54.007.555
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / TASSE RIDOTTE? SI, DI 1 EURO L'ANNO, MA AUMENTANO QUELLE OCCULTE. RIPRESA? NEL 2025-2030

giovedì 5 marzo 2015

Mentre i media nazionali ed il premier non eletto celebrano con toni trionfalistici “l’inizio della ripresa”, vale a dire la crescita del PIL dello 0,1% (quello che l’Inghilterra fa all’incirca in un paio di settimane), dimenticandosi di dire che per crescite inferiori al 2% la disoccupazione non cala, le famiglie e le imprese italiane devono fare i conti con una pressione fiscale che non accenna a diminuire.

Prendendo per buone le stime annunciate dal MEF (Ministero Economia e Finanza)  quest’anno la ghigliottina fiscale dovrebbe ridursi dello 0,1, passando dal 43,3 al 43,2%: praticamente ogni 1.000 euro di reddito pagherete “solo”  432 euro di tasse anziché 433. Qualcuno potrebbe obiettare che un caffè è sempre meglio che niente. Giusto, peccato che un caffè non aiuti a far ripartire l’economia, prova ne sia l’andamento ancora disastroso dei consumi al dettaglio.

In compenso, esistono aumenti certi anche se non pubblicizzati, che andranno a massacrare equamente famiglie ed imprese. La CGA di Mestre li ha chiaramente indicati:

1) acqua potabile;

2) benzina e gasolio per autotrazione;

3) multe per violazione del codice della strada;

4) tasse automobilistiche dovute anche per gli autoveicoli e motoveicoli ultraventennali di particolare interesse storico e collezionistico;

5) pedaggi autostradali;

6) contributi previdenziali per artigiani e commercianti;

7) contributi previdenziali gestione separata Inps;

8) birra e prodotti alcolici

9) tassazione dei fondi pensione;

10) tassazione sulla rivalutazione del Tfr;

11) riduzione esenzioni sui capitali percepiti in caso di morte in presenza di assicurazione sulla vita;

12) Iva per l’acquisto del pellet.

La tassazione sulla rivalutazione del Tfr, che è bene ricordare sarà sempre più un tesoretto da custodire gelosamente per non morire di fame con le pensioni pubbliche, sarà pure retroattiva e passerà dall’11 al 17%, mentre quella sui fondi pensione lieviterà addirittura al 20%!

Non c’è che dire: un ottimo sistema per far ripartire un’economia, come quella italiana, devastata dal calo dei consumi legato all’impoverimento di quasi tutti gli strati sociali. Secondo il medesimo studio della CGIA, l’Italia impiegherà tra i 10 ed 15 anni a tornare ai livelli antecedenti alla crisi: un’intera generazione bruciata sull’altare dell’euro e dei diktat della troika.

Sì, perché le ricette applicate dagli ultimi tre governi, sono esattamente quelle propugnate ed imposte dal trio infernale fmi-bce-ue ai “cattivi” paesi mediterranei. Se da noi non sono arrivati gli elicotteri come ad Atene è solamente perché i nostri governanti sono stati più zelanti di altri politici nell’assoggettarsi ai voleri degli oligarchi di Bruxelles.

Con una pressione fiscale che nel caso di certe categorie produttive arriva al 68%, è folle pensare che l’economia possa ripartire. Basare tutto sull’export, come ha fatto la Germania, significa, infatti, votarsi a dipendere da variabili economiche esterne ed incontrollabili, ovvero l’esatto contrario di quanto ogni classe politica seria dovrebbe portare avanti. Difatti solo la crescita interna, legata ai consumi, può garantire stabilità nel suo andamento e quindi sostenibilità. Dipendere dai gusti di cinesi o americani, può essere appagante, ma nel medio periodo estremamente pericoloso.

Cosa fare, quindi, per far veramente ripartire l’economia e l’occupazione? Seguire i consigli di Arthur Laffer: una drastica e duratura riduzione del carico fiscale. Un taglio reale, non virtuale come quelli annunciati dall’ex sindaco di Firenze.

Luca Campolongo

 


L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / TASSE RIDOTTE? SI, DI 1 EURO L'ANNO, MA AUMENTANO QUELLE OCCULTE. RIPRESA? NEL 2025-2030




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
 
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua
 
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua
 
CLAMOROSO: IL SERVIZIO GIURIDICO DEL PARLAMENTO EUROPEO SCHIANTA LA BCE. NON HA COMPETENZE SUI CREDITI DETERIORATI

CLAMOROSO: IL SERVIZIO GIURIDICO DEL PARLAMENTO EUROPEO SCHIANTA LA BCE. NON HA COMPETENZE SUI

mercoledì 8 novembre 2017
BRUXELLES - E' una vera doccia gelata addosso alla Bce e particolarmente al suo governatore, Mario Deaghi. Il servizio giuridico del Parlamento europeo ha dichiarato oggi che la proposta della Bce di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA UE VUOLE DISTRUGGERE 10.000 STABILIMENTI BALNEARI ITALIANI CON LA ''LIBERALIZZAZIONE SELVAGGIA'' STILE UBER PER I TAXI

LA UE VUOLE DISTRUGGERE 10.000 STABILIMENTI BALNEARI ITALIANI CON LA ''LIBERALIZZAZIONE SELVAGGIA''
Continua

 
UNA VALANGA DI ''SCHIAFFONI WEB'' ALLA SIGNORA BOLDRINI, ''PRESIDENTA'' DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

UNA VALANGA DI ''SCHIAFFONI WEB'' ALLA SIGNORA BOLDRINI, ''PRESIDENTA'' DELLA CAMERA DEI DEPUTATI


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!