48.285.360
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MARINE LE PEN SPIAZZA TUTTI: ''SE SARO' ELETTA PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ENTRO SEI MESI REFERENDUM PER USCIRE DALLA UE''

mercoledì 25 marzo 2015

Mancano oramai pochissimi giorni per sapere chi vincera' al secondo turno delle elezioni locali francesi ma Marine Le Pen ha gia' iniziato la sua campagna per essere eletta all'Eliseo nel 2017.

In un'intervista rilasciata all'emittente televisiva greca Mega la leader del Front National ha dichiarato che se verra' eletta presidente della repubblica entro sei mesi porterà la Francia alle urne con un referendum per permettere a tutti i cittadini di decidere se rimanere nella UE o uscirne per sempre.

Tale dichiarazione ha sorpreso un po' tutti visto che, al contrario della Gran Bretagna, in Francia non c'e' mai stata un'opinione pubblica e una stampa veramente euroscettica e quindi non c'e' mai stato un serio dibattito riguardo ai benefici e ai costi di una fuoriuscita dalla UE.

Il fatto che ora Marine Le Pen abbia presentato questa proposta, prima di affrontare quella centrale del suo programma politico, e cioè l'uscita della Francia dall'eurozona, dimostra l'acume politico della leader della destra francese: se sull'abbandono dell'euro in Francia c'è comuqnue una percentuale non irrilevante di contrari, per l'uscita dalla Ue invece - sondaggi alla mano - si raduna un fronte superiore al 60% dei cittadini d'Oltralpe, che potrebbe addirittura arrivare a sfiorare il 70% se si tenesse conto delle posizioni radicalmente anti Ue di buona parte della sinistra.

La leader del Front National ha giustificato questo referendum col fatto che l'Unione Europea porta soltanto morte e a morire e' l'economia francese nonche' il sui sistema socio-assistenziale e la sua identita', ma probabilmente molti francesi hanno visto coi loro occhi come la Gran Bretagna stia traendo vantaggio dal fatto che oltre ad essere fuori dall'euro e' anche fuori dal fiscal compact, e molti francesi capiscono che il problema non e' l'eccessivo statalismo ma i vincoli imposti dall'Unione europea con le misure lacrime e sangue volute dalla  Germania.

Ed effettivamente sono proprio queste politiche di austerita' che stanno convincendo la stragrande maggioranza dei francesi che starebbero meglio se fossero fuori dalla UE e per Marine Le Pen e' estremamente facile attirare consensi proprio su questo tema.

Marine Le Pen ha spiegato come nonostante vi fosse un'eccessiva rigidita' dell'economia in Francia negli anni Ottanta e Novanta, questa rigidità non ha impedito di avere una crescita economica elevata perchè all'epoca lo Stato aveva una propria politica monetaria e fiscale senza vincoli e imposizioni dall'estero come accade con la Ue. Più chiaro di così, e infatti i francesi lo hanno capito benissimo.

Tra poco, vi saranno i ballottaggi e si vedrà come andranno a finire, ma nel frattanto Marine Le Pen ha già iniziato la lunga corsa verso l'Eliseo forte di una certezza data dai numeri: il Front National è il partito più votato di Francia, a dispetto delle bugie raccontate agli italiani da giornali e televisioni. I dati non mentono e per questa strada arrivare a diventare presidente della Repubblica è un sogno che può davvero tramutarsi in realtà. 

GIUSEPPE DE SANTIS   


MARINE LE PEN SPIAZZA TUTTI: ''SE SARO' ELETTA PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ENTRO SEI MESI REFERENDUM PER USCIRE DALLA UE''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
 
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
 
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua
 
LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE MINACCE DI BRUXELLES

LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE

lunedì 12 giugno 2017
Il ministro dell'Interno polacco, Mariusz Blaszczak, ha annunciato che i governi di Polonia, repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria, hanno rifiutato qualsiasi sanzione imposta da Bruxelles ai Paesi
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
AEREO PRECIPITATO, PREMIER VALLS: ''NON SI PUO' SCARTARE ALCUNA IPOTESI''. TESTIMONE: ''SEMBRAVA IL RUMORE DI UN CACCIA''

AEREO PRECIPITATO, PREMIER VALLS: ''NON SI PUO' SCARTARE ALCUNA IPOTESI''. TESTIMONE: ''SEMBRAVA IL
Continua

 
DER SPIEGEL SHOCK: ''LA GERMANIA FORTE COME NON SI VEDEVA DAI TEMPI DEL TERZO REICH'' (GIUSTIFICATA ACCUSA MERKEL NAZISTA)

DER SPIEGEL SHOCK: ''LA GERMANIA FORTE COME NON SI VEDEVA DAI TEMPI DEL TERZO REICH'' (GIUSTIFICATA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!