54.924.723
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA ESPLOSIVA / IL SISTEMA MILITARE INDUSTRIALE TEDESCO HA CORROTTO LA GRECIA MENTRE LA TROIKA IMPONEVA I DIKTAT

martedì 10 marzo 2015

Berna, e cioè la giustizia svizzera, ha sequestrato 35 milioni di franchi svizzeri in conti bancari nel vasto scandalo di corruzione e riciclaggio di denaro relativi a contratti di difesa in Grecia. Vicenda che comunque ha già fatto "guadagnare" 20 anni di carcere a un ex ministro greco.

Ricordiamo che sono state pagate tangenti per facilitare la sottoscrizione di contratti di vendita di armi alla Grecia alla fine del 1990 e primi anni 2000.

"Circa quattro milioni di franchi sono già stati restituiti al governo greco lo scorso anno", ha detto da parte sua il portavoce del pubblico ministero della Confederazione (MPC), Jeanette Balmer, confermando informazioni pubblicate nel quotidiano "NZZ am Sonntag ".

In questa occasione, Jeanette Balmer ha voluto ricordare che le tangenti erano state pagate a politici e funzionari greci, quando la Grecia acquistò (ma ne aveva la necessità? No)  missili anti-aerei, carri armati e sottomarini. "Il denaro è stato poi trasferito la piazza finanziaria svizzera " ha continuato la portavoce del pubblico ministero.

Circa 20 milioni di franchi sfuggiti alle autorità fiscali greche è "atterrato in Svizzera", in particolare attraverso le cosiddette operazioni di compensazione. "Questi importi, tuttavia, sono stati prodotti attraverso un meccanismo complesso. Si è scoperto che le imprese di armamento coinvolte nel caso pagavano delle tangenti, presentate come spese di consulenza, sui conti che fondazioni greche avevano in Svizzera.

Successivamente, gli importi che transitano attraverso varie società di comodo, finivano sui conti di cittadini greci ricchi, titolari dei conti in Svizzera, ma i cui depositi non erano mai stati dichiarati al fisco ellenico. Era vero e proprio riciclaggio di soldi sporchi frutto della corruzione. In cambio del riciclaggio, questi individui ricchi prelevavano denaro contante consegnandolo agli amministratori pubblici greci del corrotto Ministero della Difesa.

L'indagine svizzera ha colpito cinque persone in totale, di cui una in stato d'arresto. Diverse persone sono già state condannate in Grecia per questo caso. Tra di loro è l'ex ministro della Difesa greco Akis Tsochatzopoulos, che è stato condannato a 20 anni di carcere nel mese di ottobre 2013 per riciclaggio di oltre sei milioni di euro di tangenti.

Tra le società individuate dall'accusa per essere responsabili di questa corruzione internazionale, la Ferrostaal che è una filiale del gigante industriale tedesco MAN. La Ferrostaal avrebbe pagato l'ex ministro in cambio dell'acquisto di 4 sottomarini per la Marina militare greca per un valore di 1,6 miliardi di euro. E' accaduto nel 2000.

Al processo tenutosi davanti al procuratore di Monaco, all'inizio dell'indagine, nel 2010, alcuni dirigenti della società tedesca hanno ammesso di aver distribuito un totale di 60 milioni di euro a intermediari greci tra cui l'ex ministro della difesa. I dirigenti della società hanno inoltre ammesso di aver utilizzato metodi simili per vendere più sottomarini in Portogallo. La corte ha inflitto alla Ferrostaal una multa di 140.000.000 di euro.

Antonis Kantas, Vice Direttore armamenti del Ministero della Difesa greco dal 1997-2002 è un'altra figura di estremo rilievo dell'inchiesta. Kantas ha confessato dopo il suo arresto che è avvenuto 13 dicembre 2013, di avere preso tangenti dall'ex funzionario greco Dimitris Papachristos, di 78 anni, quando era rappresentante in Grecia della compagnia di armamenti tedesca Wegmann, poi diventata Krauss-Maffei Wegmann (KMW), che ha partecipato alle operazioni di corruzione versando tangenti a funzionari greci sulle forniture di armi.

Secondo Der Spiegel, i pubblici ministeri Monaco di Baviera hanno aperto un'inchiesta anche sulla vendita di 170 blindati Léopoard 2 in Grecia nei primi anni 2000. Antonis Kantas avrebbe ricevuto 600.000 euro dalle industrie tedesce per la vendita allo Stato greco di questi carri armati.

Nella colossale inchiesta sono coinvolte direttamente anche aziende di armamenti francesi, e funzionari francesi sarebbero responsabili del pagamento di tangenti, nonché le società di trasporto russe, brasiliane e svedesi.

Nel gennaio del 2014, una fonte giudiziaria ha indicato che "milioni di euro e dollari" sono sparsi su molti conti di tutto il mondo, e sono conti offshore gestiti da intermediari, dove si trovano i proventi di queste gigantesche corruzioni in Grecia messe in atto da aziende del settore militare tedesche e francesi.

Durante l'ultimo decennio fino ad oggi, la Grecia è stata il più grande importatore di armi dell'Unione europea, il che è davvero inconcepibile. La Germania, il secondo più grande fornitore di materiale militare alla Grecia dopo gli Stati Uniti. 

Tra il 2006 e il 2010, la Germania è stato anche il terzo più grande beneficiario delle esportazioni di armi francesi, e questo indica molti "affari in comune". Nello stesso periodo, la Grecia è stata la decima importatrice di armi al mondo. Fatto assolutamente inconcepibile, vista la condizione della Grecia, la sua collocazione, l'appartenza alla Nato, e l'assenza di minacce dirette o indirette alla sua sicurezza.

