43.244.994
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TRA 48 ORE LA RUSSIA CHIUDERA' I RUBINETTI DEL GAS ALL'UCRAINA E A TUTTA LA UE CHE NON PAGA IL DEBITO-GAS UCRAINO

martedì 24 febbraio 2015

MOSCA - La tensione torna ad essere molto alta tra Russia e Ucraina anche sulla questione del gas. E il problema delle forniture e dei pagamenti, potrebbe riflettersi sull'Europa con possibili "stop" al flusso di metano, portando ad una completa cessazione delle forniture in due giorni.

Ad annunciarlo il numero uno di Gazprom, Aleksey Miller, mentre da Kiev arrivano chiari segnali che la questione non avrà facile soluzione.

Naftogaz Ucraina intende infatti ottenere garanzie da Mosca, che ai pagamenti anticipati, previsti dagli accordi in essere, corrisponderà la certezza che il monopolista russo adempia ai propri obblighi. Da Mosca però le previsioni sui prossimi giorni suonano come un ultimatum: un "grave rischio" pende sulle forniture alla Ue a causa dei ritardi sul pagamento anticipato di gas dell'Ucraina.

La situazione potrebbe portare ad un arresto completo dei flussi entro due giorni e minacciare il transito per i consumatori europei, secondo il numero uno di Gazprom Alexei Miller. "A partire da oggi, ci sono solo 219 milioni di metri cubi di gas pagati. Ci vogliono circa due giorni per Naftogaz per trasferire fondi a Gazprom", ha detto Miller.

Miller ha poi aggiunto che "nei prossimi due giorni le forniture all'Ucraina potrebbero arrivare a un punto fermo, che creerà gravi rischi per il gas in transito verso l'Europa". Una spada di Damocle sul vecchio continente e la quasi certezza che i rapporti tra i due Paese, ampiamente danneggiati dalla crisi nel Donbas, non aiuteranno a svolgere la vicenda nel migliore dei modi. 

In precedenza, Naftogaz ha accusato la società russa di non essere riuscita a fornire il metano previsto per il 22 febbraio, pagato prima. E se l'accusa fosse dimostrata, Gazprom avrebbe violato non solo il contratto tra le imprese, ma anche un protocollo tripartito firmato nel mese di ottobre 2014 a Bruxelles, tra il ministro dell'Energia russo Alexander Novak, il commissario europeo per l'Energia Gunther Oettinger e il ministro dell'Energia Yuriy Prodan. Uno dei punti di contesa riguarda le forniture di metano alle regioni controllate dai separatisti, che per Mosca fanno parte del contratto con l'Ucraina e quindi Kiev deve pagare. Una lettura contestata dal governo ucraino.

Redazione Milano.


TRA 48 ORE LA RUSSIA CHIUDERA' I RUBINETTI DEL GAS ALL'UCRAINA E A TUTTA LA UE CHE NON PAGA IL DEBITO-GAS UCRAINO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GASDOTTO   RUSSIA   UE   UCRAINA   DEBITI   KIEV   GAZPROM   BRUXELLES   DENARO   ULTIMATUM    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua
 
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua
LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e
Continua
 
WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INCHIESTA DEL TELEGRAPH SUI PALAZZI DI BRUXELLES: ''BUROCRATI CORROTTI, LADRI, MOLESTATORI SESSUALI, PORNOGRAFI'' (BOOM!)

INCHIESTA DEL TELEGRAPH SUI PALAZZI DI BRUXELLES: ''BUROCRATI CORROTTI, LADRI, MOLESTATORI
Continua

 
LA RUSSIA RATIFICA 100 MILIARDI DI DOLLARI PER LA NUOVA BANCA DEI BRICS CHE SCALZA L'FMI E LA BANCA MONDIALE (ADDIO USA)

LA RUSSIA RATIFICA 100 MILIARDI DI DOLLARI PER LA NUOVA BANCA DEI BRICS CHE SCALZA L'FMI E LA BANCA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!