44.176.237
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SE VINCERA' IL NO AL REFERENDUM DI DOMENICA PROSSIMA IN GRECIA, LUNEDI' LA TEMPESTA TRAVOLGERA' PER PRIMA L'ITALIA

lunedì 29 giugno 2015

Se la Grecia dovesse respingere con il referendum di domenica prossima le condizioni dei creditori per l'estensione del programma di salvataggio, con ogni probabilità "ci sarebbero conseguenze anche sull'economia reale" in Italia e non solo, come ha insegnato la crisi deflagrata dopo il fallimento di Lehman Brothers. "Anche prima del default di Lehman si diceva che non ci sarebbero stati problemi e che la situazione si poteva gestire. Come è andata a finire lo sappiamo: ci siamo ancora dentro adesso", dopo quasi sette anni.

A spiegarlo è Raffaele Zenti, fondatore del team di consulenza di Advise Only. Se il referendum dovesse concludersi con un 'no' alle richieste dei creditori, e al netto di eventuali interventi degli Usa alla luce del valore geopolitico della penisola ellenica, l'uscita della Grecia dall'euro, secondo Zenti, diventa "probabile".

Il ministro Pier Carlo Padoan "dice che la Bce è robustissima e la situazione è gestibile, ma io sono dubbioso. Se parte il panico sui mercati, gli spread dei periferici salgono a livelli stellari, le Borse crollano. I mercati sono sistemi complessi, non controllabili per definizione. E' come quando a teatro in sala parte un applauso isolato: a volte muore lì, altre volte applaudono tutti. Perché, nessuno lo sa. E' difficile dire come potrebbe andare".

Per Zenti, comunque, lo scenario che resta più probabile, "visti tutti i sondaggi seri", è che il referendum si concluda con un'accettazione delle richieste dei creditori, dato che "i greci vogliono restare nell'euro".

In quel caso il premier Alexis Tsipras, il cui partito Syriza è contrario al taglio delle pensioni, ne uscirebbe "indebolito" e comunque sui mercati bisognerebbe aspettarsi un po' di "volatilità e incertezza".

Comunque vada, dentro o fuori dall'euro, per la Grecia si profilano "anni di lacrime e sangue", perché "non sono autosufficienti e se l'austerity esce dalla porta, rientra dalla finestra". In definitiva, "comunque la si giri, la situazione non è bellissima".  O per essere più chiari: è un disastro dal quale nessuno ne uscirà indenne, a partire dall'Italia.

Redazione Milano


SE VINCERA' IL NO AL REFERENDUM DI DOMENICA PROSSIMA IN GRECIA, LUNEDI' LA TEMPESTA TRAVOLGERA' PER PRIMA L'ITALIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ITALIA   GRECIA   REFERENDUM   ATENE   ZENTI   SCENARIO   BCE   EURO   SONDAGGI   TSIPRAS   SYRIZA   ELEZIONI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA PRESSIONE FISCALE SUGLI IMMOBILI SFIORA 50 MILIARDI DI EURO L'ANNO, ITALIA HA LE TASSE SULLA CASA PIU' ALTE D'EUROPA

LA PRESSIONE FISCALE SUGLI IMMOBILI SFIORA 50 MILIARDI DI EURO L'ANNO, ITALIA HA LE TASSE SULLA
Continua

 
GIULIO SAPELLI: ''SENZA LA PARTECIPAZIONE DI RUSSIA E STATI UNITI NON SI TROVERANNO SOLUZIONI DIVERSE DAL GREXIT''

GIULIO SAPELLI: ''SENZA LA PARTECIPAZIONE DI RUSSIA E STATI UNITI NON SI TROVERANNO SOLUZIONI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!