54.233.575
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA PRESSIONE FISCALE SUGLI IMMOBILI SFIORA 50 MILIARDI DI EURO L'ANNO, ITALIA HA LE TASSE SULLA CASA PIU' ALTE D'EUROPA

giovedì 18 giugno 2015

"La pressione fiscale sugli immobili sfiora quasi i 50 miliardi e l'Italia e' al primo posto per la tassazione sul patrimonio immobiliare in Europa. Dal 2011 a oggi, la casa e' stata tassata in forma patrimoniale, con un aumento delle imposte del 230%. La filiera dell'immobiliare ha perso 800 mila posti di lavoro, che sembrano non interessare a nessuno. In soli quattro anni, a causa del carico fiscale sulla casa e della diminuzione dei prezzi delle abitazioni, si sono bruciati piu' di 2.300 miliardi, degli oltre 9.600 miliardi del patrimonio immobiliare degli italiani. In Italia e' stata colpita la proprieta' immobiliare diffusa, che finora aveva prodotto solo ricchezza per la maggioranza dei cittadini. Una ricchezza diffusa per le famiglie che nel corso degli anni e' stata distrutta e che era invece rimasta immune nel corso del tempo alle crisi e all'eccessiva finanziarizzazione dei mercati e aveva garantito, con la propria patrimonializzazione, il debito pubblico italiano, impedendo al nostro Paese di diventare come la Grecia. Oggi, il Governo Renzi deve cambiare passo, tagliare le tasse sulla casa e comprendere che il settore immobiliare e' la sola leva per la crescita economica del Paese".

E' questo il quadro tracciato dal presidente della Fiaip, Paolo Righi, nel corso del Consiglio nazionale svoltosi a Roma. Tra le diverse preoccupazioni sollevate dagli agenti, oltre all'ingresso delle banche Unicredit Subito Casa e Intesa Sanpaolo nell'intermediazione immobiliare, c'e' il Ddl Concorrenza. "Un domani - sottolinea Righi - gli istituti di credito, oltre a detenere i nostri dati e i nostri portafogli, si potrebbero impossessare anche del nostro patrimonio immobiliare personale e potrebbero indirizzare i prezzi di mercato". 

"Questa e' una deregulation, non e' certo una liberalizzazione o una semplifcazione. Cosi' l'immobiliare rischia una vera e propria dittatura della finanza. E' questo il pericolo che corriamo oggi. In Italia - prosegue Righi - le liberalizzazioni sono sempre fatte a favore di pochi, per quelle grandi famiglie imprenditoriali che rappresentano una piccola comunita'. A chi giova il Ddl concorrenza? Non certo agli agenti immobiliare perche' non e' concorrenza. La concorrenza si fa alla pari e noi agenti immobiliari non abbiamo paura degli istituti di credito, pur non avendo gli stessi mezzi delle banche".

"Molti colleghi - conclude Righi - hanno il coraggio di dire che la nostra battaglia contro alcune banche e' una battaglia di retroguardia. Si sbagliano perche' il futuro e' li' ed oggi anche altre realta' associative di categoria sono al nostro fianco".

Intervenendo al Consiglio nazionale, il presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa, ha ribadito a sua volta come l'emergenza abitativa sia ancora oggi una questione aperta: "siamo dovuti intervenire per rispondere al sindacato inquilini, che chiedeva l'ennesima proroga del blocco degli sfratti, rimandando alla proprieta' lo svolgimento di compito che invece dovrebbe svolgere le autorita' pubbliche. Ma sappiamo bene come si comportano i Comuni sull'emergenza abitativa. I diritti dei proprietari sono violati ogni giorno e bisogna fare squadra tra noi per tutelarli".

Poi si è soffermato sulla tassazione immobiliare: l"'Imu e la Tasi, che nel 2014 hanno comportato versamenti per ben 25 miliardi, contro i 9 che pesava l'Ici fino al 2011, nel 2015 raggiungeranno i 26 miliardi. Si tratta di un livello non piu' sopportabile per il comparto immobiliare, soprattutto se si considera che la fiscalita' locale italiana e' di natura puramente patrimoniale. Questi dati - ha concluso - dobbiamo farli conoscere a tutti visto che ai piu' sono poco conosciuti". 

E noi de ilNord.it ora li divulghiamo.

Redazione Milano


LA PRESSIONE FISCALE SUGLI IMMOBILI SFIORA 50 MILIARDI DI EURO L'ANNO, ITALIA HA LE TASSE SULLA CASA PIU' ALTE D'EUROPA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TASSE   IMMOBILI   GOVERNO   RENZI   CASE   UNICREDIT   CRESCITA   CRISI   SETTORE   IMMOBILIARE   RENZI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SCENARI DEL DOPO VOTO /  L'UNICA SPERANZA PER L'ITALIA E' CHE VINCA L'ASSE LEGA-FDI DENTRO IL CENTRODESTRA (PD DEFUNTO)

SCENARI DEL DOPO VOTO / L'UNICA SPERANZA PER L'ITALIA E' CHE VINCA L'ASSE LEGA-FDI DENTRO IL

giovedì 23 novembre 2017
Nella primavera del 2018, anche se c’è chi sta alacremente lavorando per ritardare fino a maggio, il popolo italiano potrà finalmente esprimere il proprio giudizio sul governo
Continua
 
ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL  PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA DI MATTEO SALVINI

ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA

mercoledì 22 novembre 2017
Diffuse oggi anticipazioni del programma per l'economia della Lega, che sarà asse portante della campagna elettorale prima, poi del governo del Paese in caso di vittoria. Il programma porta
Continua
INCHIESTA-BOMBA DELLA PROCURA DI MILANO: ALTO FUNZIONARIO DEL MINISTERO DELL'ECONOMIA HA VENDUTO SEGRETI A ERNST & YOUNG

INCHIESTA-BOMBA DELLA PROCURA DI MILANO: ALTO FUNZIONARIO DEL MINISTERO DELL'ECONOMIA HA VENDUTO

mercoledì 22 novembre 2017
MILANO - La notizia di questa inchiesta di corruzione letteralmente "esplosiva" che potrebbe arrivare a coinvolgere tutti i governi italiani dal 2012 ad oggi, apre il Corriere della Sera in edicola e
Continua
 
ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO

ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A

martedì 21 novembre 2017
Il vertice del Monte dei Paschi di Siena ha messo in atto "un insieme di attivita' dolose" facendo "di tutto per occultare le operazioni e soprattutto le perdite realizzate". Il direttore generale
Continua
PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN CAMBIO? NIENTE!)

PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN

martedì 21 novembre 2017
LONDRA - Tutti coloro che soffrono per le politiche di austerita' imposte dalla UE saranno furiosi di sapere che questa istituzione malefica costa ogni anno 140 miliardi di euro (280mila miliardi
Continua
 
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BANCHE TEDESCHE, UNIVERSITA' (OXFORD BARKELEY HARVARD) CENTRI STUDI (DIW LONDON SCHOOL OF ECONOMICS): GRECIA HA RAGIONE!

BANCHE TEDESCHE, UNIVERSITA' (OXFORD BARKELEY HARVARD) CENTRI STUDI (DIW LONDON SCHOOL OF
Continua

 
SE VINCERA' IL NO AL REFERENDUM DI DOMENICA PROSSIMA IN GRECIA, LUNEDI' LA TEMPESTA TRAVOLGERA' PER PRIMA L'ITALIA

SE VINCERA' IL NO AL REFERENDUM DI DOMENICA PROSSIMA IN GRECIA, LUNEDI' LA TEMPESTA TRAVOLGERA' PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!