47.268.156
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

REPORTAGE DALL'IRAQ / LE STORIE DEGLI OCCIDENTALI ARRIVATI PER COMBATTERE NELLA MILIZIA CRISTIANA CONTRO L'ISIS

mercoledì 18 febbraio 2015

Dall'Occidente all'Iraq, per combattere tra le fila di una milizia cristiana contro la crescente minaccia posta dai jihadisti dello Stato Islamico (Is). Sono i cittadini occidentali che, come i migliaia che si sono uniti all'Is, hanno deciso di raggiungere l'Iraq ed entrare a far parte di 'Dwekh Nawsha', ''immolazione'' nell'aramaico antico ancora parlato dai cristiani assiri che si considerano la popolazione indigena irachena. La milizia è attiva a fianco dei peshmerga curdi a protezione dei villaggi cristiani minacciati dall'Is.

Tra i volontari, il sito di Ankawa cita il 28enne Brett, veterano dell'esercito americano tornato in Iraq per combattere l'Is in quella che descrive come la guerra tra il bene e il male. ''Vogliamo garantire la sicurezza qui, dove vive un grande popolo. Nelle città che stiamo controllando la gente ha ripreso a condurre una vita decente, possono andare al lavoro, le campane della chiesa suonano e riprenderemo anche altre città da Daesh'', ha detto usando l'acronimo arabo dell'Is.

Primo occidentale a essere entrato a far parte della milizia cristiana irachena, Brett è stato di recente seguito da altri, come l'ingegnere informatico Scott, per sette anni tra le fila dell'esercito americano. Inizialmente Scott voleva entrare a far parte delle unità di protezione del popolo curdo (Ypg) impegnate negli scontri contro l'Is per la liberazione di Kobane in Siria, ma ha cambiato idea dopo i sospetti di legami tra le milizie curde siriane e il Pkk, considerato dagli Usa un'organizzazione terroristica. ''Sono qui in Kurdistan per aiutare tutte le persone che vengono vendute come schiavi. Qui i bambini vengono uccisi, i cristiani sfollati ed è fondamentale proteggere chiunque, al di là della sua religione. Vengo dalla Carolina del Nord, negli Stati Uniti, ma sono più felice qui. Quello che voglio è cacciare Daesh (l'Is, ndr) dal Paese, distruggere le sue basi'', ha raccontato Scott.

Il dato comune a tutti i combattenti stranieri entrati a far parte della milizia cristiana è che la minaccia numero uno è oggi rappresentata dall'Is. ''Non sono troppo preoccupato per l'Is e per quello che può fare a me, sono solo un uomo. Ma io sono qui per proteggere degli innocenti a ogni costo. Vorrei che tutte le comunità lavorassero insieme, persone di ogni razza e religione insieme per combattere l'Is che è la vera minaccia, non solo in questa parte di mondo, ma anche in Europa e Nord America. E' un problema mondiale e dobbiamo essere tutti coinvolti'', ha detto Andrew, un altro foreign fighter. L'unica donna straniera tra le fila di Dwekh Nawsha racconta di essere stata ispirata dal ruolo femminile nelle milizie curde Ypg, ma spiega di identificarsi molto di più con i valori ''tradizionali'' dei combattenti cristiani.

Redazione Milano


REPORTAGE DALL'IRAQ /  LE STORIE DEGLI OCCIDENTALI ARRIVATI PER COMBATTERE NELLA MILIZIA CRISTIANA CONTRO L'ISIS


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MILIZIA   CRISTIANA   ISIS   IRAQ   COMBATTIMENTI   PKK   KOBANE   SCHIAVI   LIBERTA'   GUERRA   STERMINIO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN CONCERTO

IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN

martedì 23 maggio 2017
LONDRA - Un "attacco codardo contro persone innocenti e giovani indifesi". Cosi' la premier britannica Theresa May ha definito l'attentato kamikaze di ieri sera alla Manchester Arena, che ha
Continua
 
KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI ISLAMICI LO FESTEGGIANO

KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI

martedì 23 maggio 2017
MANCHESTER - La "massiccia esplosione" avvenuta la notte scorsa nella MANCHESTER arena, proprio alla fine del concerto di Ariana Grande, sarebbe avvenuta nel foyer dell'Arena, nella zona
Continua
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
 
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO L'USO DEL MOUSE

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO

venerdì 19 maggio 2017
PADOVA - Ricercatori dell'Università di Padova hanno messo a punto una tecnica che, analizzando le traiettorie percorse dal mouse, è in grado di indicare se chi è al computer
Continua
 
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
OLANDA AL VOTO IL 18 MARZO: SONDAGGI DANNO IN TESTA IL PVV DI WILDERS CHE VUOLE CACCIARE I MUSULMANI E USCIRE DALL'EURO

OLANDA AL VOTO IL 18 MARZO: SONDAGGI DANNO IN TESTA IL PVV DI WILDERS CHE VUOLE CACCIARE I
Continua

 
MARINE LE PEN: ''DISASTRO LIBIA COLPA DI SARKOZY E ORA VIA SCHENGEN, DIFESA STATO LAICO, PIU' FORZA A ESERCITO E POLIZIA''

MARINE LE PEN: ''DISASTRO LIBIA COLPA DI SARKOZY E ORA VIA SCHENGEN, DIFESA STATO LAICO, PIU' FORZA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!