55.126.138
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CAMERON ANNUNCIA: TASSE BLOCCATE PER LEGGE FINO AL 2020! (RENZI INVECE SI DA' AL ''BANANICUM'' LA NUOVA LEGGE ELETTORALE)

mercoledì 29 aprile 2015

LONDRA - Nella rincorsa elettorale a chi promette di piu', David Cameron si gioca il jolly: tasse bloccate per legge - giura - da qui al 2020. A poco piu' di una settimana dal voto in Gran Bretagna, il premier conservatore prova a strizzare l'occhio al mondo del business e alla classe media, ma anche alla platea dei consumatori in generale, pur di restare al numero 10 di Downing street.

Un colpo di acceleratore che mira a spazzare via le incertezze dei sondaggi: alcuni dei quali sembrano dare in effetti negli ultimi giorni i Tory in ascesa, ma su uno sfondo che vede tuttora prevalere i pronostici di un testa a testa con i laburisti 'too close to call'.

Azzoppato ieri dai dati sulla frenata della crescita del Pil, Cameron puo' del resto contare, se non altro, sui guai altrui. Visto che il Labour si ritrova adesso alle prese con un duplice intoppo: da un lato lo scandalo che - a dar retta al Times di Rupert Murdoch - rischia di annientare la credibilita' di Margaret Hodge, paladina anti-evasione fiscale del partito di Ed Miliband; dall'altro l'avanzata degli indipendentisti scozzesi dell'Snp di Nicola Sturgeon, che in patria potrebbero far piazza pulita di seggi e dividere il voto dell'elettorato di sinistra.

Due punti deboli su cui i conservatori scommettono, incalzando oggi in particolare i loro maggiori rivali sul tema fiscale. Il primo ministro ha cosi' annunciato che, in caso di vittoria alle elezioni del 7 maggio, il suo partito s'impegna ad approvare una legge nei primi 100 giorni di governo che di fatto blocchi gli aumenti di tasse per i successivi cinque anni. "Perche' posso prendermi questo impegno? Perche' ho visto i conti pubblici e so quello che deve essere fatto senza mettere le mani nelle tasche della gente che lavora duramente", ha ammiccato Cameron durante un ennesimo comizio. In base a questa promessa, non sarebbero toccate l'imposta sul reddito, l'Iva (Vat), ne' la tassazione della previdenza sociale.

Per il leader laburista - che qualche limitato ritocco delle aliquote, almeno fra i piu' ricchi, ha dovuto pur evocarlo per dare credibilita' all'impegno di un abbozzo di rilancio dello stato sociale - rischia di essere un brutto colpo.

Tanto piu' che a peggiorare l'immagine del Labour sul fronte fiscale gli piove fra capo e collo la bufera scatenata dal Times su Margaret Hodge: super esperta laburista in materia, tratteggiata finora come bestia nera degli evasori del Regno. Il giornale sostiene che la deputata uscente ed ex presidente d'una commissione parlamentare che ha messo sulla graticola le multinazionali per le loro attivita' nei paradisi della tassazione zero, avrebbe condotto a sua volta lucrose operazioni offshore: incassando per esempio nel 2011 la bella sommetta di 1,5 milioni di sterline in azioni, grazie alla liquidazione di un trust creato da suo padre nel Liechtenstein.

E questo senza contare che tre quarti degli asset finanziari della famiglia Hodge sarebbero stati in passato custoditi a Panama, ora bersaglio della 'pasionaria' britannica. Come se non bastasse i laburisti restano sotto pressione anche per l'ipotesi, sempre piu' concreta, della necessita' di un accordo con i nazionalisti scozzesi: unica forza apparentemente in grado di permettere a Miliband di dar vita a una coalizione numericamente solida alternativa ai Tory a urne chiuse. Un ultimo sondaggio ribadisce che l'Snp potrebbe fare persino cappotto nei 59 collegi della Scozia, e presentarsi poi all'eventuale rendez-vous con il Labour da posizioni di forza.

E se a dare una mano a Ed Miliband arriva l'endorsement del comico dell'anti-politica Russel Brand - passato dopo un faccia a faccia dall'appello al non voto a un elogio del leader laburista - piu' fredda appare una voce di ben altro spessore nel mondo liberal, quella del Nobel per l'economia americano Paul Krugman: che sul Guardian mette in discussione gli inni alla ripresa britannica e fa la cassandra sulla politica di "forte austerita'" di Cameron; ma denuncia pure come il Labour non incarni in realta' una vera alternativa strategica. 

Redazione Milano 


CAMERON ANNUNCIA: TASSE BLOCCATE PER LEGGE FINO AL 2020! (RENZI INVECE SI DA' AL ''BANANICUM'' LA NUOVA LEGGE ELETTORALE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CAMERON   TAGLIO TASSE   GRAN BRETAGNA   LABURISTI   CONSERVATORI   ELEZIONI   POLITICHE   EVASIONE   FISCALE   PIL   CRESCITA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'OLIGARCA SUPREMO JUNCKER SI FA RISISTEMARE A SPESE DEI CONTRIBUENTI EUROPEI IL SUO UFFICIO IN LUSSEMBURGO! (FARABUTTO)

L'OLIGARCA SUPREMO JUNCKER SI FA RISISTEMARE A SPESE DEI CONTRIBUENTI EUROPEI IL SUO UFFICIO IN
Continua

 
IL GOVERNO UNGHERESE MANDA UN QUESTIONARIO SULL'IMMIGRAZIONE A CASA DEI CITTADINI PER SAPERE CHE NE PENSANO (DEMOCRAZIA)

IL GOVERNO UNGHERESE MANDA UN QUESTIONARIO SULL'IMMIGRAZIONE A CASA DEI CITTADINI PER SAPERE CHE NE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!