44.152.483
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL GOVERNO UNGHERESE MANDA UN QUESTIONARIO SULL'IMMIGRAZIONE A CASA DEI CITTADINI PER SAPERE CHE NE PENSANO (DEMOCRAZIA)

giovedì 30 aprile 2015

LONDRA - Uno degli aspetti piu' rivoltati dell'immigrazione e' il fatto che nessun governo in Italia abbia mai chiesto ai cittadini se vogliono essere invasi da stranieri, e questo la dice lunga sulla mancanza di democrazia nel nostro paese.

Per tale motivo e' da lodare l'iniziativa del primo ministro ungherese Viktor Orban il quale vuole inviare un questionario a 8 milioni di cittadini ungheresi che chiedere loro se vogliono essere invasi da immigrati. Se preferite, "accoglierli in massa". 

Le domande del questionario sono dodici e a risposta multipla ("sono pienamente d'accordo", "sono tendenzialmente d'accordo", "non sono d'accordo" o, a seconda della richiesta: "Sì, darei pieno sostegno al Governo", "Darei parziale sostegno al Governo", "Non darei il mio supporto al Governo").

Ecco il testo del "questionario sull'immigrazione"

1) Sentiamo diverse opinioni su crescenti livelli di terrorismo. Quanto ritiene rilevante sulla sua vita la diffusione del terrorismo (l’attentato in Francia, gli atti scioccanti dell’ISIS)?

2) Pensa che l’Ungheria potrebbe rientrare nel target per un atto di terrore nei prossimi anni?

3) E’ opinione diffusa che la politica di Bruxelles in materia di immigrazione e terrorismo abbia fallito e che quindi ci sia il bisogno di un nuovo approccio su queste questioni. Si trova d’accordo?

4) Alcuni sostengono che la diffusione del terrorismo sia legata alle cattiva gestione da parte di Bruxelles della questione immigrazione. Si trova d'accordo con questa opinione? 

5) Darebbe sostegno al governo ungherese sull’introduzione di regole più severe, in base alle quali i migranti che attraversano illegalmente i confini ungheresi dovrebbero essere messi sotto custodia?

6) E’ d’accordo sull’opinione che i migranti che attraversano illegalmente i confini ungheresi dovrebbero ritornare nei loro Paesi nel minor tempo possibile?

7) E’ d’accordo con il concetto che i migranti dovrebbero coprire di propria tasca i costi legati alla loro permanenza in Ungheria?

8) Ritiene che lo scopo del combattere l’immigrazione per gli stati membri dell’Unione Europea sia assistere lo sviluppo degli stati di origine di chi emigra?

9) E' al corrente che i migranti economici stanno attraversando il confine ungherese illegalmente, e che il numero di immigrati in Ungheria è aumentato di circa venti volte?

10) Sulla questione dell'immigrazione le opinioni sono molteplici. Alcuni dicono che gli immigrati portano ad un calo di i posti di lavoro per i cittadini del luogo e minano i mezzi di sussistenza di ungheresi. E' d'accordo con questo parere?

11) Intende sostenere il governo ungherese nell'introduzione di norme più severe in materia di immigrazione, nonostante la clemenza predominante a Bruxelles?

12) Si trova d'accordo con il governo ungherese sul fatto che invece di immigrazione abbiamo bisogno di sostenere le famiglie ungheresi e i figli che possono avere?

Queste, tradotte alla lettera, le domande. Ma non è fimita qui. Il sondaggio sarà accompagnato da una lettera ufficiale il cui testo e' riportato qui sotto:

"Caro cittadino ungherese,

nel 2010 noi ungheresi abbiamo deciso di discutere tutte le questioni importanti prima di prendere le decisioni. Per questo motivo abbiamo lanciato “consultazioni nazionali” che hanno incluso la nuova Costituzione dell’Ungheria, la sicurezza, la previdenza sociale e il miglioramento della condizione dei pensionati. E per questo motivo stiamo per attuare un’altra consultazione nazionale, stavolta sulla questione dell’immigrazione.

Sono sicuro che ricordiate come all’inizio dell’anno l’Europa sia stata scossa da un atto di terrore senza precedenti. A Parigi la vita di persone innocenti è stata interrotta a sangue freddo, con una brutalità terrificante. Siamo tutti scioccati da quanto è accaduto. Allo stesso tempo un tale incomprensibile atto di orrore dimostra che Bruxelles e l’Unione Europea sono incapaci di trattare in modo adeguato la questione dell’immigrazione. I migranti attraverso in modo illegale i nostri confini e mentre si presentano come richiedenti asilo, giungono in realtà per usufruire del nostro sistema di welfare e per le opportunità di lavoro che i nostri Paesi hanno da offrire. Solo negli ultimi in Ungheria il numero degli immigrati è aumentato di circa “20 volte”. Si tratta di un nuovo genere di minaccia - una minaccia che dobbiamo fermare.

Avendo Bruxelles fallito nel gestire in modo appropriato l’immigrazione, l’Ungheria deve seguire la sua propria strada. Non dovremmo permettere agli immigrati di compromettere i posti di lavoro e la vivibilità degli ungheresi. Dobbiamo pensare a prendere una decisione su come l’Ungheria debba difendersi dagli immigranti clandestini. Dobbiamo prendere una decisione su come limitare la rapida crescita dell’immigrazione.

Vi preghiamo di prendere contatto con noi e di darci la vostra risposta alle domande che vi poniamo. Gentilmente completate e mandate indietro il questionario. Conto sulla vostra opinione. 

Cordialmente,

Viktor Orbán".

Sara' interessante vedere come risponderanno i cittadini ungheresi ma per ora non possiamo che apprezzare il fatto che il premier ungherese abbia deciso di consultare i cittadini. Ovviamente nessuno in Italia ha riportato questa notizia perche' darebbe parecchio fastidio ai vari Renzi e Boldrini nonche' alle tante cooperative che si stanno arricchendo con questi sbarchi.

Noi non ci stiamo e per tale motivo abbiamo deciso di riportare questa notizia scomoda.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.


IL GOVERNO UNGHERESE MANDA UN QUESTIONARIO SULL'IMMIGRAZIONE A CASA DEI CITTADINI PER SAPERE CHE NE PENSANO (DEMOCRAZIA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

QUESTIONARIO   ORBAN   UNGHERIA   IMMIGRAZIONE   CITTADINI   PARERE   DOMANDE   GOVERNO   ITALIA   UE   EUROPA   IMMIGRATI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
 
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
 
LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del
Continua
INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi
Continua
 
INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI EUROPEI SENZA EURO

INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI

venerdì 17 febbraio 2017
I media di regime continuano a propagandare il mito che “fuori dall’euro c’è solo miseria, povertà disoccupazione”, unito al mantra che il Regno Unito sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CAMERON ANNUNCIA: TASSE BLOCCATE PER LEGGE FINO AL 2020! (RENZI INVECE SI DA' AL ''BANANICUM'' LA NUOVA LEGGE ELETTORALE)

CAMERON ANNUNCIA: TASSE BLOCCATE PER LEGGE FINO AL 2020! (RENZI INVECE SI DA' AL ''BANANICUM'' LA
Continua

 
PUTIN RACCONTA PER LA PRIMA VOLTA LA STORIA DELLA SUA FAMIGLIA. DA LEGGERE, PER CAPIRE DI CHE PASTA E' FATTO QUEST'UOMO.

PUTIN RACCONTA PER LA PRIMA VOLTA LA STORIA DELLA SUA FAMIGLIA. DA LEGGERE, PER CAPIRE DI CHE PASTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!