44.311.331
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ARRIVA L'ESTATE BOLLENTE! DATA PER DATA, ECCO IL CALENDARIO DELLE TREMENDE ONDATE DI CALDO (FISCALE) IN ARRIVO IN ITALIA

giovedì 21 maggio 2015

L’estate 2015 si preannuncia particolarmente calda. Non stiamo parlando di previsioni meteo però, ma delle scadenze fiscali che si annunciano come l’ennesima mazzata per i contribuenti italiani.

Vediamo nel dettaglio cosa ci attende a partire da giugno, e cioè il gioioso mese (per il visco sanguisuga) che sta per arrivare e che apre la "bella stagione" delle rapine fiscali ai cittadini italiani (e nonostante ciò il debito pubblico continua inesorabilmente a crescere) 

Si comincia con il 16 giugno:

E' l'ultimo giorno di versamento saldi e/o acconto delle imposte per addizionali e contributi risultanti dai Modelli Unico 2015 e irap 2015, tra i quali: 

 - IRPEF, IRES, IVAFE,

- maggiore iva e maggiorazione del 3% da adeguamento agli studi di settore

- acconto del 20% per la tassazione separata

- imposte sostitutive (ad es. nuove iniziative produttive e regime dei minimi)

- contributi previdenziali (inps commercianti e artigiani, gestioni separate)

- saldo IVA annuale portato in Unico

- diritto annuale della camera di commercio

Si prosegue con il 30 giugno:

- modello unico persone fisiche in forma cartacea

Dopo di che c'è il 31 luglio:

- Modello 770 semplificato ed ordinario

E per chiudere "in bellezza" l'estate c'è l'appuntamento fiscale del 30 settembre:

- Unico, IVA, IRAP, è l’ultimo giorno per la trasmissione telematica dei modelli Unico, Irap, IVA, Consolidato nazionale e mondiale 2015 in relazione al periodo d’imposta 2014.

Come possiamo vedere si tratta di un’autentica mitragliata di scadenze estive che, oltre a dissanguare le tasche dei cittadini, rappresentano un calvario di date ed adempimenti da far impazzire commercialisti e fiscalisti, con relativi costi di ore uomo, oltre che economici per i cittadini.

Già, perché troppo spesso ci si dimentica che oltre alla pressione fiscale “visibile”, ovvero le aliquote fiscali e/o tributarie, esiste quella “occulta”, cioè i costi necessari per adempiere agli obblighi fiscali, che dovrebbero ben essere aggiunti ai primi.

Certo, in questo momento il governo si sta esaltando per la crescita del PIL di “ben” lo 0,3% affermando pomposamente che la recessione è finita.

Peccato che, per stessa ammissione del ministero delle finanze, di questo 0,3%, l’80% derivi da fattori esterni legati alla svalutazione del dollaro ed al calo del costo del petrolio. La “grande ripresa” italiana, legata ai fattori interni, ovvero a consumi nostrani, depurata dalle congiunzioni astrali favorevoli sarebbe quindi di “ben” 0,06%, ovvero encefalogramma piatto.

Questo significa che in Italia non esiste alcuna ripresa, il tessuto economico è incancrenito, i consumi non ripartono e la disoccupazione rimane alle stelle.

L’unica cosa che cresce con costanza è il debito pubblico, che ha toccato a febbraio il nuovo record di 2.169 miliardi, alla faccia del risanamento dei conti sbandierato dal premier non eletto.

Il punto su cui vogliamo far riflettere i lettori è questo: se anche in presenza di una congiuntura internazionale estremamente favorevole, il PIL non riparte, alla prima correzione del ciclo verso il ribasso, cosa accadrà all’Italia? Ovviamente una nuova recessione, con ulteriore aumento della pressione fiscale per rispettare i folli parametri Ue, e, a cascata, crollo del PIL, aumento della disoccupazione e esplosione del debito pubblico.

Questo è il risultato delle “ricette” imposte dalla Ue e dall'FMI all'Italia in nome dell’austerità, del risanamento dei conti e della “durezza del vivere” tanto cara agli oligarchi (purchè sia imposta agli altri).

E nel frattempo, Arthur Laffer potrà realizzare un nuovo libro  sulla validità delle sue teorie, studiando un esempio pratico: il disastro italiano provocato dagli ultimi tre governi.

Luca Campolongo

 

 


ARRIVA L'ESTATE BOLLENTE! DATA PER DATA, ECCO IL CALENDARIO DELLE TREMENDE ONDATE DI CALDO (FISCALE) IN ARRIVO IN ITALIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TASSE   SCADENZE   ESTATE   GOVERNO   LADRO   SALDI   POPOLAZIONE   ITALIA   RENZI   FISCO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SALVINI: ''FRANCIA E ALTRI PAESI FANNO I LORO INTERESSI NAZIONALI E RESPINGONO I MIGRANTI DALL'ITALIA, RENZI E ALFANO NO''

SALVINI: ''FRANCIA E ALTRI PAESI FANNO I LORO INTERESSI NAZIONALI E RESPINGONO I MIGRANTI
Continua

 
PODEMOS TRIONFA ALLE ELEZIONI SPAGNOLE! CONQUISTATA BARCELLONA, ASSEDIATA MADRID E IN AUTUNNO LE POLITICHE: ADDIO RAJOY

PODEMOS TRIONFA ALLE ELEZIONI SPAGNOLE! CONQUISTATA BARCELLONA, ASSEDIATA MADRID E IN AUTUNNO LE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!