Uno studio della Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), segnala che il 25,3% di tutte le apparecchiature militari in Grecia alla data del 2011 è stato acquistato da aziende tedesche, molto più avanti dei gruppi francesi (12,8%).

Così, la Grecia è il primo cliente in Germania in questo settore dal 2007 e il 1° paese europeo importatore di armi in rapporto al PIL, e questo nonostante i tanti tagli di bilancio e discorsi infuocati di Angela Merkel sulle "spese insostenibili" della pubblica amministrazione della Grecia in campo sanitario, pensionistico, scolastico, assistenziale.

Nell'agosto del 2013, sono stati perquisiti in Germania gli uffici di una joint venture di Eads e ThyssenKrupp e Rheinmetall, nell'ambito delle indagini su sospetti di corruzione legati al controllo da parte della Grecia di attrezzature sottomarine, secondo quanto dichiarato da un portavoce del procuratore federale di Brema.

Il portavoce aveva poi aggiunto che la filiale comune tra EADS e Thyssen, Atlas Elektronik, e Rheinmetall Defence Electronics era stata perquisita, perchè si crede abbia pagato 18 milioni di euro di tangenti in Grecia e anche per la conseguente evasione fiscale. EADS e ThyssenKrupp hanno dovuto confermare di avere subito una perquisizione comune.

Autore dell'articolo Elisabeth Studer – leblogfinance.com - che vivamente ringraziamo.

Articolo originale in lingua francese: http://www.leblogfinance.com/2015/03/grecescandale-de-corruption-sur-contrats-darmement-avec-france-et-allemagne-la-suisse-saisit-des-comptes-bancaires.html 


INCHIESTA ESPLOSIVA / IL SISTEMA MILITARE INDUSTRIALE TEDESCO HA CORROTTO LA GRECIA MENTRE LA TROIKA IMPONEVA I DIKTAT




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua
TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA. GOVERNERA' DA SOLA

TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA.

lunedì 11 dicembre 2017
AJACCIO - I nazionalisti in Corsica hanno stravinto le elezioni amministrative e, con in mano le chiavi della nuova "collettività territoriale unica" chiedono ora al governo di "fare bene i
Continua
 
SU BANCA ETRURIA MATTEO RENZI PRENDE UNA ''CAPOCCIATA'' A TESTA ALTA: BOSCHI BABBO SOTTO INCHIESTA AD AREZZO

SU BANCA ETRURIA MATTEO RENZI PRENDE UNA ''CAPOCCIATA'' A TESTA ALTA: BOSCHI BABBO SOTTO INCHIESTA

lunedì 4 dicembre 2017
AREZZO - Le cose stanno in modo molto differente da come il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha voluto far credere, al riguardo di Banca Etruria in riferimento al padre della ex ministra delle
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''MINISTRO DELLA DIFESA MINACCIA D'INONDARCI DI CLANDESTINI. LA GRECIA RICATTA L'EUROPA''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''MINISTRO DELLA DIFESA MINACCIA D'INONDARCI DI CLANDESTINI. LA
Continua

 
GOVERNO GRECO: ''DANNI DI GUERRA TEDESCHI VANNO PAGATI, SE NON ACCADRA' CONFISCHEREMO PROPRIETA' TEDESCHE IN GRECIA''

GOVERNO GRECO: ''DANNI DI GUERRA TEDESCHI VANNO PAGATI, SE NON ACCADRA' CONFISCHEREMO PROPRIETA'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

DUE TUNISINI SEQUESTRANO E VIOLENTANO PER 24 ORE UNA DONNA ITALIANA

12 dicembre - ASTI - Legata ad una brandina con il cavo di un telefono, in uno
Continua

FU LA COMMISSIONE UE DI JUNCKER A IMPEDIRE IL SALVATAGGIO DELLE 4

12 dicembre - Fu la Commissione Europea a bloccare l'ipotesi di salvataggio delle 4
Continua

BERLUSCONI: ABBIAMO PENSATO AL NUOVO GOVERNO (OK SALVINI A 3

12 dicembre - ROMA - ''Abbiamo pensato ad un governo composto ipoteticamente da 20
Continua

FIUME ENZA ROMPE GLI ARGINI E INVADE FABBRICHE E CASE 1.000 PERSONE

12 dicembre - BOLOGNA - E' in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di
Continua

AUSTRIA: POTENTE ESPLOSIONE ALL'HUB DI GAS PROVENIENTE DA RUSSIA E

12 dicembre - VIENNA - Una forte esplosione nel maggiore hub di gas dell'Austria,
Continua

ABBATTUTO MISSILE PALESTINESE LANCIATO CONTRO ISRAELE DAI

12 dicembre - ISRAELE - Questa mattina, le forze armate israeliane hanno attaccato
Continua

IL TERRORISTA DELLA METROPOLITANA DI NEW YORK E' UN IMMIGRATO DAL

11 dicembre - NEW YORK - L'ex capo della polizia di New York, Bill Bratton, ha detto
Continua

MICHELE BORDONI, CHE HA TENTATO UNA STRAGE A SONDRIO:NE VOLEVO

11 dicembre - SONDRIO - ''Ne dovevo ammazzare di piu'''. E' quanto ha detto al momento
Continua

LA TURCHIA INTERCETTA E ARRESTA OLTRE 2.000 CLANDESTINI

11 dicembre - ISTANBUL - Le autorita' turche hanno fermato nell'ultima settimana 2.184
Continua

CROLLO DEI CONSUMI DEGLI ITALIANI: -2% RISPETTO OTTOBRE 2016 (GIA'

11 dicembre - A ottobre 2017 le vendite al dettaglio sono diminuite dell'1% rispetto
Continua
Precedenti »