43.437.760
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ITALIA RISPETTA I DETTAMI DELLA UE, MA DISOCCUPAZIONE E DEBITO PUBBLICO CONTINUANO A CRESCERE: NON C'E' VIA D'USCITA.

giovedì 2 aprile 2015

Proprio ieri sul principale quotidiano economico francese, Les Echos, è stato pubblicato un dato allarmante: serviranno 10 anni per riassorbire, nella migliore delle ipotesi, la disoccupazione generatasi a seguito della crisi del 2008. 

L’Italia versa in una situazione drammatica, con un tasso medio del 12,7% e punte che superano il 42% tra i giovani, a dispetto dei proclami del premier non eletto. Sono livelli da paese del terzo mondo, simili a quelli della Grecia e della Spagna, dove la disoccupazione è calata semplicemente perché sono stati scorporati i disoccupati di lunga data, quelli ritenuti ormai privi di interesse a trovare un nuovo lavoro.

Il guaio è che all’orizzonte, per l’italico stivale, si intravedono solo dense, densissime nubi tempestose.

Difatti, come ben documentato da Paolo Cardenà sul suo suo blog vincitorievinti.com, nonostante la congiuntura favorevole del basso costo del petrolio e di qualche timido segno di ripresa a livello internazionale, la produzione industriale italiana di gennaio si è ulteriormente inabissata, mettendo a segno un drammatico -5,5% rispetto a gennaio 2014.

Capite, cari lettori, che se la produzione industriale non reagisce nemmeno a stimoli positivi come il calo del prezzo del petrolio e l’aumento della domanda internazionale, la situazione è semplicemente tragica, e non bastano certo gli annunci ad effetto via twitter dell’ex sindaco di Firenze per cambiare le carte in tavola.

L’Italia è un paese morto, assolutamente morto, dove la produzione industriale si è decomposta e l’occupazione è ormai un miraggio irraggiungibile.

E in un contesto del genere il jobs act non serve assolutamente a nulla, anzi, può semmai provocare ulteriori danni portando a licenziare per riassumere con contratti maggiormente precari.

Ovviamente, a trarne vantaggio è il sistema produttivo tedesco. Si badi bene: le industrie tedesche, non i lavoratori, che si sono visti ulteriormente diminuire i loro salari per volontà del governo, in nome della “competitività”, in una drammatica asta al ribasso dei salari che sta portando lo spettro della deflazione e della povertà in ogni angolo dell’eurozona.

Cosa sarebbe necessario fare per ridare fiato all’economia e speranza ai disoccupati?

Senza andare a scomodare Keynes, sarebbe necessario una terapia d’urto al sistema economico, con un drastico taglio delle tasse (Laffer vi dice niente?), con l’introduzione di una o al massimo due aliquote fiscali ed un serio piano di incentivi per lo sviluppo del Paese.

Se c’è una cosa di cui l’italico stivale può dirsi ricco, sono le aree su cui puntare per svecchiarlo: viabilità, messa in sicurezza dei fiumi, banda larga per i dati, valorizzazione del patrimonio artistico sono solo alcuni dei settori che potrebbero essere incentivati e che garantirebbero centinaia di migliaia di posti di lavoro.

Tuttavia c’è un problema, che si chiama ue: mai i burocrati di Bruxelles potrebbero accettare un piano simile di spesa congiunta pubblica e privata, altrimenti si troverebbero i “nein” di Merkel sbattuti sul tavolo e soprattutto una popolazione finalmente benestante e quindi in grado di ragionare con la propria testa senza lasciarsi condizionare dai pifferai magici di turno.

Eh sì, perché dove c’è il benessere e la tranquillità per il futuro c’è anche il libero pensiero; dove c’è miseria e povertà ci si lascia calpestare in cambio di un piatto di pasta. Provate ad immaginare quale dei due scenari piace di più ai tecnocrati della ue?

Luca Campolongo


L'ITALIA RISPETTA I DETTAMI DELLA UE, MA DISOCCUPAZIONE E DEBITO PUBBLICO CONTINUANO A CRESCERE: NON C'E' VIA D'USCITA.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DEFLAZIONE   DISOCCUPAZIONE   CRISI   EURO   GERMANIA   UE   ITALIA   PIFFERAI   LAVORO   SCENARI   KEYNES   LAFFER    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI PERICOLOSI DELINQUENTI)

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI

martedì 24 gennaio 2017
BERLINO -  Detto e fatto: come aveva promesso rivolgendosi alla Csu, componente di destra del blocco centrista Cdu che sorregge il suo governo, Angela Merkel ha dato il via alle espulsioni di
Continua
 
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
 
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CON L'ACQUISTO DELLA PIRELLI, LA CINA NON HA COMPRATO SOLO UN'AZIENDA, HA MESSO LE MANI SULLA SUA TECNOLOGIA (E ADDIO)

CON L'ACQUISTO DELLA PIRELLI, LA CINA NON HA COMPRATO SOLO UN'AZIENDA, HA MESSO LE MANI SULLA SUA
Continua

 
''CON LA LIRA, IL PIL PRO CAPITE ITALIANO ERA IL 19,3% PIU' ALTO DELLA MEDIA EUROPEA, OGGI CON L'EURO -1,9%'' (EUROSTAT)

''CON LA LIRA, IL PIL PRO CAPITE ITALIANO ERA IL 19,3% PIU' ALTO DELLA MEDIA EUROPEA, OGGI CON
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!