47.268.054
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ACCORDO FIRMATO DA TSIPRAS CHE PIACEREBBE A TOTO' RIINA, FRUTTO DI UNA ''TRATTATIVA'' IN PERFETTO STILE COSA NOSTRA

lunedì 13 luglio 2015

''Il governo necessita di consultarsi e accordarsi con le istituzioni (Commissione Ue, Fmi e Bce) su tutte le bozze di legge in aree rilevanti, con un anticipo di tempo adeguato, prima di sottoporle alla consultazione pubblica o al Parlamento''. E' quanto si legge nel testo dell'accordo siglato a Bruxelles. Sono condizioni molti simili a quelle che accettò il governo francese del Maresciallo Petain, collaborazionista coi nazisti dopo l'occupazione militare della Francia da parte delle armate di Hitler.

Il racconto "dell'accordo" tra Tsipras e la Ue si può sintetizzare così: la resa a un'occupazione straniera benchè il popolo abbia votato contro non più tardi di ciqne giorni fa.

Nel dettaglio, "l'accordo" ha caratteristiche - inoltre - classiche dell'usura di stile mafioso.

Riforme nei prossimi giorni, fondo di garanzia da 50 miliardi, coinvolgimento del Fondo monetario internazionale a partire dal marzo 2016, prestito ponte da 7 miliardi entro il 20 luglio e da altri 5 entro meta' agosto: sono i punti principali.

Una volta accertata l'adozione di tali misure, le istituzioni potranno negoziare un nuovo programma di aiuti.

E ora i termini della resa:

SCADENZA ENTRO 2 GIORNI. Entro il 15 luglio il Parlamento dovra' approvare la riforma dell'Iva e quella del sistema pensionistico, oltre all'indipendenza dell'ente statistico nazionale Elstat e la piena attuazione del Fiscal compact.

SCADENZA ENTRO 22 LUGLIO. Entro questa data, dovra' adottare il nuovo codice di procedura civile per accelerare i processi e ridurne i costi, e trasporre in legge nazionale la direttiva sulla risoluzione bancaria.

MISURE A LUNGO TERMINE. Piu' a lungo termine e' previsto l'impegno su una serie di ulteriori misure a medio termine riformando il mercato energetico e quello del lavoro e rafforzando il settore finanziario.

PRIVATIZZAZIONI. Le autorita' greche dovranno trasferire asset per un totale di 50 miliardi a un fondo indipendente che monetizzera' tali asset attraverso le privatizzazioni: tale monetizzazione, si legge nel documento, sara' una fonte del rimborso programmato del nuovo prestito dell'Esm. Il fondo, come richiesto da Atene, sara' basato in Grecia e gestito dalle autorita' greche con la supervisione delle istituzioni. Detto più chiaramente: ritornano ad Atene i nazisti della troika.

I diciannove leader hannno preso nota del fatto che le esigenze finanziarie ammontano a una cifra compresa fra 82 e 86 miliardi, come valutato dalle istituzioni. Vista la gravita' della crisi del settore finanziario, l'Eurosummit ha stabilito di stanziare una somma compresa fra i 10 e i 25 miliardi per la ricapitalizzazione delle banche e per i costi di risoluzione: 10 miliardi potrebbero essere resi immediatamente disponibili in un conto separato all'Esm.

PRESTITO PONTE. E' previsto un prestito ponte da 7 miliardi entro il 20 luglio e ulteriori 5 entro la meta' di agosto. Quanto alla sostenibilita' del debito, l'Eurogruppo e' "pronto a considerare, se necessario, misure aggiuntive per assicurare" il rimborso del debito. Ma, si sottolinea, un taglio nominale del debito non e' possibile. 

Max Parisi


L'ACCORDO FIRMATO DA TSIPRAS CHE PIACEREBBE A TOTO' RIINA, FRUTTO DI UNA ''TRATTATIVA'' IN PERFETTO STILE COSA NOSTRA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TOTO' RIINA   COSA NOSTRA   UE   EUROGRUPPO   BCE   MERKEL   TSIPRAS   PETAIN   FMI   TROIKA   DEMOCRAZIA   COLPO DI STATO   ESM   GERMANIA  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
 
SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E' RIMASTO CONTRARIO

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E'

giovedì 18 maggio 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando il 52% dei cittadini britannici ha votato per far uscire la Gran Bretagna dalla UE, ma sarebbe un grave errore pensare che molti si siano pentiti di aver
Continua
ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6%

martedì 16 maggio 2017
Il Pil italiano ristagna allo 0,2% nel primo timetre 2017 con una proiezione annua da incubo, allo 0,6%. L'eurozona nel medesimo trimestre ha segnato +0,5%. Nella classifica degli Stati membri
Continua
 
ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA MARE!'' (MEGA BUFALA)

ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA

martedì 16 maggio 2017
In Francia sembra essersi affermato un nuovo tipo di elettore: il menopeggista. Guardando i flussi elettorali, infatti, possiamo notare come il neo presidente Macron abbia vinto portando alle urne un
Continua
SONDAGGIO TRA I GIOVANI DELLA UE: IL 79% NON VUOLE L'UNIONE POLITICA, MA SOLO UN'AREA DI LIBERO SCAMBIO ECONOMICO

SONDAGGIO TRA I GIOVANI DELLA UE: IL 79% NON VUOLE L'UNIONE POLITICA, MA SOLO UN'AREA DI LIBERO

lunedì 15 maggio 2017
LONDRA - Quando lo scorso anno la maggioranza dei cittadini britannici ha votato per uscire dalla UE molti hanno dichiarato che tale esito e' stato influenzato dagli anziani visto che la maggioranza
Continua
 
IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO SULL'ECOFIN O CROLLA TUTTO

IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO

lunedì 15 maggio 2017
MADRID - Un attacco inaspettato all'euro - che così com'è non va affatto - da parte del governo teoricamente più ossequioso e fedele alle tecnocrazie di Bruxelles e della Bce,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ: ''TSIPRAS HA IMPEDITO TAGLI VOLUTI DALLA TROIKA, ORA INTERVENGA LA FEDERAL RESERVE''

PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ: ''TSIPRAS HA IMPEDITO TAGLI VOLUTI DALLA TROIKA, ORA
Continua

 
VAROUFAKIS: ''CI HANNO IMBROGLIATI: L'EUROGRUPPO AVEVA GIA' DECISO DI NON NEGOZIARE CON LA GRECIA'' (ALTRO ''NO'' IN ARRIVO)

VAROUFAKIS: ''CI HANNO IMBROGLIATI: L'EUROGRUPPO AVEVA GIA' DECISO DI NON NEGOZIARE CON LA GRECIA''
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!