56.370.868
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DRAGHI, LA LAGARDE, LA MERKEL, JUNCKER E HOLLANDE: TUTTI INTORNO AL TAVOLO PER IL DEBITO GRECO. E L'ITALIA DI RENZI? NO!

mercoledì 3 giugno 2015

BERLINO - In visita a Berlino nella giornata di lunedi', il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, si e' trattenuto al Cancellierato fino a mezzanotte. Draghi ha discusso con il cancelliere Angela Merkel, con il presidente francese Francois Hollande, con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e con la direttrice del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, una possibile linea di compromesso che consenta di risolvere la crisi del debito di Atene.

Da notare l'assenza attorno a questo tavolo di qualsivoglia rappresentante del governo italiano, quasi che non debba avere voce in capitolo quando invece l'Italia s'è dissanguata fornendo quasi 50 miliardi di euro in contanti in pochi mesi - durante il governo Monti - per rimpinguare le casse del Fondo salva stati, denaro usato subito dopo da questo Fondo per finanziare a sua volta la Grecia. Ben 50 miliardi di euro presi a prestito - per di più - dal mercato con l'emissione di Btp per questo stratosferico importo mentre il governo Monti per "risparmiare" tagliava le pensioni con l'orribile legge Fornero. 

In ogni caso, secondo quanto riportano i media tedeschi, i creditori della Grecia vorrebbero presentare un'ultima proposta di compromesso al governo greco. Per tutti, pero', la posta in gioco e' molto alta: in caso di una "Grexit", la Grecia rischia il caos economico e i paesi dell'euro la perdita totale dei crediti per quasi 200 miliardi di euro. L'Italia, come appena detto, quasi 50.

Le conseguenze sarebbero drammatiche soprattutto per il bilancio della Bce: l'Eurotower rischia una perdita da 115 miliardi di euro e dovrebbe giustificare ai cittadini europei, assieme ai governi dell'Ue, l'impiego di una quantita' cosi' elevata di denaro pubblico per il salvataggio di uno Stato che da tempo appare in una condizione di default di fatto. Draghi molto probabilmente sarebbe costretto a dare le dimissioni.

E allora, mentre la leadership europea - dalla quale l'Italia di Renzi è esclusa - si affanna alla ricerca di una soluzione, l'opinionista Holger Steltzner sul quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung" si complimenta col governo greco: il premier greco Tsipras "ha strapazzato cosi' a lungo i nervi dei suoi creditori da riuscire a portare le trattative sui debiti del suo paese dove ha sempre voluto: sul piano politico".

E' vero che la cancelliera Merkel non ha invitato Tsipras all'ennesimo vertice anti-crisi a Berlino insieme ad Hollande, Jucnker, Lagarde e al presidente della Bce Draghi (per altro nn ha invitato neppure Renzi): il vincitore di questo incontro, scrive l'opinionista, e' stato pero' proprio l'assente Tsipras. La leadership europea sa che la Grexit rivelerebbe le centinaia di miliardi versati per il salvataggio di Atene per quello che sono: soldi dei contribuenti europei elargiti a fondo perduto per perpetrare la promessa della supposta "irreversibilita'" della moneta unica. E cosi', la strategia di Merkel per il salvataggio dell'euro, da lei stessa definita come un "aiuto contro i vincoli", e' diventata un "aiuto ad ogni costo". 

Questo editoriale segna, a guisa di marchio a fuoco, il no netto e irreversibile della grande borghesia tedesca alle fallimentari politiche del governo Merkel rispetto la questione greca e mette in chiaro che comunque andrà a finire, l'euro ha ricevuto un colpo mortale.

Redazione Milano.


DRAGHI, LA LAGARDE, LA MERKEL, JUNCKER E HOLLANDE: TUTTI INTORNO AL TAVOLO PER IL DEBITO GRECO. E L'ITALIA DI RENZI? NO!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   DEBITO   ITALIA   FMI   BCE   RENZI   TSIPRAS   JUNCKER   HOLLANDE   MERKEL   GRECIA   ITALIA   FRANCIA   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ANALISI DEL VOTO / LA LEGA HA OTTENUTO OLTRE IL DOPPIO DEI VOTI DELLE POLITICHE (+109,4%) MENTRE IL PD HA PERSO IL 50,2%

ANALISI DEL VOTO / LA LEGA HA OTTENUTO OLTRE IL DOPPIO DEI VOTI DELLE POLITICHE (+109,4%) MENTRE IL
Continua

 
PARLA IL BOSS ODEVAINE, GIA' BRACCIO DESTRO DI VELTRONI E SCATTANO ALTRI 44 ARRESTI PER MAFIA CAPITALE.

PARLA IL BOSS ODEVAINE, GIA' BRACCIO DESTRO DI VELTRONI E SCATTANO ALTRI 44 ARRESTI PER MAFIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »