55.129.587
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL GOVERNO HOLLANDE STA AMMAZZANDO LA FRANCIA: E' DIVENTATA UN ALTRO ''GRANDE MALATO'' DELL'EUROZONA (CON ITALIA E GRECIA)

giovedì 23 aprile 2015

PARIGI - Il trascinarsi dell'irrisolto caso Grecia alla vigilia dell'Eurogruppo ha finito per distrarre l'attenzione da quello che forse è un problema ancora più strutturale nell'area euro: la Francia. La seconda economia dell'unione valutaria sembra esser ricaduta in stallo, nonostante l'energica azione di stimolo che è stata dispiegata dalla Bce, con l'avvio del programma di quantitative easing sui titoli di Stato.

Ad aprile infatti il dato preliminare dell'indice tra i responsabili degli approvvigionamenti delle imprese francesi è calato a 50,2 punti, dai 51,5 di marzo, appena sopra la soglia limite tra crescita e contrazione dell'attività.

Si tratta di stagnazione quindi, come suggerisce la stessa società di ricerche che elabora il dato, Markit Economics. La frenata ha coinvolto anche la Germania, ma nel suo caso il Purchasing managers' index (Pmi) è rimasto ad un livello solido, 54,2 punti. Zavorrato dai due grandi Paesi il dato medio di Eurolandia ha segnato una frenata a 53,5 punti, ma nel resto della regione l'attività si è rafforzata ai massimi dall'agosto del 2007, posto che nella stima preliminare Markit non fornisce il disaggregato Paese per Paese a parte per i due maggiori.

E la Francia di Hollande e Valls sta perdendo colpi.

L'unica nota positiva è arrivata dal clima di fiducia delle imprese, che sia nell'indagine di Markit sia in quella condotta dall'Insee - l'istituto di statistica e analisi economica pubblico - si attesta a livelli storicamente elevati.

Tuttavia "si fatica a trovare nei risultati di aprile una giustificazione a questi rinnovati ottimismi", afferma l'economista di Markit, Jack Kennedy. La Francia quindi si staglia sempre più come il vero "malato d'Europa", scomoda appellativo che ormai le è stato affibbiato da tempo.

Va rilevato che alcuni a analisti mettono in dubbio la capacità dell'indice Pmi di cogliere effettivamente l'andamento dell'economia reale francese. Peraltro il dato di aprile non ha ricevuto particolare attenzione sulla stampa economica transalpina, ed è comprensibile, dato che è schierata dalla parte dei socialisti euristi, difensori delle dannose politiche d'austerità imposte della Germania e strenui difensori dell'euro, principale ragione del tracollo dell'economia francese.

Ad ogni modo la Francia esce da un periodo non propriamente florido. Il Pil ha segnato un magro più 0,1 per cento nel quarto trimestre 2014, che seguiva un più 0,3 per cento nel terzo, una contrazione dello 0,1 per cento nel secondo trimestre e una dinamica di stagnazione in avvio d'annata 2015.

E questa debolezza non aiuta a migliorare i parametri sui conti pubblici, che vede la Francia ancora sotto esame da parte della Commissione europea, con un rapporto debito-Pil ben al disopra del 4%, con la possibilità tutt'altro che remota d'arrivare al 5% nel 2015. 

Redazione Milano


IL GOVERNO HOLLANDE STA AMMAZZANDO LA FRANCIA: E' DIVENTATA UN ALTRO ''GRANDE MALATO'' DELL'EUROZONA (CON ITALIA E GRECIA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   MALATO   GRANDE   PARIGI   EUROPA   UE   EURO   VALLS   DATI   DEPRESSIONE   FIDUCIA   PMI   INDICE   MARKIT   KENNEDY   EUROLANDIA   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GLI OLIGARCHI DI BRUXELLES SI AUMENTANO I CONTRIBUTI PER I PORTABORSE, MENTRE 20 MILIONI DI DISOCCUPATI SONO ALLA FAME

GLI OLIGARCHI DI BRUXELLES SI AUMENTANO I CONTRIBUTI PER I PORTABORSE, MENTRE 20 MILIONI DI
Continua

 
INCHIESTA BOMBA SUI CLINTON: MILIONI DI DOLLARI DALLA RUSSIA DI PUTIN (CHE COSI' E' DIVENTATA 1° PRODUTTORE D'URANIO)

INCHIESTA BOMBA SUI CLINTON: MILIONI DI DOLLARI DALLA RUSSIA DI PUTIN (CHE COSI' E' DIVENTATA 1°
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!