43.275.577
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL GOVERNO UNGHERESE MANDA UN QUESTIONARIO SULL'IMMIGRAZIONE A CASA DEI CITTADINI PER SAPERE CHE NE PENSANO (DEMOCRAZIA)

giovedì 30 aprile 2015

LONDRA - Uno degli aspetti piu' rivoltati dell'immigrazione e' il fatto che nessun governo in Italia abbia mai chiesto ai cittadini se vogliono essere invasi da stranieri, e questo la dice lunga sulla mancanza di democrazia nel nostro paese.

Per tale motivo e' da lodare l'iniziativa del primo ministro ungherese Viktor Orban il quale vuole inviare un questionario a 8 milioni di cittadini ungheresi che chiedere loro se vogliono essere invasi da immigrati. Se preferite, "accoglierli in massa". 

Le domande del questionario sono dodici e a risposta multipla ("sono pienamente d'accordo", "sono tendenzialmente d'accordo", "non sono d'accordo" o, a seconda della richiesta: "Sì, darei pieno sostegno al Governo", "Darei parziale sostegno al Governo", "Non darei il mio supporto al Governo").

Ecco il testo del "questionario sull'immigrazione"

1) Sentiamo diverse opinioni su crescenti livelli di terrorismo. Quanto ritiene rilevante sulla sua vita la diffusione del terrorismo (l’attentato in Francia, gli atti scioccanti dell’ISIS)?

2) Pensa che l’Ungheria potrebbe rientrare nel target per un atto di terrore nei prossimi anni?

3) E’ opinione diffusa che la politica di Bruxelles in materia di immigrazione e terrorismo abbia fallito e che quindi ci sia il bisogno di un nuovo approccio su queste questioni. Si trova d’accordo?

4) Alcuni sostengono che la diffusione del terrorismo sia legata alle cattiva gestione da parte di Bruxelles della questione immigrazione. Si trova d'accordo con questa opinione? 

5) Darebbe sostegno al governo ungherese sull’introduzione di regole più severe, in base alle quali i migranti che attraversano illegalmente i confini ungheresi dovrebbero essere messi sotto custodia?

6) E’ d’accordo sull’opinione che i migranti che attraversano illegalmente i confini ungheresi dovrebbero ritornare nei loro Paesi nel minor tempo possibile?

7) E’ d’accordo con il concetto che i migranti dovrebbero coprire di propria tasca i costi legati alla loro permanenza in Ungheria?

8) Ritiene che lo scopo del combattere l’immigrazione per gli stati membri dell’Unione Europea sia assistere lo sviluppo degli stati di origine di chi emigra?

9) E' al corrente che i migranti economici stanno attraversando il confine ungherese illegalmente, e che il numero di immigrati in Ungheria è aumentato di circa venti volte?

10) Sulla questione dell'immigrazione le opinioni sono molteplici. Alcuni dicono che gli immigrati portano ad un calo di i posti di lavoro per i cittadini del luogo e minano i mezzi di sussistenza di ungheresi. E' d'accordo con questo parere?

11) Intende sostenere il governo ungherese nell'introduzione di norme più severe in materia di immigrazione, nonostante la clemenza predominante a Bruxelles?

12) Si trova d'accordo con il governo ungherese sul fatto che invece di immigrazione abbiamo bisogno di sostenere le famiglie ungheresi e i figli che possono avere?

Queste, tradotte alla lettera, le domande. Ma non è fimita qui. Il sondaggio sarà accompagnato da una lettera ufficiale il cui testo e' riportato qui sotto:

"Caro cittadino ungherese,

nel 2010 noi ungheresi abbiamo deciso di discutere tutte le questioni importanti prima di prendere le decisioni. Per questo motivo abbiamo lanciato “consultazioni nazionali” che hanno incluso la nuova Costituzione dell’Ungheria, la sicurezza, la previdenza sociale e il miglioramento della condizione dei pensionati. E per questo motivo stiamo per attuare un’altra consultazione nazionale, stavolta sulla questione dell’immigrazione.

