46.407.403
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CONTRO LA MINACCIA CONCRETA DELL'ISIS, L'ITALIA DEVE CHIEDERE L'INTERVENTO DELLA NATO (AMMIRAGLIO STAVRIDIS, EX NATO)

venerdì 13 marzo 2015

WASHINGTON - Lo Stato islamico pare essere giunto alle stesse conclusioni di Winston Churchill, che nel 1942 defini' l'Italia il "ventre molle" dell'Europa. Con una articolo sulla "Washington Post", l'ex comandante supremo delle forze Nato e dell'intervento militare in Libia nel 2011, ammiraglio James Stavridis, prova ad analizzare l'attendibilita' delle minacce rivolte dall'Isis all'Italia e le possibili contromisure.

L'ammiraglio statunitense (in congedo da poco)  esordisce citando gli iperbolici proclama di conquista di Roma pubblicati sul magazine propagandistico del Califfato, "Dabiq". Minacce che non potranno mai concretizzarsi, ma che nondimeno presentano rischi concreti per la sicurezza nazionale del Belpaese.

La retorica e le azioni dello Stato islamico sono mosse da un impulso "storico" medievale, dell'Islam, che vede nella conquista di Roma, nucleo della Cristianita', l'obiettivo ultimo di diffusione e affermazione della fede mussulmana. Pare incredibile accada nel terzo millennio, ma è così.

Nel concreto, scrive Stavridis, lo Stato islamico puo' servirsi del flusso sempre piu' vasto di profughi e clandestini attraverso il Mediterraneo e delle rotte dei contrabbandieri per infiltrare terroristi e militanti nel territorio italiano.

L'Italia, riconosce l'ufficiale, e' conscia del rischio e ha reagito adottando misure preliminari adeguate, ma e' necessario un coinvolgimento della Nato: Roma "dovrebbe ricorrere all'Art. IV del trattato istitutivo dell'Alleanza" e convocare il Consiglio della Nato a Bruxelles.

Cosi' facendo, potrebbe chiedere il sostegno delle forze navali alleate alla sua Marina e Guardia costiera, proprio come la Turchia ha ricevuto dalla Nato una protezione missilistica precauzionale in risposta alla guerra civile nella vicina Siria.

In secondo luogo, e' necessario rafforzare gli sforzi d'intelligence: all'Italia "deve essere dato accesso all'intelligence di massimo livello raccolta in Libia": cio' significa anche una piu' stretta collaborazione coi paesi arabi.

E' necessario dedicare una attenzione ancora maggiore alla sicurezza marittima: "la Guardia costiera dovrebbe pattugliare e mappare le direttrici di movimento attraverso il Mediterraneo; andrebbero impiegati pattugliatori marittimi a lungo raggio dalle basi in Sicilia, e ulteriormente rafforzata la cooperazione con Malta".

Dovrebbero essere schierati droni da ricognizione ad elevata autonomia. Da ultimo, e piu' importante, va elaborata al piu' presto "una strategia per aggredire il problema alla radice, in Libia", con un intervento europeo per "indirizzare quel paese verso la stabilita'". L'Italia, conclude Stavridis, e' il cancello d'Europa, e la Nato e l'Europa devono fare tutto quanto nelle loro possibilita' per aiutarla ad affrontare questa minaccia.

Al momento, invece, non sembra che il governo Renzi stia agendo in questa direzione. Ed è un grave errore che avrà pesanti conseguenze per l'Italia e gli italiani. 

Redazione Milano.


CONTRO LA MINACCIA CONCRETA DELL'ISIS, L'ITALIA DEVE CHIEDERE L'INTERVENTO DELLA NATO (AMMIRAGLIO STAVRIDIS, EX NATO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ISIS   NATO   AMMIRAGLIO   STAVRIDIS   MINACCIA   DIFESA   RENZI   GOVERNO   COSTE   MARINA   MILITARE   ROMA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI OGNI ORA, +36% DAL 2009

DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI

mercoledì 26 aprile 2017
Fallimenti delle imprese italiane, numeri da spavento. Nei primi tre mesi del 2017 sono state infatti 2.998 le aziende italiane che hanno portato i libri in tribunale, il 16,8% in meno rispetto ad un
Continua
 
IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN COMBUTTA CON LE ONG

IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN

mercoledì 26 aprile 2017
I giornali e l'informazione in Italia ignorano la notizia, ma è di una estrema gravità. Così, ecco che per apprenderla bisogna leggere i quotidiani tedeschi, benchè
Continua
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
 
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ECONOMIST: ''LA GRANDE MAGGIORANZA DEI GIOVANI DELL'EUROZONA E' EUROSCETTICO: DISPREZZA UE E VALUTA UNICA EUROPEA''

L'ECONOMIST: ''LA GRANDE MAGGIORANZA DEI GIOVANI DELL'EUROZONA E' EUROSCETTICO: DISPREZZA UE E
Continua

 
TSIPRAS: ''LA GRECIA NON ACCETTERA' IL RITORNO ALL'AUSTERITA' CHE VUOLE LA TROIKA, QUALUNQUE COSA ACCADA''(ADDIO, EURO)

TSIPRAS: ''LA GRECIA NON ACCETTERA' IL RITORNO ALL'AUSTERITA' CHE VUOLE LA TROIKA, QUALUNQUE COSA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!