52.959.364
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'FMI BOCCIA IL PIANO DI SALVATAGGIO DELLA GRECIA VOLUTO DALLA UE E ANNUNCIA: NOI CI RITIRIAMO, SENZA TAGLIO DEL DEBITO

mercoledì 15 luglio 2015

A poche ore dalle inizio delle votazioni al Parlamento greco delle misure chieste dall'Eurogruppo in cambio del piano di salvataggio da 86 miliardi di euro, concordato solo 48 ore fa tra Tsipras e la troika, l'Fmi boccia - clamorosamente - l'intesa raggiunta con grande fatica a Bruxelles dopo un'estenuante maratona negoziale.

Il Fondo lascia intendere che si sfilerà dalla troika che con Bce ed Ue ha finora salvato gia' due volte Atene a prezzi altissimi di vite umane e devastazioni sociali ed economiche di tutta la Grecia.

Da Washington e' stato fatto filtrare nella notte appena trascorsa il testo di un rapporto interno da cui emerge che la situazione greca e' molto peggiore di quanto previsto fino a solo due settimane fa e che quindi l'intesa per l'Fmi e' del tutto insufficiente a far fronte alle effettive esigenze di Atene.

Secondo il testo, che fonti dell'Fmi sottolineano era gia' stato portato a conoscenza dai leader dell'Eurozona quando lunedi' hanno concordato l'intesa, i creditori Ue dovranno fare "molto di piu" di quanto finora previsto. 

In concreto, i creditori dell'Eurozona dovranno o accettare di rinunciare a buona parte dei fondi dati alla Grecia in questi anni, quindi dovranno accettare  un nuovo taglio del debito che Atene ha con i partner ma stavolta a carico degli Stati e non come il precedente imposto ai creditori privati di Atene nella notte tra il 20 e il 21 febbraio 2012 in un drammatico vertice a Bruxelles, con perdite pari a 100 miliardi di euro.

L'alternativa, secondo l'Fmi è unicamente quella di consentire al governo ellenico di non pagare nulla per almeno 30 anni (Misure simili erano gia' state proposte da Christine Lagarde nell'ottobre del 2013, quando la situazione non era giunta a questi livelli)

Queste alternative, stavolta draconiane per i creditori dell'Eurozona, sono indipensabili perche', sottolinea l'Fmi, ai livelli attuali il debito ellenico e' del tutto "insostenibile". Non solo.

Anche lo stesso piano di salvataggio (il terzo dal 2010) da 86 miliardi concordato tra mille polemiche lunedi per stabilizzare la situazione - scrive l'Fmi - e' del tutto "insufficiente".

Lo stesso piano che in Grecia ha spaccato il partito Syriza del premier e che rischia di non passare.

Per l'Fmi spetta ora ai membri dell'Eurozona decidere quale opzione scegliere tra le due possibili. Questo perche' le nuove proiezioni contenute nel rapporto riservato dell'Fmi, fatto filtrare ad orologeria proco dopo la mezzanotte italiana, stimano che il debito pubblico di Atene il prossimo anno sara' pari al 200% del Pil contro il 177% finora stimato, solo in parte a causa della recessione che peggiorera' nel 2015 dopo la timida ripresa registrata a fine dello scorso anno.

Non solo.

Fino al 2022 il debito greco restera' intorno al 177% contro il 142% stimato: "Il drammatico deterioramento della sostenibilita' del debito rende necessario un alleggerimento del debito su una scala che va molto oltre quanto e' stato finora previsto", si legge nel nuovo documento. 

Inoltre, da oggi il ministro del Tesoro Jack Lew sara' in Europa e vedra' tra qualche ora il presidente della Bce, Mario Draghi, e poi il 'falco', il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, su posizioni contrarie a quelle di Washington che esorta la Ue a tagliare radicalmente il debito della Grecia, e poi a Parigi, l'alleato con l'omologo Michel Sapin, che da settimane chiede, voce isolata nell'eurozona (Renzi tace...) un taglio del debito greco.

Scheauble potra' ribadire al ministro degli Esteri Usa che il taglio del debito greco e' impossibile in base ai trattati e quindi sostenere che senza l'Fmi l'intera struttura definita a Bruxelles da sola non sta in piedi. In pratica, l'intero piano firmato da Tsipras potrebbe crollare ancor prima del voto del Parlamento di Atene.

