45.076.628
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PER LA UE, LA FRANCIA ''DEVE'' RIENTRARE NEL 3% NEL 2017, PROPRIO DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE PER LE PRESIDENZIALI...

giovedì 26 febbraio 2015

PARIGI - Le elezioni presidenziali francesi del 2017 avranno un protagonista inatteso, la Commissione europea. E questa è davvero un'entrata a gamba tesa che - grazie alla miopia di Bruxelles - produrrà conseguenze rilevanti a favore della vittoria di Marine Le Pen alle elezioni.

Ieri infatti la Commissione europea ha annunciato di aver rinviato appunto al 2017 la richiesta alla Francia di far rientrare il suo deficit di bilancio al disotto della barra fatidica del 3 per cento.

Quindi, proprio nel bel mezzo della campagna elettorale per l'Eliseo, la Commissione sarà costretta a sanzionare la Francia, data per scontata da tutti gli analisti l'impossibilità di ottenere il risultato preteso.

Sarà una sfavorevole coincidenza di eventi nefasti che il governo del presidente Francois Hollande avrebbe voluto evitare ed infatti aveva chiesto che l'obbiettivo fosse spostato al 2018.

Ma diversi paesi dell'Europa del nord si sono opposti, la Germania in testa, ma anche la Svezia, la Danimarca e la Finlandia, gia' assai irritati per il nuovo rinvio concesso alla Francia dopo quello deciso nel 2013.

E tuttavia, secondo il commissario Ue all'Economia Pierre Moscovici, questo ulteriore lasso di tempo concesso a Parigi "non e' un regalo fatto ad un grande paese: continueremo ad esercitare pressioni" sul governo francese, ha detto. Risulta del tutto risibile quanto affermato da Moscovici, perchè la Commissione Ue non ha alcun strumento per "fare pressione", dato che lei stessa ha dato il via libera per altri due anni.

In ogni caso, già in questo 2015 la Francia dovra' ridurre comunque il suo deficit strutturale di un ulteriore 0,2 per cento, lo aveva annunciato Hollande, e il governo quindi dovra' effettuare entro il mese di giugno nuovi tagli nell'ordine di 3-4 miliardi di euro se vuole evitare una reprimenda europea che lascia il tempo che trova, è vero, ma che abbatte ulteriormente la credibilità dell'inquilino dell'Eliseo.

C'è da dire che la Commissione ha chiesto che entro aprile Parigi presenti un piano dettagliato di riforme strutturali "ambiziose" da intraprendere con tempi certi; minacciando in caso contrario di adottare inedite sanzioni per "squilibrio macroeconomico" di cui però non si ha precisa notizia nei trattati. Insomma, a metà tra la bufala e il rimbrotto rancoroso.

Da parte sua il primo ministro francese, Manuel Valls, ha gia' assicurato che "la Francia sta per muoversi" in tal senso; "ma con il nostro ritmo e con le nostre priorita'" politiche, ha aggiunto: di fronte alla spada di Damocle rappresentata in Parlamento dalla "fronda" dell'ala sinistra del Partito socialista, la coalizione governativa per quest'anno non avra' altra scelta che adottare "tagli lineari", come ha spiegato il portavoce del governo Stèphane Le Fol, da cui verrebbe escluso solo il bilancio del ministero della Difesa.

Chiaro che tutto ciò è benzina nel motore politico della candidata a diventare il nuovo presidente della Repubblica francese, Marine Le Pen: infatti, le convulsioni sia della Commissione europea sia del governo Hollande dimostrano quanto errate sono le politiche economiche della Ue e quanto dannoso sia l'euro, la cui sopravvivenza - secondo il volere della Germania - è strettamente legata proprio a queste politiche.

Marine Le Pen dovrebbe ringraziare la Commissione Juncker per l'assist, ma saggiamente tace. Il tempo lavora inesorabile a suo favore, non serve rimarcarlo. 

Redazione Milano


PER LA UE, LA FRANCIA ''DEVE'' RIENTRARE NEL 3% NEL 2017, PROPRIO DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE PER LE PRESIDENZIALI...




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
WALL STREET JOURNAL: ''BANCHE SUD EUROPA A RISCHIO CRAC. LE ITALIANE PIENE DI TITOLI DI STATO E CREDITI IN SOFFERENZA''

WALL STREET JOURNAL: ''BANCHE SUD EUROPA A RISCHIO CRAC. LE ITALIANE PIENE DI TITOLI DI STATO E
Continua

 
ALLARME / DA LUNEDI' LA RUSSIA CHIUDE I RUBINETTI DEL GAS PER L'UCRAINA E LA UE, SE KIEV NON PAGA I DEBITI ENTRO 48 ORE

ALLARME / DA LUNEDI' LA RUSSIA CHIUDE I RUBINETTI DEL GAS PER L'UCRAINA E LA UE, SE KIEV NON PAGA I
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!