50.021.031
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MOSCOVICI SI ARRENDE: ''NON E' PIU' ESCLUSA L'USCITA (LA CACCIATA) DELLA GRECIA DALL'EURO'' (PREPARATIVI DI EURO CROLLO)

mercoledì 18 marzo 2015

PARIGI  - Il commissario europeo agli Affari monetari, Pierre Moscovici, non esclude piu' una possibile uscita della Grecia dall'euro. "Non terremo la Grecia all'interno dell'eurozona a tutti i costi, ma solo a condizioni che risultino accettabili per entrambe le parti", ha dichiarato il francese al quotidiano tedesco "Die Welt".

Moscovici ha pero' ammesso che la cosiddetta "Grexit" potrebbe comportare "grandi danni" all'eurozona. "Se la zona euro perdera' un pezzo ne risultera' danneggiata, perche' la sua integrita' verra' messa in discussione - ha spiegato Moscovici - l'intera Europa verrebbe colpita, la Germania piu' di tutti. Per questo l'Ue e l'eurogruppo rifiutano cosi' categoricamente il taglio del debito".

"Se il governo di Atene dimostrera' di fare la sua parte -  ha spiegato il commissario - le istituzioni comunitarie le verranno incontro. Tutti i partecipanti sanno bene che un possibile terzo pacchetto di salvataggio dev'essere basato su presupposti diversi dai precedenti", ha voluto sottolineare.

E poi Moscovici ha precisato: "Al momento ci troviamo in una fase difficile, nel momento in cui il nuovo governo deve costruirsi la fiducia. Ci sono molte riforme che interessano entrambe le parti, come ad esempio un migliore sostegno degli indigenti o la creazione di un'amministrazione fiscale funzionante. I nostri esperti si stanno gia' facendo un'idea della situazione in loco. Questo e' gia' un grande passo avanti ma dobbiamo sbrigarci".

Sulla sua posizione, come francese, riguardo alla situazione economica dell'eurozona, inoltre, il commissario europeo si e' mostrato inamovibile: "la Francia non e' il grande malato d'Europa. Il paese necessita di riforme radicali che anche noi come Commissione europea chiediamo. Ma e' solo tempo perso quando la Germania punta il dito contro la Francia e viceversa. Germania e Francia sono i paesi fondatori e il cuore dell'Europa. L'Europa va avanti solo se i due paesi uniscono gli sforzi. E questo il governo tedesco lo sa". 

Tuttavia, il primo ministro Valls è atteso a Bruxelles dove dovrà spiegare quali "riforme" intende mettere in campo per applicare la politica recessiva che la Ue a trazione tedesca cerca di imporre a tutti gli stati membri. Valls ha già fatto sapere che non intende - anche perchè non ha più una maggioranza parlamentare che lo sostiene - varare nessuna "riforma" pro austerity. 

Alti funzionari di Bruxelles non hanno celato il disappunto. Ma in ogni caso, è la Grecia al momento il vero drammatico problema dell'eurozona. Se verrà allontanata, lo sarà in maniera sgangherata e questo produrrà contraccolpi violentissimi nei mercati e nelle istituzione Ue, se rimarrà nell'euro, lo farà solo alle sue condizioni, e questo significherà una profondissima crepa all'interno della zona euro tra i governi allineati a Berlino e quelli critici, tra cui, appunto, la Francia.

Redazione Milano


MOSCOVICI SI ARRENDE: ''NON E' PIU' ESCLUSA L'USCITA (LA CACCIATA) DELLA GRECIA DALL'EURO'' (PREPARATIVI DI EURO CROLLO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   UE   PARIGI   BERLINO   EURO   GRECIA   GREXIT   VALLS   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
 
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
 
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
 
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BENYAMIN NETANYAHU TRIONFA ALLE ELEZIONI IN ISRAELE: IL LIKUD SBARAGLIA TUTTI, VASTA MAGGIORANZA DI DESTRA

BENYAMIN NETANYAHU TRIONFA ALLE ELEZIONI IN ISRAELE: IL LIKUD SBARAGLIA TUTTI, VASTA MAGGIORANZA DI
Continua

 
NELL'ASSALTO DEI TAGLIAGOLE ISLAMICI DELL'ISIS AL MUSEO DI TUNISI, 22 MORTI E 50 FERITI, UCCISI I TERRORISTI NEL BLITZ

NELL'ASSALTO DEI TAGLIAGOLE ISLAMICI DELL'ISIS AL MUSEO DI TUNISI, 22 MORTI E 50 FERITI, UCCISI I
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!