Da ultimo, arriva un ulteriore allarme per i creditori Ue di Atene: infatti,  Fondo Monetario Internazionale  proprio le sue regole costitutive, non potra' continuare a sostenere in alcun modo la Grecia, sia perche' e' al momento "in arrettrato" (arrears - nel testo originale del documento di stanotte dell'Fmi) di 2 miliardi di dollari di prestiti non rimborsati, sia perche' non puo' prestare soldi ad un Paese il cui debito sia "insostenibile".

La sostanza finale di quanto sta per accadere è descrivibile con un paradosso: doveva essere il Parlamento di Atene a bocciare il piano di salvataggio, invece crollerà sotto i colpi dell'Fmi, uno dei tre creditori della Grecia.

Redazione Milano


L'FMI BOCCIA IL PIANO DI SALVATAGGIO DELLA GRECIA VOLUTO DALLA UE E ANNUNCIA: NOI CI RITIRIAMO, SENZA TAGLIO DEL DEBITO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FMI   GRECIA   GERMANIA   BCE   TROIKA   CREDITORI   TAGLIO   DEBITO   EUROZONA   LAGARDE   TSIPRAS   VOTO   PARLAMENTO   WASHINGTON    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
 
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DER SPIEGEL: ''L'ACCORDO CON LA GRECIA VOLUTO DALLA MERKEL E' UN CATALOGO D'ORRORI MESSO INSIEME PER UMILIARE LA GRECIA''

DER SPIEGEL: ''L'ACCORDO CON LA GRECIA VOLUTO DALLA MERKEL E' UN CATALOGO D'ORRORI MESSO INSIEME
Continua

 
SCHIAFFONE FRANCESE A RENZI: IN EUROPA NON CONTA NULLA TAGLIATO FUORI DALLE DECISIONI UE, CROLLATO IN ITALIA (LES ECHOS)

SCHIAFFONE FRANCESE A RENZI: IN EUROPA NON CONTA NULLA TAGLIATO FUORI DALLE DECISIONI UE, CROLLATO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA PROCURA DI GENOVA PERDE CONTRO LA LEGA AL TRIBUNALE DEL RIESAME

18 ottobre - GENOVA - Il Tribunale del Riesame ha dato ragione agli avvocati della
Continua

OMICIDIO GIORNALISTA D'INCHIESTA CARUANA GALIZIA: USATO IL SEMTEX

18 ottobre - MALTA - Per far esplodere l'auto della giornalista di inchiesta maltese
Continua

UN GRANDE FONDO D'INVESTIMENTO USA PUNTA 1,4 MILIARDI DI DOLLARI

18 ottobre - NEW YORK - Bridgewater Associates, il fondo d'investimenti di Ray Dalio,
Continua

IL PRESIDENTE CINESE XI JINPING LANCIA DURO MONITO A TAIWAN:

18 ottobre - PECHINO - Il presidente cinese Xi Jinping ha lanciato un duro monito a
Continua

M5S LOMBARDIA AUGURA VITTORIA DEL SI' AL REFERENDUM AUTONOMIA

18 ottobre - MILANO - 'Domenica mi aspetto la vittoria del Si', ma per noi e' gia'
Continua

LA BCE PRONTA A RIDURRE DRASTICAMENTE IL QE (PREPARATEVI

18 ottobre - La Bce punta a ridurre l'entita' del suo piano di acquisti, portandolo a
Continua

MELONI: KURZ HA VINTO GRAZIE ALLA POLITICA SUI MIGRANTI DEL GOVERNO

17 ottobre - Il voto austriaco, con la vittoria del centrodestra guidato da Sebastian
Continua

GIOVANE TURISTA AMERICANA VIOLENTATA IN PIENO CENTRO A FIRENZE DA

17 ottobre - FIRENZE - Ennesimo episodio di violenza sessuale a Firenze. Una turista
Continua

SALVINI: NIENTE CLANDESTINI AFRICANI NEGLI ALBERGHI DELLA SICILIA!

17 ottobre - CATANIA - ''Bloccare l'immigrazione e fare politiche serie per il
Continua

RAQQA LIBERATA DALL'ISIS QUESTA MATTINA, MA CONTINUANO I

17 ottobre - RAQQA - SIRIA - Le Forze democratiche siriane (Fsd), alleanza di milizie
Continua
Precedenti »