61.539.439
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DATI CATASTROFICI SULL'EXPORT IN RUSSIA: PERSI 5,3 MILIARDI E IL DISASTRO AUMENTA DI MESE IN MESE (-28,5% A FEBBRAIO)

martedì 31 marzo 2015

MOSCA - Nel 2014 e' calato del 17% l'interscambio tra Italia e Russia, con una perdita di 5,3 miliardi di euro sul 2013 e una contrazione nelle esportazioni dell'11,6%, pari a 1,2 miliardi.

Sono alcune delle cifre emerse nel corso del bilaterale dedicato alle relazioni commerciali tra Italia e Russia, organizzato a Napoli dall'associazione Conoscere Eurasia e dal Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Una performance devastante determinata solo marginalmente dalla crisi economica e dalla caduta del rublo, in massima parte invece dalle sanzioni Ue e controsanzioni russe generate in seguito alla crisi Ucraina.

Crolla, secondo la Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, in particolare il tessile e l'abbigliamento (-16,4%), oltre ai prodotti alimentari oggetto delle sanzioni (-38%).

Un trend "terrificante" confermato anche all'inizio del 2015: a gennaio le vendite italiane in Russia sono scese del 36,7%, mentre a febbraio si registra un -28,5%.

"In poco tempo abbiamo bruciato anni di lavoro delle imprese italiane - sottolinea Antonio Fallico, presidente di Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia - che aveva portato a un picco del +327% dal 2000 al 2013".

In questo scenario la Campania subisce il contraccolpo ma tiene rispetto ai dati nazionali. L'export verso Mosca e' calato del 3% nel 2014, ma l'interscambio si attesta a +32% nell'ultimo anno (318 milioni di euro). In particolare, l'export di tecnologie campane a Mosca sono cresciute del 6,3% e il turismo ha visto un raddoppio degli arrivi dal 2009 al 2013, con 400 mila presenze nell'ultimo anno. "Esistono margini per ripartire - assicura Fallico - le aziende campane e italiane non possono fare a meno del mercato russo e viceversa. L'Italia resta un partner strategico per la Russia, ma occorre una cooperazione industriale coraggiosa". 

Tuttavia, i dati messi in luce mostrano i segni della catastrofe: la perdita di 5,3 miliardi di euro di fatturato italiano - completamente cancellato - che veniva prodotto grazie all'export in Russia è una delle principali cause della continuazione della crisi economica, e del suo aggravamento con l'aumento anche dei disoccupati. 

E' del tutto evidente chi sia il responsabile di questa ingiusta e insostenibile situazione: è il governo italiano, che invece di respingerle, ha sottoscritto le sanzioni alla Russia volute dall'amministrazione Obama e da questa imposte alla Ue, come vassallo della politica Usa nel mondo.

Renzi ha firmato le sanzioni alla Russia ignorando i danni che avrebbero prodotto, e questo è il peggio che l'Italia abbia subito.

Redazione Milano


DATI CATASTROFICI SULL'EXPORT IN RUSSIA: PERSI 5,3 MILIARDI E IL DISASTRO AUMENTA DI MESE IN MESE (-28,5% A FEBBRAIO)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ITALICUM DI RENZI E' DEGNO DI UNA REPUBBLICHETTA MEDIORIENTALE, QUELLA IN CUI IL FIORENTINO VUOL TRASFORMARE L'ITALIA.

L'ITALICUM DI RENZI E' DEGNO DI UNA REPUBBLICHETTA MEDIORIENTALE, QUELLA IN CUI IL FIORENTINO VUOL
Continua

 
SEMPLICEMENTE PAZZESCO: DAL 2014 AL 2018 GLI  ITALIANI PAGHERANNO 2.540 MLD DI TASSE (PIU' DEL DEBITO PUBBLICO ATTUALE)

SEMPLICEMENTE PAZZESCO: DAL 2014 AL 2018 GLI ITALIANI PAGHERANNO 2.540 MLD DI TASSE (PIU' DEL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!