46.540.065
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PARLA IL BOSS ODEVAINE, GIA' BRACCIO DESTRO DI VELTRONI E SCATTANO ALTRI 44 ARRESTI PER MAFIA CAPITALE.

giovedì 4 giugno 2015

ROMA - E' stato indicato come uno spettro che agitava il sonno di molte persone. A sei mesi dai primi arresti per l'inchiesta "Mondo di mezzo", nota anche come "Mafia Capitale", oggi si ricomincia: su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Roma il gip del tribunale di Roma ha autorizzato nuovi arresti in carcere e ai domiciliari per 44 persone che sono accusati a vario titolo, per associazione di tipo mafioso, corruzione, turbativa d'asta, false fatturazioni e trasferimento fraudolento di valori, con l'aggravante delle modalita' mafiose (art. 7 L. 203/1991).

Altre 21 persone sono indagate per i medesimi reati e sono sottoposte a perquisizione. Gli interventi sono tuttora in corso nelle province di Roma, Rieti, Frosinone, L'Aquila, Catania e Enna. Sotto la lente della procura di Roma e' finita la ramificazione dell'inchiesta legata all'emergenza immigrati. 

Nome di spicco finito in manette e' quello del consigliere regionale del Lazio Luca Gramazio, che nella scorsa consiliatura ha ricoperto il ruolo di capogruppo del Pdl in Campidoglio. Dalla stessa carica in Regione si era dimesso lo scorso dicembre dopo la diffusione della notizia del suo coinvolgimento come indagato nel primo filone dell'inchiesta di Mafia Capitale.

Le indagini avrebbero evidenziato come Luca Gramazio avrebbe partecipato all'associazione mafiosa "in qualita' di esponente della parte politica che interagiva, secondo uno schema tripartito, con la componente imprenditoriale e quella propriamente criminale. Il predetto (...) sfruttando la propria appartenenza ai suddetti organi amministrativi e la conseguente capacita' di influenza nell'ambiente istituzionale, poneva in essere condotte strumentali al conseguimento degli scopi del sodalizio". Sarebbe quindi emersa la capacita' del gruppo guidato da Massimo Carminati, "la diffusa attivita' di condizionamento" determinata "dalla rete di rapporti e dal ramificato sistema tangentizio intessuti dal gruppo mafioso e coinvolgenti pubblici amministratori e pubblici ufficiali". 

Chiave di volta e' il ruolo di Luca Odevaine, prima vice capo della segreteria di Walter Veltroni, poi a capo della Polizia Provinciale. In seguito sedeva al "Tavolo di coordinamento nazionale insediato presso il Ministero dell'Interno - Dipartimento per le liberta' civili e l'immigrazione". Dei rapporti di Odevaine con Salavatore Buzzi, a capo della Cooperativa "29 giugno", si parlava gia' nel primo filone dell'inchiesta: con oggi si conferma quindi che lo stesso Odevaine "fosse in grado di garantire consistenti benefici economici ad un 'cartello d'imprese' interessate alla gestione dei centri di accoglienza, determinando l'esclusione di imprese concorrenti dall'aggiudicazione dei relativi appalti".

Secondo gli inquirenti, gli accertamenti successivi alla tranche di arresti di dicembre hanno confermato "l'esistenza di una struttura mafiosa operante nella Capitale, cerniera tra ambiti criminali ed esponenti degli ambienti politici, amministrativi ed imprenditoriali locali". Le indagini avrebbero confermato l'esistenza di un "ramificato sistema corruttivo finalizzato a favorire un cartello d'imprese, non solo riconducibili al sodalizio, interessato alla gestione dei centri di accoglienza e ai consistenti finanziamenti pubblici connessi ai flussi migratori". Nelle prossime ore si sapranno i nomi dei nuovi indagati che potrebbero essere nomi eccellenti della politica e dell'imprenditorialita' romana e laziale. 

Luca Odevaine "riceveva da Cammisa, Ferrara, Menolascina e Parabita la promessa di una retribuzione di 10.000 euro mensili, aumentata a euro 20.000 mensili dopo l'aggiudicazione del bando di gara del 7 aprile 2014", per favorire il gruppo La Cascina nella gestione dell'emergenza profughi. E' quanto si legge nell'ordinanza firmata dal gip di Roma Flavia Costantini nei confronti di Odevaine, indagato nell'ambito della fase due dell'inchiesta Mafia capitale.

