43.407.677
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MOSCOVICI SI ARRENDE: ''NON E' PIU' ESCLUSA L'USCITA (LA CACCIATA) DELLA GRECIA DALL'EURO'' (PREPARATIVI DI EURO CROLLO)

mercoledì 18 marzo 2015

PARIGI  - Il commissario europeo agli Affari monetari, Pierre Moscovici, non esclude piu' una possibile uscita della Grecia dall'euro. "Non terremo la Grecia all'interno dell'eurozona a tutti i costi, ma solo a condizioni che risultino accettabili per entrambe le parti", ha dichiarato il francese al quotidiano tedesco "Die Welt".

Moscovici ha pero' ammesso che la cosiddetta "Grexit" potrebbe comportare "grandi danni" all'eurozona. "Se la zona euro perdera' un pezzo ne risultera' danneggiata, perche' la sua integrita' verra' messa in discussione - ha spiegato Moscovici - l'intera Europa verrebbe colpita, la Germania piu' di tutti. Per questo l'Ue e l'eurogruppo rifiutano cosi' categoricamente il taglio del debito".

"Se il governo di Atene dimostrera' di fare la sua parte -  ha spiegato il commissario - le istituzioni comunitarie le verranno incontro. Tutti i partecipanti sanno bene che un possibile terzo pacchetto di salvataggio dev'essere basato su presupposti diversi dai precedenti", ha voluto sottolineare.

E poi Moscovici ha precisato: "Al momento ci troviamo in una fase difficile, nel momento in cui il nuovo governo deve costruirsi la fiducia. Ci sono molte riforme che interessano entrambe le parti, come ad esempio un migliore sostegno degli indigenti o la creazione di un'amministrazione fiscale funzionante. I nostri esperti si stanno gia' facendo un'idea della situazione in loco. Questo e' gia' un grande passo avanti ma dobbiamo sbrigarci".

Sulla sua posizione, come francese, riguardo alla situazione economica dell'eurozona, inoltre, il commissario europeo si e' mostrato inamovibile: "la Francia non e' il grande malato d'Europa. Il paese necessita di riforme radicali che anche noi come Commissione europea chiediamo. Ma e' solo tempo perso quando la Germania punta il dito contro la Francia e viceversa. Germania e Francia sono i paesi fondatori e il cuore dell'Europa. L'Europa va avanti solo se i due paesi uniscono gli sforzi. E questo il governo tedesco lo sa". 

Tuttavia, il primo ministro Valls è atteso a Bruxelles dove dovrà spiegare quali "riforme" intende mettere in campo per applicare la politica recessiva che la Ue a trazione tedesca cerca di imporre a tutti gli stati membri. Valls ha già fatto sapere che non intende - anche perchè non ha più una maggioranza parlamentare che lo sostiene - varare nessuna "riforma" pro austerity. 

Alti funzionari di Bruxelles non hanno celato il disappunto. Ma in ogni caso, è la Grecia al momento il vero drammatico problema dell'eurozona. Se verrà allontanata, lo sarà in maniera sgangherata e questo produrrà contraccolpi violentissimi nei mercati e nelle istituzione Ue, se rimarrà nell'euro, lo farà solo alle sue condizioni, e questo significherà una profondissima crepa all'interno della zona euro tra i governi allineati a Berlino e quelli critici, tra cui, appunto, la Francia.

Redazione Milano


MOSCOVICI SI ARRENDE: ''NON E' PIU' ESCLUSA L'USCITA (LA CACCIATA) DELLA GRECIA DALL'EURO'' (PREPARATIVI DI EURO CROLLO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   UE   PARIGI   BERLINO   EURO   GRECIA   GREXIT   VALLS   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
 
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BENYAMIN NETANYAHU TRIONFA ALLE ELEZIONI IN ISRAELE: IL LIKUD SBARAGLIA TUTTI, VASTA MAGGIORANZA DI DESTRA

BENYAMIN NETANYAHU TRIONFA ALLE ELEZIONI IN ISRAELE: IL LIKUD SBARAGLIA TUTTI, VASTA MAGGIORANZA DI
Continua

 
NELL'ASSALTO DEI TAGLIAGOLE ISLAMICI DELL'ISIS AL MUSEO DI TUNISI, 22 MORTI E 50 FERITI, UCCISI I TERRORISTI NEL BLITZ

NELL'ASSALTO DEI TAGLIAGOLE ISLAMICI DELL'ISIS AL MUSEO DI TUNISI, 22 MORTI E 50 FERITI, UCCISI I
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FINANCIAL TIMES: GRANDI BANCHE SI PREPARANO ALLA FINE DELL'EURO NEL

23 gennaio - LONDRA - La notizia è clamorosa, ma come sempre accade in questi casi,
Continua

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua
Precedenti »