68.148.957
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA ESPLOSIVA / IL SISTEMA MILITARE INDUSTRIALE TEDESCO HA CORROTTO LA GRECIA MENTRE LA TROIKA IMPONEVA I DIKTAT

martedì 10 marzo 2015

Berna, e cioè la giustizia svizzera, ha sequestrato 35 milioni di franchi svizzeri in conti bancari nel vasto scandalo di corruzione e riciclaggio di denaro relativi a contratti di difesa in Grecia. Vicenda che comunque ha già fatto "guadagnare" 20 anni di carcere a un ex ministro greco.

Ricordiamo che sono state pagate tangenti per facilitare la sottoscrizione di contratti di vendita di armi alla Grecia alla fine del 1990 e primi anni 2000.

"Circa quattro milioni di franchi sono già stati restituiti al governo greco lo scorso anno", ha detto da parte sua il portavoce del pubblico ministero della Confederazione (MPC), Jeanette Balmer, confermando informazioni pubblicate nel quotidiano "NZZ am Sonntag ".

In questa occasione, Jeanette Balmer ha voluto ricordare che le tangenti erano state pagate a politici e funzionari greci, quando la Grecia acquistò (ma ne aveva la necessità? No)  missili anti-aerei, carri armati e sottomarini. "Il denaro è stato poi trasferito la piazza finanziaria svizzera " ha continuato la portavoce del pubblico ministero.

Circa 20 milioni di franchi sfuggiti alle autorità fiscali greche è "atterrato in Svizzera", in particolare attraverso le cosiddette operazioni di compensazione. "Questi importi, tuttavia, sono stati prodotti attraverso un meccanismo complesso. Si è scoperto che le imprese di armamento coinvolte nel caso pagavano delle tangenti, presentate come spese di consulenza, sui conti che fondazioni greche avevano in Svizzera.

Successivamente, gli importi che transitano attraverso varie società di comodo, finivano sui conti di cittadini greci ricchi, titolari dei conti in Svizzera, ma i cui depositi non erano mai stati dichiarati al fisco ellenico. Era vero e proprio riciclaggio di soldi sporchi frutto della corruzione. In cambio del riciclaggio, questi individui ricchi prelevavano denaro contante consegnandolo agli amministratori pubblici greci del corrotto Ministero della Difesa.

L'indagine svizzera ha colpito cinque persone in totale, di cui una in stato d'arresto. Diverse persone sono già state condannate in Grecia per questo caso. Tra di loro è l'ex ministro della Difesa greco Akis Tsochatzopoulos, che è stato condannato a 20 anni di carcere nel mese di ottobre 2013 per riciclaggio di oltre sei milioni di euro di tangenti.

Tra le società individuate dall'accusa per essere responsabili di questa corruzione internazionale, la Ferrostaal che è una filiale del gigante industriale tedesco MAN. La Ferrostaal avrebbe pagato l'ex ministro in cambio dell'acquisto di 4 sottomarini per la Marina militare greca per un valore di 1,6 miliardi di euro. E' accaduto nel 2000.

Al processo tenutosi davanti al procuratore di Monaco, all'inizio dell'indagine, nel 2010, alcuni dirigenti della società tedesca hanno ammesso di aver distribuito un totale di 60 milioni di euro a intermediari greci tra cui l'ex ministro della difesa. I dirigenti della società hanno inoltre ammesso di aver utilizzato metodi simili per vendere più sottomarini in Portogallo. La corte ha inflitto alla Ferrostaal una multa di 140.000.000 di euro.

Antonis Kantas, Vice Direttore armamenti del Ministero della Difesa greco dal 1997-2002 è un'altra figura di estremo rilievo dell'inchiesta. Kantas ha confessato dopo il suo arresto che è avvenuto 13 dicembre 2013, di avere preso tangenti dall'ex funzionario greco Dimitris Papachristos, di 78 anni, quando era rappresentante in Grecia della compagnia di armamenti tedesca Wegmann, poi diventata Krauss-Maffei Wegmann (KMW), che ha partecipato alle operazioni di corruzione versando tangenti a funzionari greci sulle forniture di armi.