In particolare, a quanto si legge nell'ordinanza, a Odevaine viene contestata "la vendita della sua funzione e per il compimento di atti contrari ai doveri del suo ufficio in violazione dei doveri d'imparzialità della pubblica amministrazione, consistenti, tra l'altro nell'orientare le scelte del Tavolo di Coordinamento Nazionale sull'accoglienza per i richiedenti e titolari di protezione internazionale, al fine di creare le condizioni per l'assegnazione dei flussi di immigrati alle strutture gestite dal gruppo La Cascina; nel comunicare i contenuti delle riunioni e le posizioni espresse dai rappresentanti delle istituzioni nel tavolo di coordinamento nazionale; nell'effettuare pressioni finalizzate all'apertura di centri in luoghi graditi al gruppo La Cascina; nel predisporre i bandi delle gare suindicate in modo da garantire l'attribuzione al raggruppamento di imprese del quale faceva parte il gruppo La Cascina di un punteggio elevato; nel concordare con gli esponenti del gruppo La Cascina il contenuto dei bandi di gara; nel favorire l'aggiudicazione delle gare suindicate al raggruppamento di imprese del quale faceva parte il gruppo La Cascina".

Secondo l'ordinanza avrebbe ricevuto tali somme "in parte, direttamente ovvero per il tramite di Bravo Stefano e di Bruera Marco, i quali unitamente a Addeo Gerardo e ad Addeo Tommaso curavano la predisposizione della documentazione fittizia finalizzata a giustificare l'ingresso delle somme nelle casse delle fondazioni e delle società riferibili a Odevaine". 

Redazione Milano


PARLA IL BOSS ODEVAINE, GIA' BRACCIO DESTRO DI VELTRONI E SCATTANO ALTRI 44 ARRESTI PER MAFIA CAPITALE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MAFIA   CAPITALE   ROMA   ARRESTI   ODEVAINE   VELTRONI   IMMIGRATI   COOP ROSSE   COOPERATIVE ROSSE   PD   EMERGENZA   GRAMAZIO  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO PUBBLICO DEI RIBELLI

QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO

mercoledì 19 aprile 2017
ROMA - Dopo i dubbi (in latino, "dubia") che quattro cardinali gli hanno indirizzato in una lettera - privata ma poi pubblicata - la ribellione a Papa Francesco prende la forma di un convegno a due
Continua
 
L'ITALIA CROLLA IN PEZZI MENTRE VIENE INVASA DA ORDE DI MIGRANTI E IL GOVERNO STANZIA 4,6 MILIARDI PER LORO (VERGOGNA!)

L'ITALIA CROLLA IN PEZZI MENTRE VIENE INVASA DA ORDE DI MIGRANTI E IL GOVERNO STANZIA 4,6 MILIARDI

martedì 18 aprile 2017
Una rampa di collegamento del viadotto della tangenziale di Fossano, nel Cuneese, è crollata improvvisamente sulla strada sottostante, via Marene. Distrutta un'auto dei carabinieri, che stava
Continua
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua
LES ECHOS: ''IL 50% DEGLI ITALIANI PRONTO A VOTARE PARTITI NO-UE NO-EURO E L'80% DEGLI IMPRENDITORI E' CONTRO L'UNIONE''

LES ECHOS: ''IL 50% DEGLI ITALIANI PRONTO A VOTARE PARTITI NO-UE NO-EURO E L'80% DEGLI IMPRENDITORI

martedì 14 marzo 2017
PARIGI - Il tema del rifiuto sempre più vasto e profondo da parte degli italiani nei confronti della Ue è assente dalla stampa nazionale, come fosse una questione marginale.
Continua
 
IL GOVERNO PD DA' LA ''DELEGA PER LE POLITICHE GIOVANILI'' AL MINISTRO POLETTI, CHE INSULTO' I GIOVANI ITALIANI ALL'ESTERO

IL GOVERNO PD DA' LA ''DELEGA PER LE POLITICHE GIOVANILI'' AL MINISTRO POLETTI, CHE INSULTO' I

venerdì 3 marzo 2017
ROMA - PARLAMENTO - "Per la serie la persona sbagliata nel posto sbagliato… ecco che da oggi la delega alle Politiche Giovanili spetta al ministro Poletti, ministro del Lavoro, e ministro
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DRAGHI, LA LAGARDE, LA MERKEL, JUNCKER E HOLLANDE: TUTTI INTORNO AL TAVOLO PER IL DEBITO GRECO. E L'ITALIA DI RENZI? NO!

DRAGHI, LA LAGARDE, LA MERKEL, JUNCKER E HOLLANDE: TUTTI INTORNO AL TAVOLO PER IL DEBITO GRECO. E
Continua

 
A PONTIDA IL 21 GIUGNO SI CAPIRA' SE DAVVERO SALVINI E' RIUSCITO A TRASFORMARE LA LEGA DA ''NORD'' A ''NAZIONALE''

A PONTIDA IL 21 GIUGNO SI CAPIRA' SE DAVVERO SALVINI E' RIUSCITO A TRASFORMARE LA LEGA DA ''NORD''
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!