55.079.200
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / LE PREVISIONI DELL'UNIONE EUROPEA PER L'ITALIA DAL 2012 AD OGGI SONO TUTTE FALSE (TRUFFA)

venerdì 8 maggio 2015

In questi giorni gli oligarchi ue hanno diramato le stime su pil e rapporto deficit/pil per il 2015 per il nostro paese.

Secondo Bruxelles, quest’anno il pil crescera di “ben” lo 0,6% (ricordiamo che i dati storici evidenziano che per crescite del pil inferiori al 2% non si crea nuova occupazione) ed il rapporto deficit/pil dovrebbe attestarsi al 2,6%, facendoci rientrare nel “club dei bravi scolari”.

Ci sarebbe quasi da essere felici, dopo anni di crisi, se non fosse per un semplice fatto: negli ultimi anni le previsioni della ue sulla crescita del pil non si sono mai avverate.

Non ci credete? Vediamo qualche dato a confronto

Anno 2012

Previsioni ue: pil -1,4% e rapporto deficit/pil 3%

Realtà: pil -2,4%  e rapporto deficit/pil 3%

Anno 2013

Previsioni ue: pil -1,3% e rapporto deficit/pil 2,9%

Realtà:  pil -1,9% e rapporto deficit/pil 2,8%

Anno 2014

Previsioni ue: pil +0,7% e rapporto deficit/pil  3%

Realtà:  pil -0,4% e rapporto deficit/pil 3%

I dati consultivi sono presi direttamente dall’ISTAT. 

Come possiamo notare, mentre il rapporto deficit/pil rispetta sostanzialmente le attese, la crescita del pil è stata sistematicamente sovrastimata dagli oligarchi ue.

Il motivo? Molto semplice:  indurre nei cittadini la speranza che il peggio sia finito e far meglio sopportare loro le varie manovre correttive messe in atto dagli ultimi tre governi per rispettare il famigerato “parametro” che crea distinzione tra paesi cattivi e buoni secondo i canoni espressi dalle parti di Berlino e Bruxelles.

D’altra parte è dimostrato scientificamente che le persone hanno scarsa memoria  per numeri e dati, per cui, da un anno all’altro si può ripetere in modo agevole il trucchetto, “spostando” di ulteriori dodici mesi la ripresa e passando subito all’incasso con le manovre correttive in nome della “crescita” e del “risanamento”.

In Veneto c’è un proverbio che recita all’incirca in questo modo:  “Un contadino si lamentò che sul più bello che era riuscito ad abituare il suo asino a mangiar paglia al posto della biada, gli era morto.” Questo è quello che rischia il premier non eletto italiano e gli oligarchi ue: sono talmente convinti di poter condannare un intero continente (questo è un trucchetto diffuso nell’intera eurozona) alla misera ed alla disperazione, da non rendersi conto che sta montando la più grande ondata di rigetto nei confronti delle istituzioni europee che si sia mai vista.

Le strade percorribili per l’italico stivale sono solamente due: o una lenta e dolorosa agonia che porterà alla deindustrializzazione del paese, facendolo diventare una colonia a basso costo per le potenti multinazionali dei paesi teutonici, o la presa di coscienza che l’euro ed i folli parametri che stanno alla sua base sono una catena da spezzare, senza lasciarsi imbonire da previsioni più degne di una fattucchiera che di un centro studi.

Altre strade non ve ne sono, e dipende solo ed esclusivamente dai cittadini, quale futuro darsi.

Luca Campolongo

Fonti: comunicati ufficiali della commissione ue e dati istat

 


L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / LE PREVISIONI DELL'UNIONE EUROPEA PER L'ITALIA DAL 2012 AD OGGI SONO TUTTE FALSE (TRUFFA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / TAGLIO DELLE TASSE AL 30% COME MASSIMO E CI SARA' LA RIPRESA. ORA IL PAESE E' MORTO

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / TAGLIO DELLE TASSE AL 30% COME MASSIMO E CI SARA' LA RIPRESA. ORA IL
Continua

 
CHICAGO, LA ''DEMOCRATICA CITTA' DI OBAMA'' E' IN STATO DI DISSESTO FINANZIARIO ADDIRITTURA PEGGIORE DI QUELLO DI DETROIT

CHICAGO, LA ''DEMOCRATICA CITTA' DI OBAMA'' E' IN STATO DI DISSESTO FINANZIARIO ADDIRITTURA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!