43.450.970
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ABBIAMO FATTO I CONTI / UNO TSUNAMI DI TASSE STA PER ABBATTERSI SUGLI ITALIANI: RENZI MENTE, ALTRO CHE RIDUZIONE.

martedì 14 aprile 2015

Il premier non eletto nonché ex sindaco di Firenze ha trionfalmente annunciato che con il nuovo def 2015 non ci sono tagli alle prestazioni, e che le tasse finalmente caleranno.

Sarà vero o sarà l’ennesima bischerata alla conte Mascetti?

Per far quadrare i conti e rispettare i demenziali parametri del fiscal compact (riduzione di un quinto del debito pubblico ogni anno), il governo ha stabilito di tagliare 1,5 miliardi di sconti ed agevolazioni fiscali, il che significa di rimando, 1,5 miliardi di tasse in più (se prima avevo uno sconto sulle tasse e ora non ce l’ho più, direi che è evidente che pagherò più tasse).

Un’altra bella sforbiciata arriverà sui comuni per quello che riguarda i contributi al trasporto pubblico ed alla nettezza urbana. Se i comuni avranno meno fondi per autobus e netturbini, secondo voi cosa faranno per riuscire a far quadrare i conti? Esatto: una bella sventagliata di aumenti che impatteranno sulle tasche dei cittadini. Già: il tassator codardo che impone ad altri di aumentare tariffe e tasse per potersi far bello col popolo.

Peccato che il popolo debba fare i conti ogni giorno col proprio portafogli sempre più vuoto.

Aumenti mascherati per neutralizzare le clausole di salvaguardia, ovvero i famosi rincari di iva e accise sui carburanti. L’ex sindaco di Firenze nelle sue dichiarazioni si è concentrato sulla seconda parte della questione, ovvero l’eliminazione delle clausole di salvaguardia, dimenticandosi la prima. Dai, facciamolo contento: ha detto una mezza verità.

Ulteriori sacrifici per gli italiani in nome del famigerato fiscal compact, uno dei meccanismi più assurdi che la storia economica abbia mai visto, partoriti dagli eurocrati della ue e prontamente accolto dai governi italiani. Il resto del def, poi prevede, come in un libro dei sogni, risparmi legati alla riduzione degli interessi sul debito ed una fantomatica crescita del pil dello 0,7%, dimenticandosi che finora tutte le previsioni messe in campo dal ministero delle finanze sono state drammaticamente smentite.

Di certo è che, come riportato da IlSole24ore del 08 aprile scorsco, la stangata retroattiva voluta dal premier non eletto con la manovra finanziaria 2014 sui fondi pensione, col passaggio della tassazione dall’11 al 20% ha portato nelle casse del governo la bellezza di 1.100 milioni di euro, un dato superiore del 93% rispetto al medesimo bimestre del 2014. Se non è mettere le mani in tasca questo…

Il tutto nel giorno in cui eurostat ha dimostrato, dati alla mano, che il pil pro capite italiano è letteralmente franato con l’avvento dell’euro. Ed eurostat non è certo un organismo governato dai “cattivoni” anti euro.

La verità è una sola: l’euro, i suoi difensori ed i governi compiacenti, sono responsabili del drammatico impoverimento dei cittadini italiani, il tutto per tutelare gli interessi di una ristretta èlite che vorrebbe riportare indietro le lancette della storia di più di un secolo, far riassaggiare quella “durezza del vivere” tanto cara al defunto Padoa Schioppa e che l’Europa del dopoguerra grazie a politiche economiche di bilanciamento sociale aveva eliminato, garantendo un cinquantennio di benessere e crescita.

Luca Campolongo

 


ABBIAMO FATTO I CONTI / UNO TSUNAMI DI TASSE STA PER ABBATTERSI SUGLI ITALIANI: RENZI MENTE, ALTRO CHE RIDUZIONE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TASSE   ITALIANI   GOVERNO   RENZI   CASA   FAMIGLIA   SERVIZI   SOCIALI   REGIONI   COMUNI   SACRIFICI   POVERTA'   MISERIA   EURO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA POLIZIA''

CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA

martedì 24 gennaio 2017
IL CAIRO - EGITTO - Giulio Regeni "era una spia, l'ho indotto a parlare e l'ho registrato". Resta convinto della sua versione il capo del sindacato dei venditori ambulanti egiziano, Muhammad
Continua
 
AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI PERICOLOSI DELINQUENTI)

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI

martedì 24 gennaio 2017
BERLINO -  Detto e fatto: come aveva promesso rivolgendosi alla Csu, componente di destra del blocco centrista Cdu che sorregge il suo governo, Angela Merkel ha dato il via alle espulsioni di
Continua
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''CON LA LIRA, IL PIL PRO CAPITE ITALIANO ERA IL 19,3% PIU' ALTO DELLA MEDIA EUROPEA, OGGI CON L'EURO -1,9%'' (EUROSTAT)

''CON LA LIRA, IL PIL PRO CAPITE ITALIANO ERA IL 19,3% PIU' ALTO DELLA MEDIA EUROPEA, OGGI CON
Continua

 
VANNO A RUBA TITOLI DI STATO SVIZZERI (A 10 ANNI) CON INTERESSI NEGATIVI SEGNALE FORTISSIMO DELLA BREVE DURATA DELL'EURO

VANNO A RUBA TITOLI DI STATO SVIZZERI (A 10 ANNI) CON INTERESSI NEGATIVI SEGNALE FORTISSIMO DELLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!