50.670.135
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LO SPIEGEL: ''L'EURO E' UN PESSIMO AFFARE PER LA GERMANIA, ALTRO CHE TEDESCHI PROFITTATORI. COSI' NON PUO' CONTINUARE''.

giovedì 5 marzo 2015

BERLINO - Ogni volta che la crisi dell'euro si riaccende, scrive il settimanale "Spiegel", i commentatori in Germania e all'estero si dilettano a dipingere i tedeschi come "profittatori dell'euro".

L'introduzione della moneta unica avrebbe posto le basi per il boom occupazionale e dell'export, e solo grazie all'euro debole le imprese tedesche avrebbero conquistato quote di mercato e fatto crollare il settore produttivo negli altri paesi della zona euro.

Secondo gli stessi commentatori, proprio queste considerazioni impongono alla Germania un obbligo di solidarieta' nei confronti dei vicini e l'interesse a salvare a tutti i costi la moneta unica.

A ben guardare, scrive oggi sullo Spiegel l'opinionista Daniel Stelter, si puo' notare che l'euro ha portato ad un calo del benessere tedesco e della competitivita' a lungo termine, non ad un miglioramento.

Ai tempi del marco, spiega Stelter, l'economia tedesca era sottoposta ad una costante pressione al rialzo. La moneta dei principali partner commerciali, il franco francese, la lira italiana o il dollaro Usa erano in costante svalutazione rispetto al marco.

Di conseguenza, l'economia tedesca era costretta a far fronte a continui incrementi di produzione. Negli anni precedenti all'introduzione dell'euro, infatti, la produttivita' tedesca e' cresciuta molto piu' velocemente che negli anni successivi.

Dal 2000 ad oggi lo sviluppo della produttivita' in Germania e' diventato piu' lento che nella maggior parte dei paesi industriali, inclusi i paesi piu' colpiti dalla crisi come la Spagna.

Di conseguenza, anche il pil pro capite - il fattore decisivo per lo sviluppo del benessere - e' cresciuto piu' lentamente che nel periodo antecedente all'euro.

Di conseguenza, si e' iniziato a produrre a costi piu' bassi, a discapito della qualita' della produzione; decisione che nel lungo termine pesera' sullo sviluppo dell'economia tedesca.

Fino all'introduzione dell'euro, scrive Stelter, i consumatori tedeschi hanno tratto profitto dalle svalutazioni degli altri paesi: le merci importate e il turismo erano diventati piu' convenienti. Ma dal 2000 la situazione e' cambiata.

Le importazioni sono diventate piu' care e lo stesso e' successo per le vacanze. Per poter viaggiare nuovamente a prezzi bassi, i cittadini tedeschi hanno dovuto scegliere mete al di fuori dell'eurozona, la Turchia al posto della Grecia. Cosi' e' calato anche il potere d'acquisto del tedesco medio.

L'euro ha inoltre prolungato la recessione in Germania, la crescita si e' ridotta e i redditi ristagnano.

Lo Stato tedesco, cosi' scrive Stelter, ha tagliato i suoi investimenti, l'economia tedesca si e' concentrata sull'export mentre gli Stati dell'Europa meridionale facevano la bella vita accumulando debiti.

Adesso, conclude, i crediti che non possono essere ripagati ricadranno sulle spalle dei contribuenti tedeschi. L'euro, quindi, è un pessimo affare per la Germania. Produce molti più danni che benefici, e il prezzo per continuare ad usarlo diventa sempre più alto. Non si potrà continuare così in eterno.

Redazione Milano.


LO SPIEGEL: ''L'EURO E' UN PESSIMO AFFARE PER LA GERMANIA, ALTRO CHE TEDESCHI PROFITTATORI. COSI' NON PUO' CONTINUARE''.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

EURO   GERMANIA   DER SPIEGEL   ECONOMIA   DANNI   SVILUPPO   CRESCITA   COSTI   VACANZE   MONETA   MARCO   VIA DALL'EURO   FINE DELL'EURO   GRECIA   ITALIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SANZIONI ALLA RUSSIA PRODUCONO DANNI PER MILIARDI DI DOLLARI NEGLI USA: EXXON MOBIL PERDE POZZI E GIACIMENTI DI GREGGIO

SANZIONI ALLA RUSSIA PRODUCONO DANNI PER MILIARDI DI DOLLARI NEGLI USA: EXXON MOBIL PERDE POZZI E
Continua

 
FACCIATA DI DRAGHI CONTRO LA CORTE EUROPEA DI GIUSTIZIA CHE DA' RAGIONE ALLA GRAN BRETAGNA. BCE SCONFITTA E UMILIATA

FACCIATA DI DRAGHI CONTRO LA CORTE EUROPEA DI GIUSTIZIA CHE DA' RAGIONE ALLA GRAN BRETAGNA. BCE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!