49.773.541
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA MERKEL: ''VOGLIO RISOLVERE LA QUESTIONE UCRAINA (SANZIONI) CON LA RUSSIA E NON CONTRO LA RUSSIA'' (SE NO ADDIO EXPORT)

martedì 12 maggio 2015

MOSCA - Angela Merkel vuole risolvere definitivamente la questione Ucraina, "con la Russia e non contro la Russia", ha assicurato la cancelliera domenica, di fronte ai cittadini russi e al presidente Vladimir Putin e dopo aver onorato le vittime russe della Secondo guerra mondiale.

Le parole della cancelliera sono state accolte con favore soprattutto dalle aziende tedesche che nonostante la crisi ucraina sono rimaste nel paese ed ora sperano in una ripresa degli affari.

Le imprese tedesche si augurano soprattutto un allentamento delle sanzioni economiche contro Mosca.

"Solo con un dialogo continuo potremo uscire dallo scontro politico ed economico", ha commentato Eckhard Cordes, presidente della Commissione Est del mondo economico tedesco al quotidiano "Handelsblatt".

Secondo Rainer Seele, il presidente della Camera di Commercio russo-tedesca, la risoluzione dello scontro non puo' prescindere da un dialogo permanente: "Con preoccupazione stiamo assistendo ad un calo del volume commerciale bilaterale e ad un orientamento della politica economica della Russia verso la Cina", ha lamentato Seele.

In un'intervista allo stesso quotidiano, il direttore del dipartimento clientela di Dz Bank, Stefan Zeidler, cita i settori dell'economia tedesca piu' colpiti dagli effetti della crisi ucraina, e da' dei suggerimenti alle aziende tedesche attive in Russia.

L'industria di trasformazione agroalimentare e' tra i clienti piu' importanti della banca: per quanto riguarda i latticini, il crollo del prezzo dovuto alle sanzioni contro la Russia e' molto preoccupante. Tuttavia, tra gli attori economici tedeschi attivi in Russia "non c'e' un clima fatalista, nessun clima da minaccia esistenziale": i prezzi sono ancora al di sopra di quelli del 2009 e inoltre, per molti imprenditori si sta aprendo il mercato cinese, che compensa almeno in parte le dinamiche di quello russo.

Il commercio di beni di consumo in Russia e' crollato drasticamente, ma le aziende tedesche non intendono lasciare il paese. Se il rublo continua a riprendersi, nel 2015 il commercio con la Russia potrebbe esibire importanti segnali di ripresa, spiega Zeidler. 

Ma il dato vero è che la Germania aveva nella Russia il primo Paese per le esportazioni e le sanzioni volute dagli americani e dalla Nato hanno massacrato l'export tedesco, con in più il fatto che la Russia non è stata a guardare, ha ampiamente sostituito l'import tedesco con l'import cinese di alta qualità e con prezzi enormemente concorrenziali con quelli della Germania.

Risultato? il Declino dell'export tedesco in Russia e per conseguenza la continuazione della recessione.

Redazione Milano.

 


LA MERKEL: ''VOGLIO RISOLVERE LA QUESTIONE UCRAINA (SANZIONI) CON LA RUSSIA E NON CONTRO LA RUSSIA'' (SE NO ADDIO EXPORT)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MERKEL   PUTIN   UCRAINA   SANZIONI   EXPORT   CINA   MOSCA   RUSSIA   BERLINO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua
 
SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI SACRIFI DEI POLIZIOTTI

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI

giovedì 20 luglio 2017
"Un sistema in cui la vita di un Servitore dello Stato vale poco o nulla, in cui chi si aggira armato in mezzo alla strada menando fendenti e aggredendo un poliziotto torna tranquillamente in
Continua
LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA AMERICANA DELLA GIUSTIZIA

LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA

mercoledì 19 luglio 2017
"Di fronte al grave attacco contro l'indipendenza della giustizia in Polonia" la Commissione europea oggi ha minacciato di fare un passo senza precedenti verso sanzioni contro il governo nazionalista
Continua
 
COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E CORAGGIO PER TUTTI NOI

COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E

mercoledì 19 luglio 2017
Riportiamo - parola per parola - l'ultimo intervento pubblico del giudice Paolo Borsellino, la sera del  25 giugno del 1992, quando decise di partecipare ad un dibattito organizzato da Micromega
Continua
THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE AL MONDO (COME RAQQA)

THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE

martedì 18 luglio 2017
LONDON - Naples, the Italian city, is famed throughout the world for its links to organised crime. Mafia hits in Naples are more frequent than elsewhere in the home of Italy’s oldest crime
Continua
 
ORRORE IN GERMANIA: 547 BAMBINI DEL CORO DELLE VOCI BIANCHE DEL DUOMO DI RATISBONA HANNO SUBITO VIOLENZE, ANCHE SESSUALI

ORRORE IN GERMANIA: 547 BAMBINI DEL CORO DELLE VOCI BIANCHE DEL DUOMO DI RATISBONA HANNO SUBITO

martedì 18 luglio 2017
RATISBONA -  GERMANIA - Esplode lo scandalo dei maltrattamenti e degli abusi sessuali subiti da centinaia di ragazzi e bambini del coro cattolico del Duomo di Ratisbona, il piu' antico coro di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FINANCIAL TIMES ''AVVISA LA UE'': 23 ANNI FA SONDAGGI ERRATI E VINSE MAJOR E VIA DALLO SME. OGGI UGUALE, E VIA DALLA UE...

FINANCIAL TIMES ''AVVISA LA UE'': 23 ANNI FA SONDAGGI ERRATI E VINSE MAJOR E VIA DALLO SME. OGGI
Continua

 
SONDAGGIO UE / REPUBBLICA CECA: 85% CONTRO L'EURO, SVEZIA 66%, POLONIA 53% (NOTIZIE CENSURATE IN ITALIA)

SONDAGGIO UE / REPUBBLICA CECA: 85% CONTRO L'EURO, SVEZIA 66%, POLONIA 53% (NOTIZIE CENSURATE IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!