44.189.353
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ITALIA RISPETTA I DETTAMI DELLA UE, MA DISOCCUPAZIONE E DEBITO PUBBLICO CONTINUANO A CRESCERE: NON C'E' VIA D'USCITA.

giovedì 2 aprile 2015

Proprio ieri sul principale quotidiano economico francese, Les Echos, è stato pubblicato un dato allarmante: serviranno 10 anni per riassorbire, nella migliore delle ipotesi, la disoccupazione generatasi a seguito della crisi del 2008. 

L’Italia versa in una situazione drammatica, con un tasso medio del 12,7% e punte che superano il 42% tra i giovani, a dispetto dei proclami del premier non eletto. Sono livelli da paese del terzo mondo, simili a quelli della Grecia e della Spagna, dove la disoccupazione è calata semplicemente perché sono stati scorporati i disoccupati di lunga data, quelli ritenuti ormai privi di interesse a trovare un nuovo lavoro.

Il guaio è che all’orizzonte, per l’italico stivale, si intravedono solo dense, densissime nubi tempestose.

Difatti, come ben documentato da Paolo Cardenà sul suo suo blog vincitorievinti.com, nonostante la congiuntura favorevole del basso costo del petrolio e di qualche timido segno di ripresa a livello internazionale, la produzione industriale italiana di gennaio si è ulteriormente inabissata, mettendo a segno un drammatico -5,5% rispetto a gennaio 2014.

Capite, cari lettori, che se la produzione industriale non reagisce nemmeno a stimoli positivi come il calo del prezzo del petrolio e l’aumento della domanda internazionale, la situazione è semplicemente tragica, e non bastano certo gli annunci ad effetto via twitter dell’ex sindaco di Firenze per cambiare le carte in tavola.

L’Italia è un paese morto, assolutamente morto, dove la produzione industriale si è decomposta e l’occupazione è ormai un miraggio irraggiungibile.

E in un contesto del genere il jobs act non serve assolutamente a nulla, anzi, può semmai provocare ulteriori danni portando a licenziare per riassumere con contratti maggiormente precari.

Ovviamente, a trarne vantaggio è il sistema produttivo tedesco. Si badi bene: le industrie tedesche, non i lavoratori, che si sono visti ulteriormente diminuire i loro salari per volontà del governo, in nome della “competitività”, in una drammatica asta al ribasso dei salari che sta portando lo spettro della deflazione e della povertà in ogni angolo dell’eurozona.

Cosa sarebbe necessario fare per ridare fiato all’economia e speranza ai disoccupati?

Senza andare a scomodare Keynes, sarebbe necessario una terapia d’urto al sistema economico, con un drastico taglio delle tasse (Laffer vi dice niente?), con l’introduzione di una o al massimo due aliquote fiscali ed un serio piano di incentivi per lo sviluppo del Paese.

Se c’è una cosa di cui l’italico stivale può dirsi ricco, sono le aree su cui puntare per svecchiarlo: viabilità, messa in sicurezza dei fiumi, banda larga per i dati, valorizzazione del patrimonio artistico sono solo alcuni dei settori che potrebbero essere incentivati e che garantirebbero centinaia di migliaia di posti di lavoro.

Tuttavia c’è un problema, che si chiama ue: mai i burocrati di Bruxelles potrebbero accettare un piano simile di spesa congiunta pubblica e privata, altrimenti si troverebbero i “nein” di Merkel sbattuti sul tavolo e soprattutto una popolazione finalmente benestante e quindi in grado di ragionare con la propria testa senza lasciarsi condizionare dai pifferai magici di turno.

Eh sì, perché dove c’è il benessere e la tranquillità per il futuro c’è anche il libero pensiero; dove c’è miseria e povertà ci si lascia calpestare in cambio di un piatto di pasta. Provate ad immaginare quale dei due scenari piace di più ai tecnocrati della ue?

Luca Campolongo


L'ITALIA RISPETTA I DETTAMI DELLA UE, MA DISOCCUPAZIONE E DEBITO PUBBLICO CONTINUANO A CRESCERE: NON C'E' VIA D'USCITA.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DEFLAZIONE   DISOCCUPAZIONE   CRISI   EURO   GERMANIA   UE   ITALIA   PIFFERAI   LAVORO   SCENARI   KEYNES   LAFFER    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CON L'ACQUISTO DELLA PIRELLI, LA CINA NON HA COMPRATO SOLO UN'AZIENDA, HA MESSO LE MANI SULLA SUA TECNOLOGIA (E ADDIO)

CON L'ACQUISTO DELLA PIRELLI, LA CINA NON HA COMPRATO SOLO UN'AZIENDA, HA MESSO LE MANI SULLA SUA
Continua

 
''CON LA LIRA, IL PIL PRO CAPITE ITALIANO ERA IL 19,3% PIU' ALTO DELLA MEDIA EUROPEA, OGGI CON L'EURO -1,9%'' (EUROSTAT)

''CON LA LIRA, IL PIL PRO CAPITE ITALIANO ERA IL 19,3% PIU' ALTO DELLA MEDIA EUROPEA, OGGI CON
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!