Secondo Der Spiegel, i pubblici ministeri Monaco di Baviera hanno aperto un'inchiesta anche sulla vendita di 170 blindati Léopoard 2 in Grecia nei primi anni 2000. Antonis Kantas avrebbe ricevuto 600.000 euro dalle industrie tedesce per la vendita allo Stato greco di questi carri armati.

Nella colossale inchiesta sono coinvolte direttamente anche aziende di armamenti francesi, e funzionari francesi sarebbero responsabili del pagamento di tangenti, nonché le società di trasporto russe, brasiliane e svedesi.

Nel gennaio del 2014, una fonte giudiziaria ha indicato che "milioni di euro e dollari" sono sparsi su molti conti di tutto il mondo, e sono conti offshore gestiti da intermediari, dove si trovano i proventi di queste gigantesche corruzioni in Grecia messe in atto da aziende del settore militare tedesche e francesi.

Durante l'ultimo decennio fino ad oggi, la Grecia è stata il più grande importatore di armi dell'Unione europea, il che è davvero inconcepibile. La Germania, il secondo più grande fornitore di materiale militare alla Grecia dopo gli Stati Uniti. 

Tra il 2006 e il 2010, la Germania è stato anche il terzo più grande beneficiario delle esportazioni di armi francesi, e questo indica molti "affari in comune". Nello stesso periodo, la Grecia è stata la decima importatrice di armi al mondo. Fatto assolutamente inconcepibile, vista la condizione della Grecia, la sua collocazione, l'appartenza alla Nato, e l'assenza di minacce dirette o indirette alla sua sicurezza.

Uno studio della Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), segnala che il 25,3% di tutte le apparecchiature militari in Grecia alla data del 2011 è stato acquistato da aziende tedesche, molto più avanti dei gruppi francesi (12,8%).

Così, la Grecia è il primo cliente in Germania in questo settore dal 2007 e il 1° paese europeo importatore di armi in rapporto al PIL, e questo nonostante i tanti tagli di bilancio e discorsi infuocati di Angela Merkel sulle "spese insostenibili" della pubblica amministrazione della Grecia in campo sanitario, pensionistico, scolastico, assistenziale.

Nell'agosto del 2013, sono stati perquisiti in Germania gli uffici di una joint venture di Eads e ThyssenKrupp e Rheinmetall, nell'ambito delle indagini su sospetti di corruzione legati al controllo da parte della Grecia di attrezzature sottomarine, secondo quanto dichiarato da un portavoce del procuratore federale di Brema.

Il portavoce aveva poi aggiunto che la filiale comune tra EADS e Thyssen, Atlas Elektronik, e Rheinmetall Defence Electronics era stata perquisita, perchè si crede abbia pagato 18 milioni di euro di tangenti in Grecia e anche per la conseguente evasione fiscale. EADS e ThyssenKrupp hanno dovuto confermare di avere subito una perquisizione comune.

Autore dell'articolo Elisabeth Studer – leblogfinance.com - che vivamente ringraziamo.

Articolo originale in lingua francese: http://www.leblogfinance.com/2015/03/grecescandale-de-corruption-sur-contrats-darmement-avec-france-et-allemagne-la-suisse-saisit-des-comptes-bancaires.html 


INCHIESTA ESPLOSIVA / IL SISTEMA MILITARE INDUSTRIALE TEDESCO HA CORROTTO LA GRECIA MENTRE LA TROIKA IMPONEVA I DIKTAT




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''MINISTRO DELLA DIFESA MINACCIA D'INONDARCI DI CLANDESTINI. LA GRECIA RICATTA L'EUROPA''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''MINISTRO DELLA DIFESA MINACCIA D'INONDARCI DI CLANDESTINI. LA
Continua

 
GOVERNO GRECO: ''DANNI DI GUERRA TEDESCHI VANNO PAGATI, SE NON ACCADRA' CONFISCHEREMO PROPRIETA' TEDESCHE IN GRECIA''

GOVERNO GRECO: ''DANNI DI GUERRA TEDESCHI VANNO PAGATI, SE NON ACCADRA' CONFISCHEREMO PROPRIETA'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »