44.156.904
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL WALL STREET JOURNAL: ''UN ENORME FLUSSO DI CAPITALI E' IN USCITA DALL'EUROZONA VERSO STATI UNITI, DANIMARCA, SVIZZERA''

lunedì 23 marzo 2015

NEW YORK - Eccezionale intervento del principale quotidiano economico mondiale al riguardo della caduta dell'euro. 

Scrive il Wall Street Journal: "Un enorme flusso di capitali, una vera e propria cascata è in uscita dall'eurozona e sta deprimendo il valore dell'euro e apprezzando il dollaro: un processo che rischia di creare pesanti ricadute per alcuni paesi della zona euro, come dimostrato dalla nuova tendenza al rialzo nei costi di rifinanziamento di alcuni debiti sovrani, come quello italiano".

"Il quantitative easing della Banca centrale europea - aggiunge il WSJ in prima pagina -  ufficialmente lanciato per dare ossigeno agli sforzi riformatori dei paesi europei maggiormente gravati dal debito, oltre che per sostenere l'inflazione, rischia invece di causare l'effetto opposto, al netto di una svalutazione competitiva che formalmente non rientra nemmeno tra gli obiettivi della Bce. I rendimenti nulli o addirittura negativi degli asset sicuri europei spinge un volume crescente di capitali negli Usa e in altri lidi sicuri, come la Danimarca e la Svizzera".

"A catalizzare queste tendenze e' stato anche il cammino divergente adottato dalla Federal Reserve e dall'Eurotower. La prima, quantomeno a parole, si appresta a un incremento dei tassi di riferimento; la seconda, invece, e' appena all'inizio di una massiccia manovra espansiva. Da quando la Bce ha fissato tassi di deposito negativi, lo scorso giugno, il deflusso di capitali dall'eurozona ha costantemente superato le entrate; l'annuncio del Qe ha trasformato tale tendenza in una vera e propria marea di liquidita' in uscita, verso azioni ed obbligazioni che garantiscano un ritorno d'investimento apprezzabile - prosegue il Wall Street Journal.

"Soltanto nell'ultimo trimestre del 2014 - scrive allarmato il WSJ - lo squilibrio nei flussi di liquidita' ha toccato addirittura i 124,4 miliardi di euro. La domanda della Bce ha spinto al rialzo i prezzi delle obbligazioni sovrane di maggior qualita' - come i decennali tedeschi - deprimendone ulteriormente i rendimenti, e facendo si' che una quota sempre maggiore dei nuovi euro stampati dalla Bce trovino quasi subito la via di asset esterni all'eurozona - anziche' del credito, dei produttori di ricchezza e dunque dei redditi". Questo porta a dire che il mercato sta andando nella direzione diametralmente opposta a quella che la Bce aveva preteso fosse indirizzato con il QE.

"Da ultimo, - conclude il Wall treet Journal - a contribuire al deprezzamento dell'euro e' anche la minore accumulazione di valuta unica europea da parte delle banche centrali globali, che evidentemente non ritengono più l'euro una valuta adatta a rappresentare stabilità nelle riserve valutarie e al tempo stesso una valuta il cui destino appare incerto". 

Redazione Milano


IL WALL STREET JOURNAL: ''UN ENORME FLUSSO DI CAPITALI E' IN USCITA DALL'EUROZONA VERSO STATI UNITI, DANIMARCA, SVIZZERA''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
 
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
 
LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del
Continua
INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi
Continua
 
INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI EUROPEI SENZA EURO

INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI

venerdì 17 febbraio 2017
I media di regime continuano a propagandare il mito che “fuori dall’euro c’è solo miseria, povertà disoccupazione”, unito al mantra che il Regno Unito sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DOMENICA SI VOTA IN TUTTA LA FRANCIA ALLE AMMINISTRATIVE, IL FRONT NATIONAL DI MARINE LE PEN PRONTO ALLA VITTORIA

DOMENICA SI VOTA IN TUTTA LA FRANCIA ALLE AMMINISTRATIVE, IL FRONT NATIONAL DI MARINE LE PEN PRONTO
Continua

 
RIVOLTA DI POPOLO IN IRLANDA CONTRO LA TASSA SULL'ACQUA: 40.000 IN PIAZZA, SCIOPERO DELLE BOLLETTE GOVERNO ''ALLARMATO''

RIVOLTA DI POPOLO IN IRLANDA CONTRO LA TASSA SULL'ACQUA: 40.000 IN PIAZZA, SCIOPERO DELLE BOLLETTE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!