54.131.361
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SE CI SARA' IL BREXIT, IL GIORNO DOPO USCIRA' ANCHE L'IRLANDA: LE GRANDI ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI LO PRETENDONO

martedì 9 giugno 2015

LONDRA - La Gran Bretagna non e' il solo paese ad avere un dibattito sulla necessita' o meno di uscire dalla UE visto che anche in Irlanda c'e' chi si chiede se vale la pena rimanere e Danny McCoy pensa che l'uscita dell' Irlanda sia inevitabile qualora la Gran Bretagna decidesse di lasciare l'Unione Europea.

L'opinione di questo signore conta, visto che e' presidente dell'Ibec, la piu' grossa associazione di imprenditori irlandesi, e in tale veste cerca di capire quali sarebbero le conseguenze per il suo paese in caso di brexit.

Ebbene, in un'intervista rilasciata al Frankfurter Allgemeine Zeitung Mc Coy ha sottolineato come un'eventuale fuoriuscita della Gran Bretagna non lasci all'Irlanda altra scelta che abbandonare a sua volta l'Unione Europea visto che una Gran Bretagna indipendente avrebbe meno tasse e regolamenti e quindi attirerebbe tutte le multinazionali che ora hanno scelto l'Irlanda come loro sede europea.

Certo molti sostengono che un eventuale brexit danneggerebbe la Gran Bretagna ma Mc Coy non e' affatto d'accordo e per dimostrare la sua tesi usa l'esempio del rifiuto della Gran Bretagna di adottare l'euro.

All'epoca molti dissero che tale decisione avrebbe distrutto la City, ma non solo questo non e' avvenuto ma la piazza finanziaria londinese e' diventata leader nella contrattazione di titoli denominati in euro.

Ovviamente cio' che vale per l'Irlanda vale anche per l'Italia, ma la nostra classe politica non vuole assolutamente iniziare questo dibattito perche' preferisce raccontare menzogne sui presunti benefici della UE e questa ostinazione ci costera' carissimo.

E' ormai sotto gli occhi di tutti il fatto che l'euro non abbia portato ricchezza agli stati che l'hanno adottato ma povertà e crisi e in aggiunta che l'Unione europea non solo è un feroce tirannosauro burocratico che divora ingentissime risorse economiche, ma prima ancora è incapace di affrontare e risolvere le crisi al suo interno.

Anzi, le peggiora come purtroppo è accaduto in Grecia, in Ucraina, nel Nord Africa con la devastazione della Libia per uccidere Gheddafi, la cui conseguenza è l'attuale invasione di orde di clandestini a tutto vantaggio delle mafie islamiche che lucrano somme enormi su questo traffico immondo che però la Ue non può e non vuole fermare. Piuttosto, lo sta alimentando.

Dato che questa è la Ue nei fatti e non nelle chiacchiere bugiarde dei vari governi Renzi, Hollande, Rajoy, è evidente che da essa bisogna fuggire a gambe levate, come la Gran Bretagan farà a breve e come l'Irlanda con ogni probabilità deciderà di fare.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.


SE CI SARA' IL BREXIT, IL GIORNO DOPO USCIRA' ANCHE L'IRLANDA: LE GRANDI ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI LO PRETENDONO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BRAXIT   IRLANDA   GRAN BRETAGNA   EURO   UE   FAZ   MC COY   CITY   LONDRA   RENZI   RAJOY   HOLLANDE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO

ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A

martedì 21 novembre 2017
Il vertice del Monte dei Paschi di Siena ha messo in atto "un insieme di attivita' dolose" facendo "di tutto per occultare le operazioni e soprattutto le perdite realizzate". Il direttore generale
Continua
 
PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN CAMBIO? NIENTE!)

PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN

martedì 21 novembre 2017
LONDRA - Tutti coloro che soffrono per le politiche di austerita' imposte dalla UE saranno furiosi di sapere che questa istituzione malefica costa ogni anno 140 miliardi di euro (280mila miliardi
Continua
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PUTIN: ''GLI STATI UNITI VOGLIONO EVITARE IL RIAVVICINAMENTO TRA EUROPA E RUSSIA E ALIMENTANO PAURE. MA NON ABBIATENE''

PUTIN: ''GLI STATI UNITI VOGLIONO EVITARE IL RIAVVICINAMENTO TRA EUROPA E RUSSIA E ALIMENTANO
Continua

 
DAL 24 GIUGNO AL 1° LUGLIO GLI AUSTRIACI FIRMERANNO PER INDIRE IL REFERENDUM D'USCITA DA EURO-UE (IN OTTOBRE 2015)

DAL 24 GIUGNO AL 1° LUGLIO GLI AUSTRIACI FIRMERANNO PER INDIRE IL REFERENDUM D'USCITA DA EURO-UE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!