico come non si è mai visto dalla fine della seconda guerra mondiale.

Se questi sono i prodigiosi risultati del governo renzista, c’è da mettersi le mani nei capelli.

Vediamo se l’ex sindaco di Firenze è stato più abile sul fronte del debito pubblico: secondo i dati di Bankitalia, è cresciuto di 23,4 miliardi nel mese di maggio e di ben 83,3 da inizio anno, che percentualmente corrisponde al 3,9% del PIL.

E meno male che secondo Padoan il nostro debito stava scendendo perché abbiamo fatto le riforme a differenza dei “cattivoni” greci. I casi sono due: o hanno invertito il significato dei segni “+” e “-“, oppure gli annunci delle veline di regime sono ben altra cosa rispetto alla realtà fattuale.

Qualcuno potrebbe pensare che chi scrive sia una persona in malafede, che “spulcia” i dati con il solo intento di trovare i difetti di un governo “forte e capace, che sta rivoluzionando il paese”.

Per fugare ogni dubbio, siamo andati a cercare i dati del World Economic Forum sull’efficienza dell’azione di governo. Si tratta di un report internazionale che prende in considerazione l’efficienza dei diversi governi. Il parametro di valutazione è estremamente semplice: rapporto tra risorse impiegate e risultati ottenuti.

Si tratta di un parametro neutro, nel senso che può essere applicato a qualsiasi stato e forma di governo, grande o piccolo. 

Il risultato è eccezionale: il governo italiano è al secondo posto! Sì, ma solo se leggiamo la classifica partendo dal basso.

Al di là dell’ironia, come efficienza di governo, quello renzista si mette dietro - a livello mondiale! - solo il Venezuela, non propriamente un risultato di cui esserne orgogliosi e di cui i media nazionali han preferito parlare sottovoce. Anzi, tacere.

Se questo è il bilancio di metà anno (i dati ufficiali sono aggiornati a giugno), non possiamo attenderci nulla di buono per settembre, anche perché l’unica cosa sensata che potrebbe fare questo governo, ovvero dimettersi e lasciarsi giudicare dai cittadini, non è certo nell’agenda del premier non eletto.

Luca Campolongo

Fonti:

www.istat.it

http://www.lavocesociale.it/bankitalia-debito-pubblico-da-record-mese-cresciuto-di-234-miliardi/

http://www.ilgiornale.it/news/politica/schiaffo-world-economic-forum-renzi-italia-penultima-efficie-1151999.html

www.abi.it

 


BILANCIO DI META' ANNO: OCCUPATI IN CALO FALLIMENTI SOFFERENZE BANCARIE E DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE (L'ITALIA DEL PD)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
OSSERVATORE ROMANO: ''GRECIA: LA SITUAZIONE ATTUALE PORTERA' A UNA RADICALIZZAZIONE DALLE CONSEGUENZE IMPREVEDIBILI

OSSERVATORE ROMANO: ''GRECIA: LA SITUAZIONE ATTUALE PORTERA' A UNA RADICALIZZAZIONE DALLE
Continua

 
SINDACO DELLA VERSILIA SI RIBELLA: ''BASTA! L'ESERCITO CONTRO GLI EXTRACOMUNITARI VENDITORI ABUSIVI, LADRI, SPACCIATORI''

SINDACO DELLA VERSILIA SI RIBELLA: ''BASTA! L'ESERCITO CONTRO GLI EXTRACOMUNITARI VENDITORI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!