43.387.868
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL 9 APRILE SARA' G-DAY: GRECIA DICHIARERA' DEFAULT SE NON ARRIVERANNO DA 7 A 10 MILIARDI DI DOLLARI (DA UE O RUSSIA?)

mercoledì 1 aprile 2015

ATENE - Il negoziato Ue-Grecia per arrivare allo sblocco degli aiuti prosegue a rilento, nonostante il pressing dell'Europa e il rischio che Atene non riesca a rimborsare il mezzo miliardo di euro che deve al Fmi il 9 aprile. Merkel e Hollande ricordano anche oggi a Tsipras che il tempo stringe, ma i richiami non bastano ad accelerare il confronto tra le parti che sono ancora distanti.

Per vedere qualche progresso si dovra' aspettare dopo Pasqua, avverte il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. A Bruxelles le discussioni tra tecnici e greci e Brussels Group, cioe' l'ex Troika, si sono interrotte. "Nessuna rottura", rassicurano fonti europee, il confronto va avanti ma nei prossimi giorni proseguira' in forma "digitale", cioe' via email. Ovivamente nessuno può credere che un accordo del genere possa avvenire via posta elettronica.

Nel frattempo, ad Atene, la missione di tecnici europei continuera' a raccogliere i dati necessari a verificare l'impatto delle riforme proposte dai greci.  Solo fino a qualche giorno fa si sperava che potesse dare l'ok alla lista greca, convocando un Eurogruppo prima di Pasqua che desse poi il via libera ad almeno una parte dei 7 miliardi europei che ancora sono rimasti nel pacchetto di aiuti. Ma gia' nel weekend, con l'allungarsi dei negoziati, la speranza si assottigliava.

Tusk ieri ha sciolto ogni dubbio: "Non ci sara' alcuna svolta sugli aiuti alla Grecia prima di Pasqua". Nessuno vuole drammatizzare, ma l'Europa non vuole nemmeno arrivare troppo vicina al momento della verita', cioe' al 9 aprile, quando Atene potrebbe alzare il sipario sulle sue casse vuote mettendo i creditori con le spalle al muro: accettare le sue condizioni o accettare le conseguenze del default.

Percio' Merkel, in conferenza stampa con Hollande, insiste: "Il tempo stringe e non c'e' tempo da perdere. Si deve proseguire nel lavoro, prima arriveranno le proposte della Grecia, prima si potra' giungere a un'intesa". E il presidente francese le fa eco: "Quanto prima, tanto meglio. Abbiamo perso molto tempo e ora bisogna recuperare".

Ma entrambi, pensando all'imminente viaggio di Tsipras a Mosca, sottolineano che il futuro di Atene e' in Europa e non in Russia. La situazione della liquidita' della Grecia non e' ancora chiara, eppure da essa dipende l'urgenza di un accordo.

Da Atene, voci di Governo qualche giorno fa escludevano di poter rimborsare i 450 milioni di euro al Fmi il 9 aprile.

Qualche giorno dopo, il Governo dovrebbe rimborsare 2,4 miliardi di titoli di stato in scadenza, la maggior parte dei quali potrebbe farli ricomprare alle banche che, secondo il direttore del board dei supervisori Bce Daniele Nouy "sono piu' solventi di prima" e sono "meglio attrezzate ad affrontare la crisi politica".

Ma il 27 aprile Tsipras avrebbe anche bisogno di 1,7 miliardi per pagare stipendi e pensioni degli statali. Tra febbraio e marzo, per trovare i fondi necessari, lo Stato ha attinto a tutte le risorse possibili, rastrellando 1,2 miliardi le riserve di vari enti statali. La precaria situazione della liquidita' e' un'arma usata sia dal Governo ellenico, sia dai creditori, in uno scontro pericoloso che potrebbe presto portare alla resa dei conti finale.

Sempre che non arrivi la Russia di Putin a finanziare la Grecia evitando sì il default, ma mandando in briciole sia la Ue che l'euro.

Oramai, è questione di giorni.

Redazione Milano.


IL 9 APRILE SARA' G-DAY: GRECIA DICHIARERA' DEFAULT SE NON ARRIVERANNO DA 7 A 10 MILIARDI DI DOLLARI (DA UE O RUSSIA?)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   DEFAULT   RUSSIA   UE   TROIKA   ACCORDO   BRUXELLES   ATENE   TSIPRAS   MOSCA   PUTIN   RUSSIA   GOVERNO   VIAGGIO   DEBITI   FMI   BCE   EURO   VIA DALL'EURO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
A SORPRESA, TSIPRAS ANTICIPA DI UN MESE LA VISITA IN RUSSIA (A PUTIN) E ANNUNCIA: ''SANZIONI DELETERIE, LE VIOLEREMO''

A SORPRESA, TSIPRAS ANTICIPA DI UN MESE LA VISITA IN RUSSIA (A PUTIN) E ANNUNCIA: ''SANZIONI
Continua

 
''10 ANNI ALMENO PER ASSORBIRE L'ATTUALE MASSA DI DISOCCUPATI NEI PAESI DELL'EURO'' SCRIVE IL FRANCESE LES ECHOS

''10 ANNI ALMENO PER ASSORBIRE L'ATTUALE MASSA DI DISOCCUPATI NEI PAESI DELL'EURO'' SCRIVE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »