45.059.062
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ARRIVA L'ESTATE BOLLENTE! DATA PER DATA, ECCO IL CALENDARIO DELLE TREMENDE ONDATE DI CALDO (FISCALE) IN ARRIVO IN ITALIA

giovedì 21 maggio 2015

L’estate 2015 si preannuncia particolarmente calda. Non stiamo parlando di previsioni meteo però, ma delle scadenze fiscali che si annunciano come l’ennesima mazzata per i contribuenti italiani.

Vediamo nel dettaglio cosa ci attende a partire da giugno, e cioè il gioioso mese (per il visco sanguisuga) che sta per arrivare e che apre la "bella stagione" delle rapine fiscali ai cittadini italiani (e nonostante ciò il debito pubblico continua inesorabilmente a crescere) 

Si comincia con il 16 giugno:

E' l'ultimo giorno di versamento saldi e/o acconto delle imposte per addizionali e contributi risultanti dai Modelli Unico 2015 e irap 2015, tra i quali: 

 - IRPEF, IRES, IVAFE,

- maggiore iva e maggiorazione del 3% da adeguamento agli studi di settore

- acconto del 20% per la tassazione separata

- imposte sostitutive (ad es. nuove iniziative produttive e regime dei minimi)

- contributi previdenziali (inps commercianti e artigiani, gestioni separate)

- saldo IVA annuale portato in Unico

- diritto annuale della camera di commercio

Si prosegue con il 30 giugno:

- modello unico persone fisiche in forma cartacea

Dopo di che c'è il 31 luglio:

- Modello 770 semplificato ed ordinario

E per chiudere "in bellezza" l'estate c'è l'appuntamento fiscale del 30 settembre:

- Unico, IVA, IRAP, è l’ultimo giorno per la trasmissione telematica dei modelli Unico, Irap, IVA, Consolidato nazionale e mondiale 2015 in relazione al periodo d’imposta 2014.

Come possiamo vedere si tratta di un’autentica mitragliata di scadenze estive che, oltre a dissanguare le tasche dei cittadini, rappresentano un calvario di date ed adempimenti da far impazzire commercialisti e fiscalisti, con relativi costi di ore uomo, oltre che economici per i cittadini.

Già, perché troppo spesso ci si dimentica che oltre alla pressione fiscale “visibile”, ovvero le aliquote fiscali e/o tributarie, esiste quella “occulta”, cioè i costi necessari per adempiere agli obblighi fiscali, che dovrebbero ben essere aggiunti ai primi.

Certo, in questo momento il governo si sta esaltando per la crescita del PIL di “ben” lo 0,3% affermando pomposamente che la recessione è finita.

Peccato che, per stessa ammissione del ministero delle finanze, di questo 0,3%, l’80% derivi da fattori esterni legati alla svalutazione del dollaro ed al calo del costo del petrolio. La “grande ripresa” italiana, legata ai fattori interni, ovvero a consumi nostrani, depurata dalle congiunzioni astrali favorevoli sarebbe quindi di “ben” 0,06%, ovvero encefalogramma piatto.

Questo significa che in Italia non esiste alcuna ripresa, il tessuto economico è incancrenito, i consumi non ripartono e la disoccupazione rimane alle stelle.

L’unica cosa che cresce con costanza è il debito pubblico, che ha toccato a febbraio il nuovo record di 2.169 miliardi, alla faccia del risanamento dei conti sbandierato dal premier non eletto.

Il punto su cui vogliamo far riflettere i lettori è questo: se anche in presenza di una congiuntura internazionale estremamente favorevole, il PIL non riparte, alla prima correzione del ciclo verso il ribasso, cosa accadrà all’Italia? Ovviamente una nuova recessione, con ulteriore aumento della pressione fiscale per rispettare i folli parametri Ue, e, a cascata, crollo del PIL, aumento della disoccupazione e esplosione del debito pubblico.

Questo è il risultato delle “ricette” imposte dalla Ue e dall'FMI all'Italia in nome dell’austerità, del risanamento dei conti e della “durezza del vivere” tanto cara agli oligarchi (purchè sia imposta agli altri).

E nel frattempo, Arthur Laffer potrà realizzare un nuovo libro  sulla validità delle sue teorie, studiando un esempio pratico: il disastro italiano provocato dagli ultimi tre governi.

Luca Campolongo

 

 


ARRIVA L'ESTATE BOLLENTE! DATA PER DATA, ECCO IL CALENDARIO DELLE TREMENDE ONDATE DI CALDO (FISCALE) IN ARRIVO IN ITALIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TASSE   SCADENZE   ESTATE   GOVERNO   LADRO   SALDI   POPOLAZIONE   ITALIA   RENZI   FISCO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SALVINI: ''FRANCIA E ALTRI PAESI FANNO I LORO INTERESSI NAZIONALI E RESPINGONO I MIGRANTI DALL'ITALIA, RENZI E ALFANO NO''

SALVINI: ''FRANCIA E ALTRI PAESI FANNO I LORO INTERESSI NAZIONALI E RESPINGONO I MIGRANTI
Continua

 
PODEMOS TRIONFA ALLE ELEZIONI SPAGNOLE! CONQUISTATA BARCELLONA, ASSEDIATA MADRID E IN AUTUNNO LE POLITICHE: ADDIO RAJOY

PODEMOS TRIONFA ALLE ELEZIONI SPAGNOLE! CONQUISTATA BARCELLONA, ASSEDIATA MADRID E IN AUTUNNO LE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!