45.180.338
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DRAGHI, LA LAGARDE, LA MERKEL, JUNCKER E HOLLANDE: TUTTI INTORNO AL TAVOLO PER IL DEBITO GRECO. E L'ITALIA DI RENZI? NO!

mercoledì 3 giugno 2015

BERLINO - In visita a Berlino nella giornata di lunedi', il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, si e' trattenuto al Cancellierato fino a mezzanotte. Draghi ha discusso con il cancelliere Angela Merkel, con il presidente francese Francois Hollande, con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e con la direttrice del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, una possibile linea di compromesso che consenta di risolvere la crisi del debito di Atene.

Da notare l'assenza attorno a questo tavolo di qualsivoglia rappresentante del governo italiano, quasi che non debba avere voce in capitolo quando invece l'Italia s'è dissanguata fornendo quasi 50 miliardi di euro in contanti in pochi mesi - durante il governo Monti - per rimpinguare le casse del Fondo salva stati, denaro usato subito dopo da questo Fondo per finanziare a sua volta la Grecia. Ben 50 miliardi di euro presi a prestito - per di più - dal mercato con l'emissione di Btp per questo stratosferico importo mentre il governo Monti per "risparmiare" tagliava le pensioni con l'orribile legge Fornero. 

In ogni caso, secondo quanto riportano i media tedeschi, i creditori della Grecia vorrebbero presentare un'ultima proposta di compromesso al governo greco. Per tutti, pero', la posta in gioco e' molto alta: in caso di una "Grexit", la Grecia rischia il caos economico e i paesi dell'euro la perdita totale dei crediti per quasi 200 miliardi di euro. L'Italia, come appena detto, quasi 50.

Le conseguenze sarebbero drammatiche soprattutto per il bilancio della Bce: l'Eurotower rischia una perdita da 115 miliardi di euro e dovrebbe giustificare ai cittadini europei, assieme ai governi dell'Ue, l'impiego di una quantita' cosi' elevata di denaro pubblico per il salvataggio di uno Stato che da tempo appare in una condizione di default di fatto. Draghi molto probabilmente sarebbe costretto a dare le dimissioni.

E allora, mentre la leadership europea - dalla quale l'Italia di Renzi è esclusa - si affanna alla ricerca di una soluzione, l'opinionista Holger Steltzner sul quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung" si complimenta col governo greco: il premier greco Tsipras "ha strapazzato cosi' a lungo i nervi dei suoi creditori da riuscire a portare le trattative sui debiti del suo paese dove ha sempre voluto: sul piano politico".

E' vero che la cancelliera Merkel non ha invitato Tsipras all'ennesimo vertice anti-crisi a Berlino insieme ad Hollande, Jucnker, Lagarde e al presidente della Bce Draghi (per altro nn ha invitato neppure Renzi): il vincitore di questo incontro, scrive l'opinionista, e' stato pero' proprio l'assente Tsipras. La leadership europea sa che la Grexit rivelerebbe le centinaia di miliardi versati per il salvataggio di Atene per quello che sono: soldi dei contribuenti europei elargiti a fondo perduto per perpetrare la promessa della supposta "irreversibilita'" della moneta unica. E cosi', la strategia di Merkel per il salvataggio dell'euro, da lei stessa definita come un "aiuto contro i vincoli", e' diventata un "aiuto ad ogni costo". 

Questo editoriale segna, a guisa di marchio a fuoco, il no netto e irreversibile della grande borghesia tedesca alle fallimentari politiche del governo Merkel rispetto la questione greca e mette in chiaro che comunque andrà a finire, l'euro ha ricevuto un colpo mortale.

Redazione Milano.


DRAGHI, LA LAGARDE, LA MERKEL, JUNCKER E HOLLANDE: TUTTI INTORNO AL TAVOLO PER IL DEBITO GRECO. E L'ITALIA DI RENZI? NO!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   DEBITO   ITALIA   FMI   BCE   RENZI   TSIPRAS   JUNCKER   HOLLANDE   MERKEL   GRECIA   ITALIA   FRANCIA   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ANALISI DEL VOTO / LA LEGA HA OTTENUTO OLTRE IL DOPPIO DEI VOTI DELLE POLITICHE (+109,4%) MENTRE IL PD HA PERSO IL 50,2%

ANALISI DEL VOTO / LA LEGA HA OTTENUTO OLTRE IL DOPPIO DEI VOTI DELLE POLITICHE (+109,4%) MENTRE IL
Continua

 
PARLA IL BOSS ODEVAINE, GIA' BRACCIO DESTRO DI VELTRONI E SCATTANO ALTRI 44 ARRESTI PER MAFIA CAPITALE.

PARLA IL BOSS ODEVAINE, GIA' BRACCIO DESTRO DI VELTRONI E SCATTANO ALTRI 44 ARRESTI PER MAFIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!