52.141.680
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ITALIA RISPETTA I DETTAMI DELLA UE, MA DISOCCUPAZIONE E DEBITO PUBBLICO CONTINUANO A CRESCERE: NON C'E' VIA D'USCITA.

giovedì 2 aprile 2015

Proprio ieri sul principale quotidiano economico francese, Les Echos, è stato pubblicato un dato allarmante: serviranno 10 anni per riassorbire, nella migliore delle ipotesi, la disoccupazione generatasi a seguito della crisi del 2008. 

L’Italia versa in una situazione drammatica, con un tasso medio del 12,7% e punte che superano il 42% tra i giovani, a dispetto dei proclami del premier non eletto. Sono livelli da paese del terzo mondo, simili a quelli della Grecia e della Spagna, dove la disoccupazione è calata semplicemente perché sono stati scorporati i disoccupati di lunga data, quelli ritenuti ormai privi di interesse a trovare un nuovo lavoro.

Il guaio è che all’orizzonte, per l’italico stivale, si intravedono solo dense, densissime nubi tempestose.

Difatti, come ben documentato da Paolo Cardenà sul suo suo blog vincitorievinti.com, nonostante la congiuntura favorevole del basso costo del petrolio e di qualche timido segno di ripresa a livello internazionale, la produzione industriale italiana di gennaio si è ulteriormente inabissata, mettendo a segno un drammatico -5,5% rispetto a gennaio 2014.

Capite, cari lettori, che se la produzione industriale non reagisce nemmeno a stimoli positivi come il calo del prezzo del petrolio e l’aumento della domanda internazionale, la situazione è semplicemente tragica, e non bastano certo gli annunci ad effetto via twitter dell’ex sindaco di Firenze per cambiare le carte in tavola.

L’Italia è un paese morto, assolutamente morto, dove la produzione industriale si è decomposta e l’occupazione è ormai un miraggio irraggiungibile.

E in un contesto del genere il jobs act non serve assolutamente a nulla, anzi, può semmai provocare ulteriori danni portando a licenziare per riassumere con contratti maggiormente precari.

Ovviamente, a trarne vantaggio è il sistema produttivo tedesco. Si badi bene: le industrie tedesche, non i lavoratori, che si sono visti ulteriormente diminuire i loro salari per volontà del governo, in nome della “competitività”, in una drammatica asta al ribasso dei salari che sta portando lo spettro della deflazione e della povertà in ogni angolo dell’eurozona.

Cosa sarebbe necessario fare per ridare fiato all’economia e speranza ai disoccupati?

Senza andare a scomodare Keynes, sarebbe necessario una terapia d’urto al sistema economico, con un drastico taglio delle tasse (Laffer vi dice niente?), con l’introduzione di una o al massimo due aliquote fiscali ed un serio piano di incentivi per lo sviluppo del Paese.

Se c’è una cosa di cui l’italico stivale può dirsi ricco, sono le aree su cui puntare per svecchiarlo: viabilità, messa in sicurezza dei fiumi, banda larga per i dati, valorizzazione del patrimonio artistico sono solo alcuni dei settori che potrebbero essere incentivati e che garantirebbero centinaia di migliaia di posti di lavoro.

Tuttavia c’è un problema, che si chiama ue: mai i burocrati di Bruxelles potrebbero accettare un piano simile di spesa congiunta pubblica e privata, altrimenti si troverebbero i “nein” di Merkel sbattuti sul tavolo e soprattutto una popolazione finalmente benestante e quindi in grado di ragionare con la propria testa senza lasciarsi condizionare dai pifferai magici di turno.

Eh sì, perché dove c’è il benessere e la tranquillità per il futuro c’è anche il libero pensiero; dove c’è miseria e povertà ci si lascia calpestare in cambio di un piatto di pasta. Provate ad immaginare quale dei due scenari piace di più ai tecnocrati della ue?

Luca Campolongo


L'ITALIA RISPETTA I DETTAMI DELLA UE, MA DISOCCUPAZIONE E DEBITO PUBBLICO CONTINUANO A CRESCERE: NON C'E' VIA D'USCITA.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DEFLAZIONE   DISOCCUPAZIONE   CRISI   EURO   GERMANIA   UE   ITALIA   PIFFERAI   LAVORO   SCENARI   KEYNES   LAFFER    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GRANDE STAMPA TEDESCA ED EUROPEA CRITICANO LA MERKEL E NON ATTACCANO LA NUOVA DESTRA DI AFD: HA VINTO DEMOCRATICAMENTE

GRANDE STAMPA TEDESCA ED EUROPEA CRITICANO LA MERKEL E NON ATTACCANO LA NUOVA DESTRA DI AFD: HA

lunedì 25 settembre 2017
BERLINO - Mentre in Italia la sinistra e il Pd guardano con spavento al clamoroso successo della nuova destra di AfD in Germania sventolando lo spauracchio di un ritorno del "nazismo", stupidaggine
Continua
 
