43.257.700
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
++++++ La Commissione Ue ha inviato all'Italia la lettera con la richiesta di aggiustamento dei conti ++++++

L'IPER BUFALA RENZIANA DELLE RIFORME CHE ''SALVANO L'ITALIA DAL CONTAGIO GRECIA'': SIAMO ANDATI A CERCARLE, NON ESISTONO.

venerdì 3 luglio 2015

Il premier non eletto Matteo Renzi, nel bel mezzo della tempesta che sta scuotendo la cortina di ferro della Ue per la presa di posizione del primo ministro, questi sì eletto dal popolo, Tsipras, ha rassicurato gli italiani affermando che il nostro paese non teme alcun contagio perché noi, a differenza dei “greci brutti, sporchi e cattivi” le riforme le abbiamo fatte.

La realtà corrisponde al vero?

Vediamo un po’ di dati:

- Riforma della Pubblica Amministrazione, secondo il sito dei comuni italiani, comuni.it, al 30 giugno appena trascorso, si afferma che: “E’ davvero lunga e intricata, la corsa del ddl Madia – Riforma PA verso l’approvazione definitiva: siamo attualmente in Commissione Affari costituzionali alla Camera, dove ci si scontra su diversi ‘paletti’ tra i quali spiccano il telelavoro, i trasferimenti di sede per giusta causa e l’Avvocatura di Stato.”Il che significa che la riforma non c’è, non esiste, non è entrata in vigore, punto.

- Riforma delle province? Ricordate gli annunci in pompa magna del lider maximo fiorentino sul taglio degli sprechi dovuti alle province cui la sua riforma avrebbe posto rimedio? Bene, ecco la realtà dei fatti, immortalata da Il sole 24 ore del 18 maggio 2015: “Alla fine è dovuta intervenire in prima persona Marianna Madia, ministro della Pa e della semplificazione, per garantire che «a tutti i dipendenti delle Province sarà assicurato lavoro e stipendio» perché «se i territori non faranno il loro lavoro, lo Stato ha strumenti e risorse per ricollocare il personale». Ora, è vero che i consigli provinciali non vengono più eletti dal popolo, ma dai sindaci e consiglieri comunali del territorio che si votano tra loro, con un bel calcio alla democrazia (che brutta parola, per gli oligarchi della ue e per i loro delegatari nazionali), ma se di sprechi si vuol parlare, non è certo l’eliminazione di qualche consigliere provinciale che fa la differenza. Dunque, se tutti i dipendenti delle vecchie province continueranno a percepire uno stipendio, dove sarebbe il risparmio per lo stato? Per la cronaca, i “fannulloni” greci, nel frattempo, hanno ridotto del 26% i loro dipendenti pubblici. Qui non stiamo discutendo se abbiano fatto bene o male, ma di chi ha fatto o meno i “compitini” a casa. E l’ex sindaco di Firenze pare latitare anche qui.

- Vogliamo parlare della scuola? Si tratta di una riforma più che altro di facciata, che a detta della maggior parte degli esperti non risolve minimamente i problemi, semmai li acuisce.

- Riforma della legge elettorale: l’italicum si porta dietro tutti i problemi, e l’incostituzionalità, della precedente legge, dando poi un premio di maggioranza che nemmeno ai tempi del fascismo si sarebbero sognati di attribuire. Il premier non eletto l’ha fatta votare convinto di essere ancora in luna di miele con gli italiani e quindi sicuro di vincere a mani basse. Peccato che già con gli ultimi risultati delle regionali, la “gioiosa macchina da guerra”  renzista ha dimostrato di avere il motore grippato (perdere la metà dei voti in un anno non è impresa da tutti). Quindi, la legge elettorale “ad personam” potrebbe fregare proprio chi l’ha voluta, ma non sposta certo il futuro dell’italico stivale.

