48.437.662
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BOMBA FINANCIAL TIMES: ''SERVONO NUOVE VALUTE ASSIEME ALL'EURO, OPPURE GREXIT E DEFAULT SONO INEVITABILI'' (ANZI: CERTI)

lunedì 23 febbraio 2015

LONDRA - Il primo ministro della Grecia, Alexis Tsipras, in carica da un mese, ha concluso l'accordo per restare nell'area dell'euro, ma il lavoro piu' difficile, secondo il più autorevole dei commenti apparsi sulla stampa britannica, inizia adesso: la luna di miele con gli elettori si e' conclusa per il governo che aveva acceso speranze sulla fine dell'austerita' in tutta Europa e il rischio di uscita dall'area dall'eurozona non e' scongiurato. Anzi, è perfino aumentato.

Per Wolfgang Munchau, editorialista del "Financial Times", la schermaglia e' finita e puo' cominciare la vera battaglia sul debito, non solo della Grecia, ma di tutta l'eurozona

Se quello di Atene era da considerarsi - scrive Munchau - un tentativo di sfidare l'ortodossia economica tedesca, da questo punto di vista per ora non ha avuto successo. Il compromesso raggiunto a Bruxelles non e' l'accordo in cui il nuovo governo di Syriza sperava, ma soprattutto non risolve la situazione per il meglio.

D'altra parte, la posizione negoziale del governo Tsipras era debole per due motivi: la fuga di capitali era gia' iniziata, col trasferimento all'estero di un miliardo di euro, e Atene non aveva un piano di uscita dall'area monetaria, o almeno non è pronto oggi.

La proroga di quattro mesi concede tempo per concentrarsi sulla battaglia piu' importante: la traiettoria a lungo termine della posizione fiscale greca.

In base alla precedente intesa con i creditori, la Grecia dovrebbe conseguire un avanzo primario del tre per cento quest'anno e del 4,6 per cento l'anno prossimo e abbattare il debito dal 175 al 110 per cento del prodotto interno lordo entro il 2022.

Ma la storia, prosegue l'editoriale, insegna che correzioni di queste dimensioni non funzionano perche' non hanno il consenso dell'elettorato. La richiesta di un taglio del valore nominale del debito avanzata da Atene e' un tabu' per i creditori.

Quanto all'avanzo primario, i greci hanno chiesto una riduzione all'1,5 per cento, ma accetterebbero un ragionevole due per cento.

La posta in gioco per la Grecia e' la sopravvivenza economica.

Cio' richiederebbe l'uscita dal circolo vizioso debito-deflazione dell'ultimo quinquennio. Una soluzione estrema potrebbe essere l'abbandono dell'euro, col default e la svalutazione monetaria.

Una soluzione meno rischiosa e meno costosa consiste nella ristrutturazione all'interno dell'area dell'euro o nell'adozione di una moneta parallela, usata come mezzo di scambio ma non come unita' di conto.

C'e' spazio per soluzioni creative, conclude Munchau, perchè la scelta non e' tra l'austerita' imposta dalla Germania e la Grexit. C'è spazio per creare (finalmente) nuove valute circolanti assieme all'euro all'interno degli stati dell'eurozona, lasciando all'euro il compito di rappresentare gli scambi internazionali, ovvero l'inverso, lasciando l'euro nei singoli stati dell'eurozona, ma convertendo in una nuova valuta i debiti pubblici emessi in titoli di stato.

Anche per il Financial Times, quindi, l'euro è prossimo alla fine, fermo restando che nessuna soluzione, come avverte Munchau, sarà in grado di salvare la Grecia senza la cancellazione di una parte del debito pubblico, assolutamente non ripagabile.

Redazione Milano.


BOMBA FINANCIAL TIMES: ''SERVONO NUOVE VALUTE ASSIEME ALL'EURO, OPPURE GREXIT E DEFAULT SONO INEVITABILI'' (ANZI: CERTI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FINANCIAL TIMES   LONDRA   MUNCHAU   EDITORIALE   GIORNALE   GREXIT   DEFAULT   EURO   NUOVA VALUTA   NUOVA MONETA   SOLUZIONE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'EUROGRUPPO FINISCE UFFICIALMENTE CON UN ''COMPROMESSO'' TRA GRECIA E UE, MA LA SOSTANZA E' UN'ALTRA: LA GRECIA HA VINTO.

L'EUROGRUPPO FINISCE UFFICIALMENTE CON UN ''COMPROMESSO'' TRA GRECIA E UE, MA LA SOSTANZA E'
Continua

 
LA UE PUR DI COMBATTERE PUTIN E' PRONTA A COMPRARE GAS DA DUE DEI PEGGIORI REGIMI DITTATORIALI (E CORROTTI) DEL PIANETA

LA UE PUR DI COMBATTERE PUTIN E' PRONTA A COMPRARE GAS DA DUE DEI PEGGIORI REGIMI DITTATORIALI (E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!