50.032.489
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''DRONI ARMATI PER DISTRUGGERE NAVI DI SCAFISTI SU SPIAGGE E RIVE LIBICHE'' LO PROPONE (QUEL LEGHISTA) DEL GEN.TRICARICO

lunedì 20 aprile 2015

Droni armati per distruggere le navi degli scafisti tirate in secco sulle spiagge libiche e ridurre così i flussi migratori verso l'Europa: una soluzione praticabile "senza alcuna difficoltà tecnico operativa e senza che una goccia di sangue venga versata, neanche quello dei criminali che gestiscono il traffico". La proposta arriva dal generale Leonardo Tricarico, ex Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica e attuale presidente della Fondazione Icsa, centro studi che si occupa di Difesa, sicurezza e intelligence.

Prima che i trafficanti possano caricare le imbarcazioni di migranti e provocare nuove tragedie del mare, spiega Tricarico, "sarebbe sufficiente avviare una attività ininterrotta di ricognizione armata delle coste e distruggere i natanti prima che prendano il mare, quando sono ancora vuoti: un'operazione che sarebbe tra l'altro molto semplice da condurre (anche con armamento inerte, per contenere ulteriormente il rischio di danni collaterali), per chi con questi mezzi ha operato per anni in Iraq, Afghanistan, Libia ed anche sul territorio nazionale in contrasto alla criminalità organizzata".

Per armare i droni, però, è necessaria la collaborazione degli Stati Uniti: "Sono anni -sottolinea Tricarico- che gli Usa negano all'Aeronautica italiana i kit di armamento per i Predator, nonostante ci avviamo all'undicesimo anno di impiego in teatri operativi. Forse, al di là delle belle parole di cui ci gratificano sempre i nostri amici di oltre oceano, nei fatti siamo un alleato poco affidabile? Per gli inglesi invece il problema non si è posto, il loro grilletto è stato armato senza tante storie". 

"Se è genuina -continua Tricarico- l'affermazione statunitense, sentita più volte, di un ruolo guida dell'Italia per la Libia, perché lasciare 'carica a salve' una delle sue principali armi utilizzabili in quel teatro? Anche i meno esperti hanno consapevolezza della irrinunciabilità degli Uav (Unmanned aerial vehicle), in un ipotetico e sempre meno inverosimile scenario libico: ciò nonostante, però, si recidono gli artigli al nostro Paese che, in questa materia, vanta la professionalità più affidabile e capace di tutta Europa, comparabile solo a quella di Stati Uniti ed Israele".

"Sarebbe interessante sapere -continua il presidente della Fondazione Icsa- se una richiesta di armare i droni sia stata formalmente avanzata nell'incontro di Washington, da parte del nostro Paese, o se dopo aver atteso invano per anni, ci siamo lasciati sfuggire l'occasione di una interlocuzione al massimo livello, per presentare parte di un conto che ci vede, con gli Usa, sempre creditori". "Sopratutto ora, tra l'altro, la richiesta andava fatta -prosegue- visto che, da mesi ormai, il governo non si lascia scappare occasione per evocare l'opzione militare quale 'piano b' ai negoziati Onu, in permanente stallo da più di un anno.

Al 'rullare dei tamburi', però, non fa seguito una messa a punto dello strumento militare Predator in primis: per rendere i droni operativi come 'shooters', è necessario circa un anno, mentre manca perfino la copertura finanziaria per farli semplicemente continuare a volare"

Escluse le complicazioni tecniche, prosegue Tricarico, qualche perplessità potrebbe riguardare l'aspetto politico, "anche se non sarebbe niente di irrisolvibile con un buon negoziato: sarebbe troppo pretendere, quale dividendo per il contributo decisivo dato alla liberazione della Libia da Gheddafi, chiedendo di avviare su una piccola porzione del territorio libico una serrata lotta alla criminalità e forse anche al terrorismo radicale?". Tra le soluzioni praticabili, spiega l'ex Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica, anche quella di "offrire alla controparte libica, ora in seduta negoziale permanente a Rabat, di condurre le operazioni in maniera congiunta, in affiancamento ai nostri militari nella stanza dei bottoni, fugando così ogni ipotesi di violazione della sovranità territoriale".

Redazione Milano


''DRONI ARMATI PER DISTRUGGERE NAVI DI SCAFISTI SU SPIAGGE E RIVE LIBICHE'' LO PROPONE (QUEL LEGHISTA) DEL GEN.TRICARICO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GENERALE   TRICARICO   PROPOSTA   DRONI   BOMBARDAMENTO   COSTE   LIBICHE   NAVIGLI   BARCONI   SCAFISTI   LIBIA   GOVERNO   ITALIA   STRAGE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO DOMINGO (ZERO TASSE!)

DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO

venerdì 28 luglio 2017
Mentre il ducaconte renziloni - al secolo Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio targato Pd dell'Italia  - prende scoppole a destra ed a manca, soprattutto dal neopresidente francese, a
Continua
 
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'M5S TAGLIA IL TRAGUARDO DELLE 100.000 FIRME PER IL REFERENDUM SULL'EURO (LA NOTIZIA LA DA' RUSSIA TODAY)

L'M5S TAGLIA IL TRAGUARDO DELLE 100.000 FIRME PER IL REFERENDUM SULL'EURO (LA NOTIZIA LA DA' RUSSIA
Continua

 
LA PRESIDE RENZIANA DELL'ISTITUTO SCOLASTICO (STATALE) ANTONIO GRAMSCI VIETA LA BENEDIZIONE, OFFENDE I MUSULMANI.

LA PRESIDE RENZIANA DELL'ISTITUTO SCOLASTICO (STATALE) ANTONIO GRAMSCI VIETA LA BENEDIZIONE,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!