- Riforma del lavoro: il mitico Jobs Act, il fiore all’occhiello del renzismo galoppante. A sentire i dati del governo, pare si sia in pieno boom occupazionale, peccato che poi ci pensi l’istat a sbugiardare i vari attori che ruotano attorno a palazzo Chigi. Difatti gli occupati sono scesi da 22.392.000 ad aprile ai 22.330.000 di maggio, con un bel -92.000 posti di lavoro.

Se poi volessimo dare un’occhiata all’andamento del debito pubblico, che l’ex sindaco di Firenze ha dichiarato di aver risanato, ci sarebbe solo da mettersi a piangere in un angolino: ad aprile, ultimo dato disponibile al momento, ha sfiorato il nuovo record storico di 2.200 miliardi di euro. Con buona pace del governo e delle sue dichiarazioni.

Siamo in presenza di dati imbarazzanti, che gettano un’ombra inquietante sul futuro di un paese affidato a chi si limita a fare annunci “ad effetto” cui non segue un minimo aggancio con la realtà

Ci aspettano settimane e mesi da brivido, e l’Italia necessita di una guida forte e credibile, di personalità in grado di raddrizzare la rotta prima che la nave vada a finire definitivamente sugli scogli.

Il tempo è ormai poco ed il guaio è che chi sta tenendo attualmente il timone appare tremendamente simile a qualche comandante di nave da crociera…

Luca Campolongo

Fonti

www.istat.it

http://www.comuni.it/2015/06/riforma-pa-news-telelavoro-trasferimenti-avvocati/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/30/riforma-scuola-renzi-il-pinocchio-che-distrugge-listruzione-pubblica/1820049/

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-05-18/province-sei-incompiute-riforma-063501.shtml?uuid=AB9MI3hD

 


L'IPER BUFALA RENZIANA DELLE RIFORME CHE ''SALVANO L'ITALIA DAL CONTAGIO GRECIA'': SIAMO ANDATI A CERCARLE, NON ESISTONO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RIFORME   RENZI   GOVERNO   INCOMPIUTE   ITALIA   CRISI   GRECIA   TIMORE   BUFALA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua
 
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA LEGGE E' UGUALE PER (QUASI) TUTTI: CON DE LUCA LA LEGGE SEVERINO E' STATA INTERPRETATA, CON BERLUSCONI APPLICATA.

LA LEGGE E' UGUALE PER (QUASI) TUTTI: CON DE LUCA LA LEGGE SEVERINO E' STATA INTERPRETATA, CON
Continua

 
QUESTA EUROPA E' FINITA, L'EURO E' STATO UN ERRORE TERRIBILE. QUESTA EUROPA E' FONDATA SULLA FAME E SULLA DISOCCUPAZIONE

QUESTA EUROPA E' FINITA, L'EURO E' STATO UN ERRORE TERRIBILE. QUESTA EUROPA E' FONDATA SULLA FAME E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua

RUSSIA PRONTA A COOPERARE CON USA, UE E NATO CON RISPETTO RECIPROCO

17 gennaio - MOSCA - La Russia e' pronta a cooperazione con gli Stati Uniti, l'Unione
Continua

SCANDALO MOTORI DIESEL SI ALLARGA ANCHE ALLA RENAULT

16 gennaio - PARIGI - Lo scandalo dei motori diesel ''truccati'' si allarga. Oltre a,
Continua

ISTAT: E' UFFICIALE, 2016 L'ANNO DELLA DEFLAZIONE IN ITALIA (DAL

16 gennaio - Italia in deflazione nel 2016. In media d'anno, i prezzi al consumo
Continua

BORIS JOHNSON: ''BREXIT, TRUMP PER UN ACCORDO RAPIDO CON IL REGNO

16 gennaio - BRUXELLES - ''Una gran bella notizia'': così il ministro degli Esteri
Continua

SETTE CLANDESTINI INDIVIDUATI AD ASTI SU UN TRENO PROVENIENTE DALLA

16 gennaio - ASTI - Sette uomini, cinque algerini e due marocchini, sono stati
Continua
Precedenti »