Sono sicuro che ricordiate come all’inizio dell’anno l’Europa sia stata scossa da un atto di terrore senza precedenti. A Parigi la vita di persone innocenti è stata interrotta a sangue freddo, con una brutalità terrificante. Siamo tutti scioccati da quanto è accaduto. Allo stesso tempo un tale incomprensibile atto di orrore dimostra che Bruxelles e l’Unione Europea sono incapaci di trattare in modo adeguato la questione dell’immigrazione. I migranti attraverso in modo illegale i nostri confini e mentre si presentano come richiedenti asilo, giungono in realtà per usufruire del nostro sistema di welfare e per le opportunità di lavoro che i nostri Paesi hanno da offrire. Solo negli ultimi in Ungheria il numero degli immigrati è aumentato di circa “20 volte”. Si tratta di un nuovo genere di minaccia - una minaccia che dobbiamo fermare.

Avendo Bruxelles fallito nel gestire in modo appropriato l’immigrazione, l’Ungheria deve seguire la sua propria strada. Non dovremmo permettere agli immigrati di compromettere i posti di lavoro e la vivibilità degli ungheresi. Dobbiamo pensare a prendere una decisione su come l’Ungheria debba difendersi dagli immigranti clandestini. Dobbiamo prendere una decisione su come limitare la rapida crescita dell’immigrazione.

Vi preghiamo di prendere contatto con noi e di darci la vostra risposta alle domande che vi poniamo. Gentilmente completate e mandate indietro il questionario. Conto sulla vostra opinione. 

Cordialmente,

Viktor Orbán".

Sara' interessante vedere come risponderanno i cittadini ungheresi ma per ora non possiamo che apprezzare il fatto che il premier ungherese abbia deciso di consultare i cittadini. Ovviamente nessuno in Italia ha riportato questa notizia perche' darebbe parecchio fastidio ai vari Renzi e Boldrini nonche' alle tante cooperative che si stanno arricchendo con questi sbarchi.

Noi non ci stiamo e per tale motivo abbiamo deciso di riportare questa notizia scomoda.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.


IL GOVERNO UNGHERESE MANDA UN QUESTIONARIO SULL'IMMIGRAZIONE A CASA DEI CITTADINI PER SAPERE CHE NE PENSANO (DEMOCRAZIA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

QUESTIONARIO   ORBAN   UNGHERIA   IMMIGRAZIONE   CITTADINI   PARERE   DOMANDE   GOVERNO   ITALIA   UE   EUROPA   IMMIGRATI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua
 
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CAMERON ANNUNCIA: TASSE BLOCCATE PER LEGGE FINO AL 2020! (RENZI INVECE SI DA' AL ''BANANICUM'' LA NUOVA LEGGE ELETTORALE)

CAMERON ANNUNCIA: TASSE BLOCCATE PER LEGGE FINO AL 2020! (RENZI INVECE SI DA' AL ''BANANICUM'' LA
Continua

 
PUTIN RACCONTA PER LA PRIMA VOLTA LA STORIA DELLA SUA FAMIGLIA. DA LEGGERE, PER CAPIRE DI CHE PASTA E' FATTO QUEST'UOMO.

PUTIN RACCONTA PER LA PRIMA VOLTA LA STORIA DELLA SUA FAMIGLIA. DA LEGGERE, PER CAPIRE DI CHE PASTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua

RUSSIA PRONTA A COOPERARE CON USA, UE E NATO CON RISPETTO RECIPROCO

17 gennaio - MOSCA - La Russia e' pronta a cooperazione con gli Stati Uniti, l'Unione
Continua

SCANDALO MOTORI DIESEL SI ALLARGA ANCHE ALLA RENAULT

16 gennaio - PARIGI - Lo scandalo dei motori diesel ''truccati'' si allarga. Oltre a,
Continua

ISTAT: E' UFFICIALE, 2016 L'ANNO DELLA DEFLAZIONE IN ITALIA (DAL

16 gennaio - Italia in deflazione nel 2016. In media d'anno, i prezzi al consumo
Continua

BORIS JOHNSON: ''BREXIT, TRUMP PER UN ACCORDO RAPIDO CON IL REGNO

16 gennaio - BRUXELLES - ''Una gran bella notizia'': così il ministro degli Esteri
Continua
Precedenti »