56.312.428
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MENTRE NON SI PARLA D'ALTRO CHE DI GRECIA, L'UCRAINA E' A UN MILLIMETRO DAL DEFAULT, CHE POTREBBE AVVENIRE IL 20 GIUGNO

venerdì 12 giugno 2015

KIEV - Un delicatissimo braccio di ferro tra creditori privati e governo ucraino fa balenare lo spettro di un imminente default, dalle conseguenze imprevedibili per l'ex Paese sovietico, in difficoltà da anni e ulteriormente devastato nella sua economia dal conflitto nel Sud-est contro i separatisti.

I principali detentori privati del debito dell'Ucraina lamentano l'estrema lentezza dei negoziati con l'esecutivo, che punta a ottenere uno "sconto" di 15,3 miliardi di dollari su quattro anni. In pratica, Kiev chiede una ristrutturazione del debito con una forte svalutazione del valore di rimborso di quanto dovuto ai grandi investitori privati in titoli ucraini.

Ma le trattative si sono prolungate, senza dare per ora frutti concreti e svariati investitori della cordata d guidata da Franklin Templeton chiedono di stringere, sostenendo che la Banca centrale Ucraina in realtà i fondi necessari ce li ha.

Oggi sulla vicenda è sceso in campo anche il Financial Times, chiedendo in un editoriale ai creditori privati di fare la loro parte per "condividere le sofferenze" dell'Ucraina, che "sta lottando per la sua sopravvivenza come Stato indipendente".

Il governo ucraino "non può permettersi di spendere circa il 5% del suo pil per pagare interessi sul debito", si allarma il Ft, esortando i colossi della finanza a cedere allo sconto: "hanno l'obbligo morale di farlo".

Un comitato che raggruppa i quattro principali creditori privati ha messo ieri nero su bianco la propria linea. "Il ministro Jaresko è da oltre un mese in possesso di una soluzione proposta dal Comitato per i Titoli e in ottemperanza con le richieste del Fondo Monetario", si legge nella nota, "siamo molto preoccupati dalla posizione che sta assumendo il ministro, che non è nell'interesse del Paese. Noi siamo disposti e pronti ad avviare trattative in qualsiasi momento".

Il ministro delle Finanze ucraino, Natalie Jaresko, da mesi batte sul tasto del debito, delle riserve valutarie troppo ridotte per discutere i finanziamenti internazionali necessari a evitare il default e della necessità di una ristrutturazione del debito sovrano, pena la sospensione dei rimborsi. Argomenti che non piacciono ai creditori, ma la Jaresko (americana naturalizzata ucraina) replica che senza la ristrutturazione rischierebbero perdite ben maggiori.

Parallelamente, c'è il capitolo russo del debito ucraino e Mosca ha già messo in chiaro di non avere nessuna intenzione di rivedere le condizioni di rimborso di tre miliardi di dollari, prestito che prevede il pagamento di interessi per 75 milioni di dollari entro il 20 giugno. In caso di mancato saldo, la Russia intende chiedere alla Corte Internazionale di Giustizia dell'Aia di dichiarare l'Ucraina in default.

Jaresko e il premier Arseniy Yatsenyuk sono a Washington per colloqui sul pacchetto di aiuti da 17,8 miliardi di dollari assegnato lo scorso anno. Sul piatto, c'è una tranche da 1,7 miliardi di dollari attesa per luglio 2015, che in teoria dovrebbe essere emessa solo dopo un accordo con i creditori. Ma data la situazione, l'Fmi ha segnalato la possibilità di dividere i due dossier: "abbiamo una policy di prestito che ci permette di continuare a prestare a uno stato membro anche in caso di arretrati con i creditori privati", ha detto il primo vice direttore del Fondo David Lipton.

Ma l'Fmi evita accuratamente di dire he questa "policy" varrebbe per l'Ucraina ma assolutamente non può valere per la Grecia. Questo perchè - ovviamente - il salvataggio o meno di uno stato in difficoltà ha a che fare unicamente con la geopolitica dettata all'Fmi dalla Casa Bianca. E Obama ha deciso di distruggere la Grecia, amica della Russia, e di salvare l'Ucraina golpista, dato che il golpe l'ha organizzato la Cia su mandato della Casa Bianca. Per essere chiari.

Redazione Milano

 


MENTRE NON SI PARLA D'ALTRO CHE DI GRECIA, L'UCRAINA E' A UN MILLIMETRO DAL DEFAULT, CHE POTREBBE AVVENIRE IL 20 GIUGNO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UCRAINA   UE   FMI   RUSSIA   CASA BIANCA   USA   OBAMA   CIA   GOLPE   KIEV   DEBITI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GRANDE COALIZIONE TEDESCA (CDU-CSU-SPD) PONE IL VETO - IN OGNI CASO - SU UN TERZO PACCHETTO DI AIUTI ALLA GRECIA

LA GRANDE COALIZIONE TEDESCA (CDU-CSU-SPD) PONE IL VETO - IN OGNI CASO - SU UN TERZO PACCHETTO DI
Continua

 
DER SPIEGEL: ''LA DDR DI IERI E' LA GRECIA DI OGGI: ALLORA SCHAEUBLE COPRI' 200 MILIARDI DI BUCO, OGGI VUOLE IL GREXIT!''

DER SPIEGEL: ''LA DDR DI IERI E' LA GRECIA DI OGGI: ALLORA SCHAEUBLE COPRI' 200 MILIARDI DI BUCO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »