59.983.817
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RENZI PREPARA UN'ALTRA PORCATA STILE FORNERO: MANDARE IN PENSIONE LA GENTE CON L'ASSEGNO ''POTATO'' A 60-62 ANNI (SCHIFO)

martedì 3 marzo 2015

MILANO - "Reddito minimo per contrastare le situazioni di poverta'" e "forme di flessibilita'" sull'eta' di uscita anticipata dal lavoro, con pensioni proporzionalmente piu' leggere. Sono le due proposte lanciate dal neopresidente dell' Inps, Tito Boeri, in un'intervista che apre oggi la prima pagina del Corriere della Sera.

Due idee da accompagnare al taglio delle direzioni centrali, "che sono troppe, una cinquantina", al cambio di governance dell' Istituto, con un cda di tre membri e un Civ (consiglio di indirizzo e vigilanza) piu' "snello" e senza "funzioni di cogestione", e a un'operazione trasparenza, con un 'pin' di accesso al proprio conto sul sito dell'Inps in modo che tutti possano conoscere la propria situazione: nel 2015 sara' una "possibilita'" per tutti i dipendenti privati e nel 2016 per i parasubordinati.

Il neopresidente assicura che non c'e' da preoccuparsi per il deficit da 6,7 miliardi 'ereditato' dall'Inpdap: "Lo squilibrio verra' gradualmente riassorbito".(ma come accadrà non lo spiega)

A suo giudizio e' da avviare una riflessione sulle spese assistenziali, "per affrontare l'aumento della poverta' che, in questi anni di crisi, ha colpito di piu' le fasce d'eta' prima del pensionamento". "Bisognerebbe insomma spendere meglio le risorse pubbliche - prosegue - prevedendo per esempio un reddito minimo per contrastare le situazioni di poverta', finanziato dalla fiscalita' generale. Poi, dal lato della previdenza, e' chiaro che, usando il calcolo contributivo, si potrebbero introdurre forme di flessibilita'". "Ma prima - precisa - bisogna convincere la Commissione europea perche' purtroppo i conti pubblici vengono considerati nella loro dimensione annuale anziche' sul medio-lungo periodo".

All'intervista, fa seguito la dichiarazione - evidentemente coordinata - del ministro del Lavoro Poletti: "Il tema degli interventi sulla riforma Fornero delle pensioni - ha dichiarato stamattina - è all'ordine del giorno e il punto di riflessione coincidera' con la prossima legge di stabilità. La flessibilità in uscita a fronte di un assegno piu' basso è una delle opzioni". Come dire: invece della legge Fornero, che costringe a lavorare fino a ben oltre i 65 anni, cacciamo a casa tutti magari a 60 ma con la pensione ridotta a un pugno di monetine.

La risposta della CGIL non s'è fatta attendere: "La Cgil chiede al Governo di aprire al piu' presto un tavolo 'per cambiare radicalmente la legge Fornero, ma l'introduzione della flessibilita' deve avvenire senza penalizzazioni quindi senza nuovi tagli agli assegni previdenziali. L'esigenza di flessibilita' e' ormai ineludibile - dice il segretario confederale Vera Lamonica - ma deve significare la modifica dei requisiti di accesso e quindi l'abbassamento delle soglie di eta' in cui e' possibile andare in pensione, poiche' quelle attualmente previste sono palesemente insostenibili. Non puo' trattarsi di un ulteriore taglio alla consistenza degli assegni, e quindi di un'operazione pagata interamente dai lavoratori, ma di una riconsiderazione dell'impianto rigido e punitivo della legge, anche alla luce della irriducibile diversita' dei lavori cui questa, invece, si applica in modo uniforme". 

In pratica, il governo Renzi in tema pensioni - e non solo - mette in atto il famigerato "sistema Juncker": manda avanti figure di secondo piano a buttare "la bomba", poi se non ci sono reazioni significative, mette in atto i suoi propositi, per nefasti che siano. Stavolta, però, la strada è in salita. Con le pensioni non si scherza. Se il governo pensa di attuare un'altra porcata stile Fornero, Renzi può già ora dire addio a Palazzo Chigi.

Redazione Milano


RENZI PREPARA UN'ALTRA PORCATA STILE FORNERO: MANDARE IN PENSIONE LA GENTE CON L'ASSEGNO ''POTATO'' A 60-62 ANNI (SCHIFO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PENSIONE   INPS   FORNERO   LEGGE   POLETTI   RENZI   ASSEGNO   RISORSE   INPDAP   CGIL   JUNCKER   SISTEMA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / IN 15 ANNI L'EUROPA SI E' RIDOTTA A ROTTAME ARRUGGINITO, CHI VUOLE ANCORA L'EURO E' PAZZO

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / IN 15 ANNI L'EUROPA SI E' RIDOTTA A ROTTAME ARRUGGINITO, CHI VUOLE
Continua

 
IL PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA JOSEPH STIGLITZ: ''EURO E POLITICA UE SONO FOLLIE. IL PROBLEMA NON E' LA GRECIA''.

IL PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA JOSEPH STIGLITZ: ''EURO E POLITICA UE SONO FOLLIE. IL PROBLEMA NON
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!