70.628.310
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SE VINCERA' IL NO AL REFERENDUM DI DOMENICA PROSSIMA IN GRECIA, LUNEDI' LA TEMPESTA TRAVOLGERA' PER PRIMA L'ITALIA

lunedì 29 giugno 2015

Se la Grecia dovesse respingere con il referendum di domenica prossima le condizioni dei creditori per l'estensione del programma di salvataggio, con ogni probabilità "ci sarebbero conseguenze anche sull'economia reale" in Italia e non solo, come ha insegnato la crisi deflagrata dopo il fallimento di Lehman Brothers. "Anche prima del default di Lehman si diceva che non ci sarebbero stati problemi e che la situazione si poteva gestire. Come è andata a finire lo sappiamo: ci siamo ancora dentro adesso", dopo quasi sette anni.

A spiegarlo è Raffaele Zenti, fondatore del team di consulenza di Advise Only. Se il referendum dovesse concludersi con un 'no' alle richieste dei creditori, e al netto di eventuali interventi degli Usa alla luce del valore geopolitico della penisola ellenica, l'uscita della Grecia dall'euro, secondo Zenti, diventa "probabile".

Il ministro Pier Carlo Padoan "dice che la Bce è robustissima e la situazione è gestibile, ma io sono dubbioso. Se parte il panico sui mercati, gli spread dei periferici salgono a livelli stellari, le Borse crollano. I mercati sono sistemi complessi, non controllabili per definizione. E' come quando a teatro in sala parte un applauso isolato: a volte muore lì, altre volte applaudono tutti. Perché, nessuno lo sa. E' difficile dire come potrebbe andare".

Per Zenti, comunque, lo scenario che resta più probabile, "visti tutti i sondaggi seri", è che il referendum si concluda con un'accettazione delle richieste dei creditori, dato che "i greci vogliono restare nell'euro".

In quel caso il premier Alexis Tsipras, il cui partito Syriza è contrario al taglio delle pensioni, ne uscirebbe "indebolito" e comunque sui mercati bisognerebbe aspettarsi un po' di "volatilità e incertezza".

Comunque vada, dentro o fuori dall'euro, per la Grecia si profilano "anni di lacrime e sangue", perché "non sono autosufficienti e se l'austerity esce dalla porta, rientra dalla finestra". In definitiva, "comunque la si giri, la situazione non è bellissima".  O per essere più chiari: è un disastro dal quale nessuno ne uscirà indenne, a partire dall'Italia.

Redazione Milano


SE VINCERA' IL NO AL REFERENDUM DI DOMENICA PROSSIMA IN GRECIA, LUNEDI' LA TEMPESTA TRAVOLGERA' PER PRIMA L'ITALIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ITALIA   GRECIA   REFERENDUM   ATENE   ZENTI   SCENARIO   BCE   EURO   SONDAGGI   TSIPRAS   SYRIZA   ELEZIONI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI ITALIANI NON NE PUO' PIU'.

SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI

martedì 13 agosto 2019
LONDRA - Come ogni anno la commissione europea pubblica i risultati del cosiddetto Eurobarometro, un sondaggio fatto a livello europeo per conoscere il livello di popolarita' dell'Unione
Continua
 
SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA E SALVINI PREMIER!

SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA

venerdì 9 agosto 2019
Governo al capolinea, si va verso la parlamentarizzazione della crisi, con il premier Giuseppe Conte che potrebbe andare in Senato, per la fiducia, con un calendario ancora da decidere. Intanto ieri
Continua
CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA BASTIGLIA S'AVVICINA

CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA

lunedì 5 agosto 2019
LONDRA - I guai sembrano non finire mai per il presidente francese Emmanuel Macron. Non bastassero i gilet gialli adesso ci sono anche i contadini che protestano vivamente contro l'inquilino
Continua
 
ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA L'ITALIA, SEMPRE!

ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA

lunedì 5 agosto 2019
La politica è entrata ufficialmente in vacanza e l’augurio è che sia estremamente vantaggiosa ai 5S per raccogliere le idee ed uscire dal tunnel dell’opposizione interna
Continua
FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE LA BREXIT NEL MONDO

FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE

lunedì 29 luglio 2019
LONDRA - Nigel Farage e' veramente determinato a far uscire la Gran Bretagna dalla UE e lo dimostra il fatto che da molti anni sia in politica con questo scopo prima tramile lo UKIP e adesso col
Continua
 
LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO +13% CREMONA +13,2%

LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO

giovedì 25 luglio 2019
MILANO - Dal cioccolato ai formaggi, dal buon cibo al latte sino alle biciclette, alle barche e agli articoli sportivi. Cresce in maniera esponenziale l'export di prodotti legati al turismo dalla
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA PRESSIONE FISCALE SUGLI IMMOBILI SFIORA 50 MILIARDI DI EURO L'ANNO, ITALIA HA LE TASSE SULLA CASA PIU' ALTE D'EUROPA

LA PRESSIONE FISCALE SUGLI IMMOBILI SFIORA 50 MILIARDI DI EURO L'ANNO, ITALIA HA LE TASSE SULLA
Continua

 
GIULIO SAPELLI: ''SENZA LA PARTECIPAZIONE DI RUSSIA E STATI UNITI NON SI TROVERANNO SOLUZIONI DIVERSE DAL GREXIT''

GIULIO SAPELLI: ''SENZA LA PARTECIPAZIONE DI RUSSIA E STATI UNITI NON SI TROVERANNO SOLUZIONI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!