50.672.700
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IN GERMANIA SEMPRE PIU' FORTE LA RICHIESTA DI CACCIARE LA GRECIA DALL'EUROZONA (E IN CAMBIO LA CANCELLAZIONE DEL DEBITO)

venerdì 5 giugno 2015

BERLINO - Dalla fine della guerra civile ad oggi, la Grecia non e' mai stata vicina quanto ora ad una catastrofe economica: casse dello Stato vuote, un indebitamento pubblico esorbitante, scioperi e disordini sociali. Presto stipendi e pensioni potrebbero non essere piu' pagati e la produzione industriale continua a calare. Gli investitori si tirano indietro e nel paese non arriva piu' capitale straniero. Il deficit del settore pubblico - aziende di Stato comprese - ammonta a un terzo del Pil.

Solo con obbligazioni mensili e continue sovvenzioni europee, scrive l'opinionista Richard Fraunberger sul quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung" che ha disegnato questo quadro, Atene riesce a tenersi a galla.

"La situazione economica e finanziaria del paese rende insostenibile l'appartenenza della Grecia all'eurozona", sostiene l'opinionista.

La Commissione europea, invece, continua a chiedere ad Atene l'attuazione di drastiche misure di riforma.

In Germania, pero', una parte sempre piu' consistente del mondo economico e' convinta che tenere legata la Grecia alla flebo degli "aiuti" europei sia ormai impossibile, tanto per Atene quanto per i suoi creditori. Il governo del premier Alexis Tsipras non si atterra' alle richieste di riforma concordate, ha dichiarato il presidente del Centro di ricerca economica europea (Zew), Clemens Fuest.

Per questo, secondo Fuest, la Germania non dovrebbe concedere nuovi crediti, col rischio piu' che concreto di non vederli piu' restituiti.

Sarebbe invece il caso, secondo Fuest, che Berlino e gli altri paesi dell'eurozona discutessero in maniera piu' costruttiva dei prestiti gia' concessi e in merito alle condizioni della loro restituzione.

Anche il presidente dell'Istituto di ricerca economica Ifo, Hans-Werner Sinn, continua a sostenere la razionalita' di uno scenario di uscita della Grecia dall'eurozona. Secondo Sinn, infatti, "solo l'uscita e la svalutazione della moneta potrebbe far ripartire l'economia di quel paese".

Ovviamente, nessuno di questi centri di studio e analisi economiche pone la questione principale, al riguardo della catastrofe greca: la "ricetta" della troika Ue-Bce-Fmi invece di migliorare la situazione verso una via d'uscita fatta di ripresa e ritrovato benessere, ha tutto al contrario peggiorato drasticamente le consizioni di vita, economiche e sociali della Grecia. Quindi, quel persorso imposto dai "creditori" è completamente errato, alla prova dei fatti. 

La crisi greca ha spaccato in due il mondo economico e politico tedesco, ma e' riuscita anche a ricompattare il partito euroscettico "Alternativa per la Germania" (AfD). Sia Hans-Olaf Henkel, appartenente all'ala piu' liberale della formazione, che Frauke Perry, l'esponente piu' conservatrice di AfD, chiedono di condonare il debito contratto dalla Grecia coi suoi creditori europei e lasciare che Atene esca dall'eurozona (Grexit). "Sarebbe nell'interesse di entrambe le parti", ha dichiarato la co-segretaria di AfD Petry al quotidiano "Handelsblatt".

Henkel, parlamentare europeo di AfD, si e' rivolta direttamente al governo tedesco, avvertendo che concedere altri prestiti al Paese ellenico, che non e' in grado di onorarli, equivarrebbe ad estendere l'entita' delle perdite miliardarie subite di fatto dai suoi creditori e terrebbe legata Atene a un circolo vizioso dal quale per anni e' stata incapace di uscire. 

Redazione Milano.

 


IN GERMANIA SEMPRE PIU' FORTE LA RICHIESTA DI CACCIARE LA GRECIA DALL'EUROZONA (E IN CAMBIO LA CANCELLAZIONE DEL DEBITO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   GRECIA   AFD   BERLINO   AIUTI   TSIPRAS   ATENE   DEBITO   PRESTITI   BCE   UE   FMI   EUROZONA   FLEBO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo

LETTERA DALL'UNGHERIA / IL RACCONTO DI COME VIENE AFFRONTATO DAL GOVERNO ORBAN IL DRAMMA
Continua

 
PUTIN: ''GLI STATI UNITI VOGLIONO EVITARE IL RIAVVICINAMENTO TRA EUROPA E RUSSIA E ALIMENTANO PAURE. MA NON ABBIATENE''

PUTIN: ''GLI STATI UNITI VOGLIONO EVITARE IL RIAVVICINAMENTO TRA EUROPA E RUSSIA E ALIMENTANO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!