46.353.205
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NEW YORK TIMES E WALL STREET JOURNAL SCAGLIANO - PER LA PRIMA VOLTA INSIEME - MISSILI SULLA GERMANIA: GUAI AL GREXIT!

martedì 7 luglio 2015

NEW YORK  - All'indomani del referendum con cui i cittadini greci hanno respinto le richieste dei creditori internazionali, la stampa statunitense si fa portavoce della posizione di Washington, che nell'eventualita' di un'uscita della Grecia dall'euro vede un gravissimo rischio geopolitico globale, quindi inaccettabile.

Un editoriale non firmato del "New York Times" - che per conseguenza è della direzione - avvisa che "per il bene dell'Europa, la Grecia deve rimanere nell'eurozona".

L'editoriale appare, per toni e contenuti, un avvertimento diretto alla cancelleria di Berlino: "Sono la Germania - scrive la direzione del quotidiano - ha il potere di decidere cosa accadra' ora, se cacciare la Grecia dall'eurozona o offrire un cammino alternativo per l'economia greca, a cominciare dalla remissione del suo enorme e impagabile debito pubblico".

Il messaggio e' chiaro, il vero mittente pure ed è ovviamente la Casa Bianca, e il destinatario e' l'unico attore statuale europeo a esercitare un vero ruolo decisionale nell'ambito della crisi: la Germania.

Sul piano economico, scrive il "New York Times", "quel che i leader europei devono fare e' ovvio. Devono ristrutturare il debito greco di 317 miliardi di euro - circa il 177 per cento del suo pil - e mantenere il paese, un membro dell'Unione Europea e della Nato, all'interno dell'eurozona".

Col suo editoriale, il "New York Times" dimostra come l'intransigenza in sede negoziale del governo greco di Alexis Tsipras non sia mai stata un azzardo: la Grecia ha rifiutato e continua a rifiutare le condizioni poste dai suoi creditori, consapevole che questi ultimi non dispongono della determinazione ne' della forza politica necessarie a cacciare Atene dall'eurozona.

E rimanendo nella grande stampa americana, anche  "Wall Street Journal" ribadisce in un paio di editoriali gli stessi concetti espressi oggi dal "New York Times": l'uscita della Grecia dall'euro costituirebbe un danno gravissimo alla credibilita' dell'euro e del progetto europeo. Lo stesso quotidiano economico che sino a un paio di settimane fa sminuiva i rischi di contagio, quando ancora regnava l'ottimismo circa un possibile accordo tra la Grecia e i suoi creditori, ora sostiene che nel caso di una Grexit "i rischi di un vasto contagio politico sono pericolosamente elevati".

In un secondo articolo, il quotidiano sottolinea quanto la Germania avrebbe da perdere nell'ipotesi di un'uscita della Grecia dall'euro: l'esposizione complessiva della prima economia europea al debito ellenico e' di 90 miliardi, che pero' - sottolinea il quotidiano - i contribuenti tedeschi perderebbero comunque nel caso si concretizzasse la ristrutturazione del debito auspicata dagli Stati Uniti. Senza contare, come reso noto pochi giorni fa dal Fondo monetario internazionale (Fmi), che giunti a questo punto mantenere la Grecia nell'euro costerebbe ai suoi creditori - e dunque ai contribuenti europei - non meno di altri 50 miliardi di euro. 

Resta il fatto che l'America teme il Grexit non tanto e solo per le violentissime ripercussioni finanziarie che certamente ci sarebbero, ben di più per l'aiuto che la Russia di Putin altrettanto certamente offrirebbe ad Atene avendo in cambio finalmente una posizione strategica nel cuore del Mediterraneo e non solo. La feroce cacciata della Grecia dall'eurozona che potrebbe attuare la Germania, potrebbe produrre, per motivata reazione, l'uscita di Atene dalla Nato.

E' questo, lo scenario che assolutamente Obama non vuole si realizzi. E così i due più autorevoli quotidiani americani oggi scagliano fulmini e saette sul governo Merkel. 

La situazione greca si fa sempre più intricata ed esplosiva.

Redazione Milano


NEW YORK TIMES E WALL STREET JOURNAL SCAGLIANO - PER LA PRIMA VOLTA INSIEME - MISSILI SULLA GERMANIA: GUAI AL GREXIT!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GREXIT   USA   GERMANIA   MERKEL   CASA BIANCA   OBAMA   WSJ   WALL STREET   JOURNAL   NEW YORK   TIMES   EUROZONA   ATENE   GRECIA   NATO   RUSSIA   PUTIN    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
 
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua
QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO PUBBLICO DEI RIBELLI

QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO

mercoledì 19 aprile 2017
ROMA - Dopo i dubbi (in latino, "dubia") che quattro cardinali gli hanno indirizzato in una lettera - privata ma poi pubblicata - la ribellione a Papa Francesco prende la forma di un convegno a due
Continua
 
L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA ''MONETA-GENERALE''

L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA

martedì 18 aprile 2017
“La Germania dovrebbe, visto che è divenuta pacifica e ragionevole, prendersi tutto ciò che l’Europa e il mondo intero le ha negato in due grandi guerre, una sorta di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SUPER VERTICE IN RUSSIA DA PUTIN DI TUTTI I CAPI DI STATO E DI GOVERNO ''BRICS'': UE E USA NON INVITATI. IL MONDO VA A EST

SUPER VERTICE IN RUSSIA DA PUTIN DI TUTTI I CAPI DI STATO E DI GOVERNO ''BRICS'': UE E USA NON
Continua

 
261.000 FIRME IN AUSTRIA ALLA PROPOSTA DI LEGGE DI USCIRE DALL'EURO! ORA DOVRA' ESSERE DISCUSSA E VOTATA IN PARLAMENTO

261.000 FIRME IN AUSTRIA ALLA PROPOSTA DI LEGGE DI USCIRE DALL'EURO! ORA DOVRA' ESSERE DISCUSSA E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!