44.176.121
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL MINISTRO DELL'INTERNO AUSTRIACO VA IN KOSOVO E SI RIVOLGE AI CITTADINI: ''NON VENITE DA NOI, VI ESPELLEREMO TUTTI''

venerdì 20 febbraio 2015

L'Austria non concedera' asilo politico ai cittadini provenienti dal Kosovo, ma vuole aiutare il paese balcanico a contrastare il crescente fenomeno dell'emigrazione illegale in patria. Lo ha detto oggi a Pristina il ministro dell'Interno austriaco, Johanna Mikl-Leitner, al termine di un colloqui con il primo ministro del Kosovo, Isa Mustafa.

La recente ondata migratoria, ha aggiunto la Mikl-Leitner, sta influenzando i processi economici sia in Kosovo che in Austria. "In tutto il 2014 abbiamo avuto 1.900 domande di asilo, mentre in queste prime settimane del 2015 abbiamo ricevute piu' di 1.800", ha detto il ministro austriaco.

La Mikl-Leitner si e' poi rivolta direttamente ai cittadini kosovari: "Non e' vero che una volta arrivati in Austria troverete un lavoro. Non credete ai truffatori che vogliono solo arricchire se stessi. Sappiamo che i pagate sempre di piu' per andare in Austria o nei paesi dell'Unione europea, dove venite rimpatriati dopo qualche settimana: quando tornate sarete ancora piu' poveri di quando siete partiti", ha detto il ministro. A sette anni dall'indipendenza dalla Serbia, i numeri dicono che il Kosovo e' un paese che si sta lentamente "svuotando". Secondo i dati del dicastero kosovaro dell'Istruzione, un totale di 5.000 bambini kosovari sotto i 14 anni hanno abbandonato la scuola nel solo mese di gennaio.

Alcuni istituti nella parte meridionale del paese sono a rischio di chiusura perche' mancano gli alunni. Secondo il Programma Onu per lo sviluppo (Undp), il livello di poverta' e' pari al 29,7 per cento, mentre il 10,2 per cento dei cittadini i vive in condizioni di poverta' estrema. Il tasso di disoccupazione supera il 35,1 per cento, mentre fra i giovani arriva addirittura al 60,2 per cento. L'aspettativa di vita per gli 1,8 milioni di kosovari non supera i 70 anni.

Nel dicembre 2014 e' stato registrato un fortissimo aumento degli ingressi irregolari di cittadini kosovari nell'Unione europea, un incremento che li ha resi il primo gruppo nazionale a essere entrato illegalmente in un paese membro dell'Ue. Secondo l'Agenzia Ue per il controllo delle frontiere esterne (Frontex), la maggior parte degli ingressi illegali "sono stati rilevati sulla rotta dei Balcani occidentali nel tentativo di entrare illegalmente in Ungheria dalla Serbia". A questo confine gli ingressi a dicembre hanno raggiunto un record di oltre 12 mila rilevazioni, rispetto a circa 7.500 di novembre. 

L'aumento dell'immigrazione illegale dal Kosovo preoccupa anche Bruxelles, al punto che la questione sara' inclusa nel prossimo rapporto della Commissione europea sulla liberalizzazione dei visti. L'imminente relazione sul Kosovo dell'eurodeputata austriaca Ulrike Lunacek, relatore del Parlamento europeo per il paese balcanico, invitera' il governo di Pristina a "intensificare la lotta contro i trafficanti di esseri umani" che favoriscono l'esodo dei cittadini kosovari che entrano illegalmente nell'Unione europea. Secondo quanto riferisce il sito internet del quotidiano locale "Gazeta Blic", il documento esorta le autorita' di Pristina a spiegare chiaramente alla popolazione che non vi e' alcuna possibilita' che i kosovari riescano a ottenere asilo politico nell'Unione europea, salvo rarissimi casi. 

Redazione Milano


IL MINISTRO DELL'INTERNO AUSTRIACO VA IN KOSOVO E SI RIVOLGE AI CITTADINI: ''NON VENITE DA NOI, VI ESPELLEREMO TUTTI''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

AUSTRIA   MINISTRO   INTERNO   KOSOVO   KOSOVARI   RIMPATRIO   POVERTA'   PAESE   TRAFFICANTI   UE   PERMESSO   ASILO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LE TRE VIE PER USCIRE DALLA CRISI GRECIA-UE / NELL'ORDINE: GREXIT, GERMANEXIT, GERMANKAPUTT (MA L'EURO SEMPRE IN PEZZI)

LE TRE VIE PER USCIRE DALLA CRISI GRECIA-UE / NELL'ORDINE: GREXIT, GERMANEXIT, GERMANKAPUTT (MA
Continua

 
L'EUROGRUPPO FINISCE UFFICIALMENTE CON UN ''COMPROMESSO'' TRA GRECIA E UE, MA LA SOSTANZA E' UN'ALTRA: LA GRECIA HA VINTO.

L'EUROGRUPPO FINISCE UFFICIALMENTE CON UN ''COMPROMESSO'' TRA GRECIA E UE, MA LA SOSTANZA E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!