45.202.511
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA MERKEL: ''VOGLIO RISOLVERE LA QUESTIONE UCRAINA (SANZIONI) CON LA RUSSIA E NON CONTRO LA RUSSIA'' (SE NO ADDIO EXPORT)

martedì 12 maggio 2015

MOSCA - Angela Merkel vuole risolvere definitivamente la questione Ucraina, "con la Russia e non contro la Russia", ha assicurato la cancelliera domenica, di fronte ai cittadini russi e al presidente Vladimir Putin e dopo aver onorato le vittime russe della Secondo guerra mondiale.

Le parole della cancelliera sono state accolte con favore soprattutto dalle aziende tedesche che nonostante la crisi ucraina sono rimaste nel paese ed ora sperano in una ripresa degli affari.

Le imprese tedesche si augurano soprattutto un allentamento delle sanzioni economiche contro Mosca.

"Solo con un dialogo continuo potremo uscire dallo scontro politico ed economico", ha commentato Eckhard Cordes, presidente della Commissione Est del mondo economico tedesco al quotidiano "Handelsblatt".

Secondo Rainer Seele, il presidente della Camera di Commercio russo-tedesca, la risoluzione dello scontro non puo' prescindere da un dialogo permanente: "Con preoccupazione stiamo assistendo ad un calo del volume commerciale bilaterale e ad un orientamento della politica economica della Russia verso la Cina", ha lamentato Seele.

In un'intervista allo stesso quotidiano, il direttore del dipartimento clientela di Dz Bank, Stefan Zeidler, cita i settori dell'economia tedesca piu' colpiti dagli effetti della crisi ucraina, e da' dei suggerimenti alle aziende tedesche attive in Russia.

L'industria di trasformazione agroalimentare e' tra i clienti piu' importanti della banca: per quanto riguarda i latticini, il crollo del prezzo dovuto alle sanzioni contro la Russia e' molto preoccupante. Tuttavia, tra gli attori economici tedeschi attivi in Russia "non c'e' un clima fatalista, nessun clima da minaccia esistenziale": i prezzi sono ancora al di sopra di quelli del 2009 e inoltre, per molti imprenditori si sta aprendo il mercato cinese, che compensa almeno in parte le dinamiche di quello russo.

Il commercio di beni di consumo in Russia e' crollato drasticamente, ma le aziende tedesche non intendono lasciare il paese. Se il rublo continua a riprendersi, nel 2015 il commercio con la Russia potrebbe esibire importanti segnali di ripresa, spiega Zeidler. 

Ma il dato vero è che la Germania aveva nella Russia il primo Paese per le esportazioni e le sanzioni volute dagli americani e dalla Nato hanno massacrato l'export tedesco, con in più il fatto che la Russia non è stata a guardare, ha ampiamente sostituito l'import tedesco con l'import cinese di alta qualità e con prezzi enormemente concorrenziali con quelli della Germania.

Risultato? il Declino dell'export tedesco in Russia e per conseguenza la continuazione della recessione.

Redazione Milano.

 


LA MERKEL: ''VOGLIO RISOLVERE LA QUESTIONE UCRAINA (SANZIONI) CON LA RUSSIA E NON CONTRO LA RUSSIA'' (SE NO ADDIO EXPORT)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MERKEL   PUTIN   UCRAINA   SANZIONI   EXPORT   CINA   MOSCA   RUSSIA   BERLINO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FINANCIAL TIMES ''AVVISA LA UE'': 23 ANNI FA SONDAGGI ERRATI E VINSE MAJOR E VIA DALLO SME. OGGI UGUALE, E VIA DALLA UE...

FINANCIAL TIMES ''AVVISA LA UE'': 23 ANNI FA SONDAGGI ERRATI E VINSE MAJOR E VIA DALLO SME. OGGI
Continua

 
SONDAGGIO UE / REPUBBLICA CECA: 85% CONTRO L'EURO, SVEZIA 66%, POLONIA 53% (NOTIZIE CENSURATE IN ITALIA)

SONDAGGIO UE / REPUBBLICA CECA: 85% CONTRO L'EURO, SVEZIA 66%, POLONIA 53% (NOTIZIE CENSURATE IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!