AFD HA PORTATO A VOTARE 1,2 MILIONI DI ELETTORI CHE NEL 2013 AVEVANO DISERTATO LE URNE: QUESTA, LA BASE DEL SUCCESSO

AFD HA PORTATO A VOTARE 1,2 MILIONI DI ELETTORI CHE NEL 2013 AVEVANO DISERTATO LE URNE: QUESTA, LA

lunedì 25 settembre 2017
Chi ha votato per la nuova destra tedesca? Come leggere il voto di ieri in Germania che ha punito pesantemente la "Groko", la Grande Coalizione tra Cdu e Spd al governo e premiato il voto di protesta
Continua
IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA CONDIZIONE UMANA''

IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA

mercoledì 20 settembre 2017
NEW YORK - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha minacciato di radere al suolo la Corea del Nord, se quest'ultima dovesse intraprendere azioni offensive contro gli Usa o i loro alleati
Continua
 
E' IN CORSO IL GOLPE SPAGNOLO IN CATALOGNA: GUARDIA CIVIL ARRESTA 12 MEMBRI DEL GOVERNO CATALANO, PIAZZE IN RIVOLTA

E' IN CORSO IL GOLPE SPAGNOLO IN CATALOGNA: GUARDIA CIVIL ARRESTA 12 MEMBRI DEL GOVERNO CATALANO,

mercoledì 20 settembre 2017
BARCELLONA - Il braccio di ferro tra la Catalogna e il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, pupillo della Ue e fedele servitore della Commissione europea.  e' entrato nella sua fase piu'
Continua
SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA' BATTUTO L'URSS, ATTENTI!

SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA'

lunedì 18 settembre 2017
LONDRA - Probabilmente nessuno e' a conoscenza del fatto che sabato scorso migliaia di polacchi hanno protestato davanti l'ufficio di rappresentanza della Commissione europea a Varsavia e la cosa non
Continua
 
UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A LONDRA NELLA TUBE

UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A

lunedì 18 settembre 2017
LONDRA - Ha un nome e un volto, almeno sulla stampa britannica, un dei due arrestati per la bomba sulla metropolitana di Londra di venerdì: si tratta di Yahya Faroukh, 21 anni, rifugiato
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CON L'ACQUISTO DELLA PIRELLI, LA CINA NON HA COMPRATO SOLO UN'AZIENDA, HA MESSO LE MANI SULLA SUA TECNOLOGIA (E ADDIO)

CON L'ACQUISTO DELLA PIRELLI, LA CINA NON HA COMPRATO SOLO UN'AZIENDA, HA MESSO LE MANI SULLA SUA
Continua

 
''CON LA LIRA, IL PIL PRO CAPITE ITALIANO ERA IL 19,3% PIU' ALTO DELLA MEDIA EUROPEA, OGGI CON L'EURO -1,9%'' (EUROSTAT)

''CON LA LIRA, IL PIL PRO CAPITE ITALIANO ERA IL 19,3% PIU' ALTO DELLA MEDIA EUROPEA, OGGI CON
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA CSU BAVARESE METTE IN DUBBIO L'ALLEANZA IN PARLAMENTO CON LA CDU

25 settembre - MONACO DI BAVIERA - All'indomani del voto in Germania, ecco un'altra
Continua

AFD PRIMO PARTITO IN SASSONIA COL 27%: BATTUTA LA CDU DELLA MERKEL

25 settembre - DRESDA - Nel successo clamoroso di Afd, c'è una ulteriore e fantastica
Continua

MATTEO SALVINI: ''DIFFERENZA TRA NOI E AFD? CHE NOI ANDREMO A

25 settembre - MILANO - ''La grande differenza tra noi e Afd e' che noi andremo a
Continua

AFD IN CONFERENZA STAMPA: ''GOVERNO MERKEL HA ABBANDONATO LO STATO

25 settembre - BERLINO - ''Abbiamo ricevuto il mandato degli elettori di controllare
Continua

SALVINI: ''QUANDO UN POPOLO VOTA, COME IN GERMANIA, BISOGNA

25 settembre - ''Quando il popolo vota, bisogna prenderne atto. Ho sentito giornalisti
Continua

LA NUOVA DESTRA TEDESCA DI ALTERNATIVA PER LA GERMANIA SALE ALL'11%

22 settembre - BERLINO - A due giorni dal voto in Germania i sondaggi indicano una
Continua

INPS, DATI ORRIBILI: 76% DEGLI ASSUNTI NEL 2017 HA UN POSTO DI

21 settembre - In Italia ''si registra un'ulteriore compressione dell'incidenza dei
Continua

LA BCE SCHIANTA IL GOVERNO PD SUL LAVORO: CALO DISOCCUPAZIONE NON

21 settembre - FRANCOFORTE - Il giudizio è tranciante e di sicuro non farà piacere al
Continua

STRANIERO CERCA DI VIOLENTARE UNA RAGAZZA IERI IERI SERA A MILANO

21 settembre - MILANO - Un romeno di 31 anni con numerosi precedenti, tra cui una
Continua

PORTUALI DI BARCELLONA RIFIUTANO SERVIZI A NAVI DELLA POLIZIA:

21 settembre - BARCELLONA - I lavoratori portuali di Barcellona hanno deciso di non
Continua
Precedenti »