45.016.991
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL 9 APRILE SARA' G-DAY: GRECIA DICHIARERA' DEFAULT SE NON ARRIVERANNO DA 7 A 10 MILIARDI DI DOLLARI (DA UE O RUSSIA?)

mercoledì 1 aprile 2015

ATENE - Il negoziato Ue-Grecia per arrivare allo sblocco degli aiuti prosegue a rilento, nonostante il pressing dell'Europa e il rischio che Atene non riesca a rimborsare il mezzo miliardo di euro che deve al Fmi il 9 aprile. Merkel e Hollande ricordano anche oggi a Tsipras che il tempo stringe, ma i richiami non bastano ad accelerare il confronto tra le parti che sono ancora distanti.

Per vedere qualche progresso si dovra' aspettare dopo Pasqua, avverte il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. A Bruxelles le discussioni tra tecnici e greci e Brussels Group, cioe' l'ex Troika, si sono interrotte. "Nessuna rottura", rassicurano fonti europee, il confronto va avanti ma nei prossimi giorni proseguira' in forma "digitale", cioe' via email. Ovivamente nessuno può credere che un accordo del genere possa avvenire via posta elettronica.

Nel frattempo, ad Atene, la missione di tecnici europei continuera' a raccogliere i dati necessari a verificare l'impatto delle riforme proposte dai greci.  Solo fino a qualche giorno fa si sperava che potesse dare l'ok alla lista greca, convocando un Eurogruppo prima di Pasqua che desse poi il via libera ad almeno una parte dei 7 miliardi europei che ancora sono rimasti nel pacchetto di aiuti. Ma gia' nel weekend, con l'allungarsi dei negoziati, la speranza si assottigliava.

Tusk ieri ha sciolto ogni dubbio: "Non ci sara' alcuna svolta sugli aiuti alla Grecia prima di Pasqua". Nessuno vuole drammatizzare, ma l'Europa non vuole nemmeno arrivare troppo vicina al momento della verita', cioe' al 9 aprile, quando Atene potrebbe alzare il sipario sulle sue casse vuote mettendo i creditori con le spalle al muro: accettare le sue condizioni o accettare le conseguenze del default.

Percio' Merkel, in conferenza stampa con Hollande, insiste: "Il tempo stringe e non c'e' tempo da perdere. Si deve proseguire nel lavoro, prima arriveranno le proposte della Grecia, prima si potra' giungere a un'intesa". E il presidente francese le fa eco: "Quanto prima, tanto meglio. Abbiamo perso molto tempo e ora bisogna recuperare".

Ma entrambi, pensando all'imminente viaggio di Tsipras a Mosca, sottolineano che il futuro di Atene e' in Europa e non in Russia. La situazione della liquidita' della Grecia non e' ancora chiara, eppure da essa dipende l'urgenza di un accordo.

Da Atene, voci di Governo qualche giorno fa escludevano di poter rimborsare i 450 milioni di euro al Fmi il 9 aprile.

Qualche giorno dopo, il Governo dovrebbe rimborsare 2,4 miliardi di titoli di stato in scadenza, la maggior parte dei quali potrebbe farli ricomprare alle banche che, secondo il direttore del board dei supervisori Bce Daniele Nouy "sono piu' solventi di prima" e sono "meglio attrezzate ad affrontare la crisi politica".

Ma il 27 aprile Tsipras avrebbe anche bisogno di 1,7 miliardi per pagare stipendi e pensioni degli statali. Tra febbraio e marzo, per trovare i fondi necessari, lo Stato ha attinto a tutte le risorse possibili, rastrellando 1,2 miliardi le riserve di vari enti statali. La precaria situazione della liquidita' e' un'arma usata sia dal Governo ellenico, sia dai creditori, in uno scontro pericoloso che potrebbe presto portare alla resa dei conti finale.

Sempre che non arrivi la Russia di Putin a finanziare la Grecia evitando sì il default, ma mandando in briciole sia la Ue che l'euro.

Oramai, è questione di giorni.

Redazione Milano.


IL 9 APRILE SARA' G-DAY: GRECIA DICHIARERA' DEFAULT SE NON ARRIVERANNO DA 7 A 10 MILIARDI DI DOLLARI (DA UE O RUSSIA?)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   DEFAULT   RUSSIA   UE   TROIKA   ACCORDO   BRUXELLES   ATENE   TSIPRAS   MOSCA   PUTIN   RUSSIA   GOVERNO   VIAGGIO   DEBITI   FMI   BCE   EURO   VIA DALL'EURO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
 
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
 
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua
 
TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO SCATTA LA BREXIT!)

TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO

lunedì 20 marzo 2017
LONDRA - Nella giornata in cui - oggi - la Gran Bretagna comunica ufficialmente alla Ue la data della Brexit vera e propria, che scatterà il prossimo 29 marzo, giorno in cui il Regno Unito
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
A SORPRESA, TSIPRAS ANTICIPA DI UN MESE LA VISITA IN RUSSIA (A PUTIN) E ANNUNCIA: ''SANZIONI DELETERIE, LE VIOLEREMO''

A SORPRESA, TSIPRAS ANTICIPA DI UN MESE LA VISITA IN RUSSIA (A PUTIN) E ANNUNCIA: ''SANZIONI
Continua

 
''10 ANNI ALMENO PER ASSORBIRE L'ATTUALE MASSA DI DISOCCUPATI NEI PAESI DELL'EURO'' SCRIVE IL FRANCESE LES ECHOS

''10 ANNI ALMENO PER ASSORBIRE L'ATTUALE MASSA DI DISOCCUPATI NEI PAESI DELL'EURO'' SCRIVE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!