50.769.367
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

QUELL'INCOMPETENTE DI RENZI VUOLE ''TAGLIARE'' UN CORPO DI POLIZIA E CHE DECIDE? LA FORESTALE, L'UNICO COL BILANCIO ATTIVO

mercoledì 18 marzo 2015

All'indomani dell'annuncio del premier Matteo Renzi della riduzione delle cinque forze di polizia, con il Corpo Forestale dello Stato candidato alla soppressione, secondo quanto indicato nel ddl sulla riforma della Pubblica amministrazione all'esame del Senato, esplodono le polemiche. A preoccupare sono l'effettiva utilità, in termini di spending review, dell'eventuale assorbimento del Cfs in altre forze di polizia, ma anche l'impatto che questo avrebbe sulla tutela ambientale e del territorio. I costi. Funzionamento e servizi resi allo Stato dalla Forestale, dalle missioni del personale alla gestione delle aree protette, costano circa 30 milioni di euro l'anno che, però, si compensano con i 28 milioni circa di sanzioni amministrative elevate l'anno.

Una difesa della natura praticamente e ampiamente a costo zero ma che, con uno scioglimento del Corpo, rischia di avere costi elevati, anche impensabili.

L'addio al Corpo Forestale comporterebbe infatti costi 'curiosi' da tenere in considerazione. A partire dalla divisa: il ''cambio d'abito'' potrebbe arrivare a costare circa 12,3 milioni di euro, calcolando 7.000 unità a cui sostituire la divisa (sulla base dei costi stimati, come risultanti dalle ultime gare d'appalto). E il conto rischia di arrivare alla cifra di 24.590.000 aggiungendo le altre spese rese necessarie dal cambiamento: colorazione dei mezzi che dovranno essere resi conformi alla Forza di Polizia in cui confluiranno (1.700 unità, costo stimato 8,3 milioni di euro) e per la flotta aerea (2,45 milioni di euro); formazione (circa 1,54 milioni di euro).

Un progetto "assurdo dal punto di vista del risparmio e criminale per quanto riguarda la tutela del territorio e della biodiversità", commenta Michela Vittoria Brambilla (Forza Italia) che annuncia: "Ci opporremo con tutte le forze". Alfonso Pecoraro Scanio parla di "una scelta scellerata", di "follia, paradossale mentre si approva la legge sugli ecoreati"; più cauto Ermete Realacci (Pd), per il quale "se si parla di una forma di riorganizzazione dei corpi di polizia dentro alla quale mantenere la specificità del corpo forestale allora vale la pena valutare la proposta".

La deputata del Pd Giovanna Palma ammette: "io sarei contenta se, di concerto con il Governo che sta lavorando bene, il Corpo Forestale rimanesse". Era stata proprio la palma a presentare lo scorso febbraio una risoluzione, approvata dalla Commissione Agricoltura della Camera, in cui si chiedeva invece di potenziare in termini di risorse, mezzi e personale, il Corpo forestale, "unica forma di contrasto all'illecito smaltimento di rifiuti" e all'emergenza della Terra dei Fuochi. A sottolineare proprio il ruolo fondamentale svolto dal Cfs nella Terra dei Fuochi è anche l'assessore all'Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano, anche lui contrario allo scioglimento della Forestale: "Lo dico anche come sindaco di Mercato S.Severino, in provincia di Salerno, dove continuamente chiediamo aiuto al Cfs", sottolinea.

E per rimanere in tema di Regioni, il presidente del Consiglio Regionale delle Marche Vittoriano Solazzi si è fatto promotore di una mozione in Consiglio proprio contro la soppressione del Cfs "che è stata approvata all'unanimità, perché riflette la preoccupazione che stiamo registrando per un provvedimento che ci rende perplessi''.

Ora la voce di potesta delle associazioni ambientaliste. Sciogliere il Corpo Forestale dello Stato sarebbe "un'operazione di facciata perché l'obiettivo di risparmio economico su cui si innesta è falso: non si risparmierebbe niente ma aumenterebbe il costo di alcuni servizi oggi gestiti, secondo un'economia di scala, da un unico soggetto", commenta Gaetano Benedetto, direttore Politiche istituzionali del Wwf. ''Scioglimento o accorpamento che dir si voglia, Martina vorrà davvero essere ricordato come il ministro delle politiche agricole e forestali sotto la cui responsabilità è stato di fatto cancellato il Corpo Forestale dello Stato, dopo quasi due secoli di storia?'', chiede la Lav.

"Bizzarro che, mentre il Parlamento sta discutendo la nuova normativa sugli ecoreati e dopo aver approvato la normativa contro l'importazione di legno illegale, si voglia allo stesso tempo abolire il Corpo Forestale, che ha una indiscutibile esperienza proprio nella repressione dei reati ambientali, su cui svolge, e da tempo, una intensa attività", dice Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greepeace Italia. "Accorpare la Forestale alla Polizia di Stato è un errore gravissimo che, sebbene involontariamente, favorirà le ecomafie e tutti coloro che violano le leggi ambientali nel nostro Paese".

E' il duro commento del presidente della Lipu-Birdlife Italia Fulvio Mamone Capria. Il "No alla soppressione del Corpo Forestale dello Stato" è diventato anche una petizione lanciata insieme da Legambiente, Greenpeace e Libera su Change.org: ad oggi mancano circa 9mila firme per raggiungere l'obiettivo di 50.000 sostenitori alla campagna #SalviamolaForestale. Altre le strade proposte. La soluzione più invocata, il rafforzamento del Cfs incorporando le polizie provinciali. 

Insomma, siamo davanti all'ennesima "genialata" di una banda di ignoranti incompetenti che si fa chiamare governo. 

Redazione Milano


QUELL'INCOMPETENTE DI RENZI VUOLE ''TAGLIARE'' UN CORPO DI POLIZIA E CHE DECIDE? LA FORESTALE, L'UNICO COL BILANCIO ATTIVO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

POLIZIA FORESTALE   SCIOGLIMENTO   COSTO   ZERO   SENZA COSTI   MULTE   WWF   LAV   RENZI   GOVERNO   INCOMPETENTI   INCAPACI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ITALIA NEL BARATRO: SOFFERENZE BANCARIE A 185,5 MLD, FALLIMENTI ANCORA IN CRESCITA +10,7%. IL PAESE E' ALLA ROVINA.

ITALIA NEL BARATRO: SOFFERENZE BANCARIE A 185,5 MLD, FALLIMENTI ANCORA IN CRESCITA +10,7%. IL PAESE
Continua

 
IL GIUBILEO PROCLAMATO A SORPRESA DA PAPA FRANCESCO E' IL BERSAGLIO PERFETTO PER TERRORISTI ISLAMICI (ALLARME GLOBALE)

IL GIUBILEO PROCLAMATO A SORPRESA DA PAPA FRANCESCO E' IL BERSAGLIO PERFETTO PER TERRORISTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!