50.679.873
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL MINISTRO DELL'INTERNO AUSTRIACO VA IN KOSOVO E SI RIVOLGE AI CITTADINI: ''NON VENITE DA NOI, VI ESPELLEREMO TUTTI''

venerdì 20 febbraio 2015

L'Austria non concedera' asilo politico ai cittadini provenienti dal Kosovo, ma vuole aiutare il paese balcanico a contrastare il crescente fenomeno dell'emigrazione illegale in patria. Lo ha detto oggi a Pristina il ministro dell'Interno austriaco, Johanna Mikl-Leitner, al termine di un colloqui con il primo ministro del Kosovo, Isa Mustafa.

La recente ondata migratoria, ha aggiunto la Mikl-Leitner, sta influenzando i processi economici sia in Kosovo che in Austria. "In tutto il 2014 abbiamo avuto 1.900 domande di asilo, mentre in queste prime settimane del 2015 abbiamo ricevute piu' di 1.800", ha detto il ministro austriaco.

La Mikl-Leitner si e' poi rivolta direttamente ai cittadini kosovari: "Non e' vero che una volta arrivati in Austria troverete un lavoro. Non credete ai truffatori che vogliono solo arricchire se stessi. Sappiamo che i pagate sempre di piu' per andare in Austria o nei paesi dell'Unione europea, dove venite rimpatriati dopo qualche settimana: quando tornate sarete ancora piu' poveri di quando siete partiti", ha detto il ministro. A sette anni dall'indipendenza dalla Serbia, i numeri dicono che il Kosovo e' un paese che si sta lentamente "svuotando". Secondo i dati del dicastero kosovaro dell'Istruzione, un totale di 5.000 bambini kosovari sotto i 14 anni hanno abbandonato la scuola nel solo mese di gennaio.

Alcuni istituti nella parte meridionale del paese sono a rischio di chiusura perche' mancano gli alunni. Secondo il Programma Onu per lo sviluppo (Undp), il livello di poverta' e' pari al 29,7 per cento, mentre il 10,2 per cento dei cittadini i vive in condizioni di poverta' estrema. Il tasso di disoccupazione supera il 35,1 per cento, mentre fra i giovani arriva addirittura al 60,2 per cento. L'aspettativa di vita per gli 1,8 milioni di kosovari non supera i 70 anni.

Nel dicembre 2014 e' stato registrato un fortissimo aumento degli ingressi irregolari di cittadini kosovari nell'Unione europea, un incremento che li ha resi il primo gruppo nazionale a essere entrato illegalmente in un paese membro dell'Ue. Secondo l'Agenzia Ue per il controllo delle frontiere esterne (Frontex), la maggior parte degli ingressi illegali "sono stati rilevati sulla rotta dei Balcani occidentali nel tentativo di entrare illegalmente in Ungheria dalla Serbia". A questo confine gli ingressi a dicembre hanno raggiunto un record di oltre 12 mila rilevazioni, rispetto a circa 7.500 di novembre. 

L'aumento dell'immigrazione illegale dal Kosovo preoccupa anche Bruxelles, al punto che la questione sara' inclusa nel prossimo rapporto della Commissione europea sulla liberalizzazione dei visti. L'imminente relazione sul Kosovo dell'eurodeputata austriaca Ulrike Lunacek, relatore del Parlamento europeo per il paese balcanico, invitera' il governo di Pristina a "intensificare la lotta contro i trafficanti di esseri umani" che favoriscono l'esodo dei cittadini kosovari che entrano illegalmente nell'Unione europea. Secondo quanto riferisce il sito internet del quotidiano locale "Gazeta Blic", il documento esorta le autorita' di Pristina a spiegare chiaramente alla popolazione che non vi e' alcuna possibilita' che i kosovari riescano a ottenere asilo politico nell'Unione europea, salvo rarissimi casi. 

Redazione Milano


IL MINISTRO DELL'INTERNO AUSTRIACO VA IN KOSOVO E SI RIVOLGE AI CITTADINI: ''NON VENITE DA NOI, VI ESPELLEREMO TUTTI''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

AUSTRIA   MINISTRO   INTERNO   KOSOVO   KOSOVARI   RIMPATRIO   POVERTA'   PAESE   TRAFFICANTI   UE   PERMESSO   ASILO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LE TRE VIE PER USCIRE DALLA CRISI GRECIA-UE / NELL'ORDINE: GREXIT, GERMANEXIT, GERMANKAPUTT (MA L'EURO SEMPRE IN PEZZI)

LE TRE VIE PER USCIRE DALLA CRISI GRECIA-UE / NELL'ORDINE: GREXIT, GERMANEXIT, GERMANKAPUTT (MA
Continua

 
L'EUROGRUPPO FINISCE UFFICIALMENTE CON UN ''COMPROMESSO'' TRA GRECIA E UE, MA LA SOSTANZA E' UN'ALTRA: LA GRECIA HA VINTO.

L'EUROGRUPPO FINISCE UFFICIALMENTE CON UN ''COMPROMESSO'' TRA GRECIA E UE, MA LA SOSTANZA E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!