56.317.916
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

COMMERZBANK: ''50% PROBABILITA' DI CACCIATA DELLA GRECIA DALL'EURO'' TRATTATIVE FALLITE, IERI. ULTIMATUM AD ATENE, OGGI.

martedì 17 febbraio 2015

BERLINO - L'incontro anti-crisi Grecia-Ue tra i ministri delle Finanze dei paesi della zona euro e' terminato ieri sera con un fallimento, o meglio, con una dichiarazione di guerra dei 18 Stati membri al nuovo governo greco: prendere o lasciare.

Nel concreto, scrive il quotidiano tedesco "Spiegel", Atene dovrebbe richiedere una proroga di sei mesi dell'attuale programma di aiuti per la Grecia, e farlo il prima possibile.

Ma il ministro delle Finanze ellenico Yanis Varoufakis respinge ogni tipo di ultimatum: "Vogliamo un nuovo contratto", ha dichiarato ieri sera dopo il fallimento delle trattative.

Secondo Varoufakis, infatti, il vecchio programma di aiuti sarebbe "la causa" e non la soluzione ai problemi della Grecia: "E' un programma che non puo' essere portato a termine con successo", ha commentato il braccio destro di Tsipras, il quale ritiene che nelle prossime 48 ore potrebbero tenersi altri negoziati a livello europeo.

"Possiamo utilizzare ancora questa settimana, ma non di piu'. I greci devono prendere una decisione definitiva", ha dichiarato da parte sua il presidente dell'eurogruppo Dijsselbloem.

Piu' dure, invece, le reazioni del mondo politico in Germania.

L'esponente esperto finanziario della Csu (consorella bavarese della Cdu, ndr), Hans Michelbach, ha chiesto all'Unione Europea di sospendere tutti i pagamenti ad Atene: "Il niet greco deve avere conseguenze. I fondi della Ue devono essere trattenuti quale garanzia per l'adempimento degli obblighi di pagamento di Atene", ha spiegato Michelbach, secondo cui "alla Bce , secondo i suoi statuti, non rimane altra scelta se non chiudere definitivamente i rubinetti alla Grecia".

Dopo il fallimento delle trattative, Michelbach ritiene che non ci sia piu' alcuna possibilita' - anche solo temporale - per arrivare ad un "programma transitorio dettato dalla ragione economica".

"Atene ha fatto scadere anche l'ultimo termine".

E dopo il nulla di fatto a margine dell'eurogruppo, anche gli esperti di Commerzbank hanno corretto drasticamente al rialzo le previsioni sulla possibile uscita della Grecia dall'euro, la cosiddetta Grexit.

"La scorsa settimana abbiamo stimato il rischio di una Grexit al 25 per cento, ma ora diamo questa probabilita' al 50 per cento", si legge in un'analisi condotta dall'economista capo di Commerzbank, Joerg Kraemer.

Per l'Europa e per l'intero Occidente, una eventuale uscita della Grecia dall'euro avrebbe implicazioni ben piu' gravi di quelle meramente economiche, scrive "Bloomberg"; a spingere l'Europa a una pur limitata apertura nei confronti di Atene potrebbe essere proprio la sua "importanza strategica", specie nell'attuale quadro di crisi che vede Atene geograficamente al centro degli sviluppi in Ucraina, Siria e Libia.

"E' piu' che lecito chiedersi se l'Europa, gli Stati Uniti e la Nato possano permettersi la creazione di un vuoto di sicurezza, di un vero buco nero in una regione cosi' critica", sottolinea Thanos Dokos, direttore della Hellenic Foundation for European and Foreign Policy, un istituto di ricerca con sede ad Atene.

Dokos sottolinea l'avvicinamento del nuovo premier greco Alexis Tsipras alla Russia e le sue cordiali relazioni col presidente Vladimir Putin, che hanno fatto da punto fermo alla vigilia dei recenti accordi di Minsk sulla crisi ucraina.

Per il cancelliere tedesco Angela Merkel e le principali economie europee, dunque, "la Grecia rappresenta un investimento dal valore assai superiore al semplice credito di 195 milioni di euro dei fondi stanziati per il salvataggio di Atene". Nonostante le sue ridottissime dimensioni economiche, la Grecia rappresenta anche un importante asset militare per la Nato, coi suoi 200 velivoli da combattimento e gli oltre mille carri armati; Creta e' stata una delle principali basi per i raid dell'Alleanza contro la Libia, nel 2011.

Secondo l'ex viceministro degli Esteri greco, Dimitris Kourkoulas, proprio l'importanza strategica della Grecia, e l'ipotesi di allinearla agli interessi di altri attori regionali e globali, costituisce l'estremo e potentissimo asso nella manica del premier Alexis Tsipras nei suoi negoziati economici coi creditori dell'eurozona. 

Ma il tempo, proprio quello che chiede la Grecia di Tsipras all'eurozona, non c'è per colpa dell'ultimatum voluto dalla Germania e "sparato addosso" a Varoufakis proprio ieri sera. Per capire a che livello è arrivata la tensione, basta citare le parole del ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schauble, che ha accusato il governo Tsipras di portare avanti la trattativa in maniera "irresponsabile". "Mi spiace per i greci, hanno eletto un governo che al momento si sta comportando in maniera irresponsabile", ha affermato Schaeuble in un'intervista radiofonica, "mi sembra che per questo nuovo esecutivo sia tutto una grande mano di poker". Interrogato sulla possibilita' che Atene esca dall'euro, il ministro tedesco ha risposto che "non e' quello che vogliamo" ma che tocca alla sua controparte ellenica, Yanis Varoufakis, prendere una decisione. 

La Germania vuole cacciare la Grecia dall'euro ma non vuole essere accusata d'averlo fatto. Chi gioca davvero a poker? 

Redazione Milano. 


COMMERZBANK: ''50% PROBABILITA' DI CACCIATA DELLA GRECIA DALL'EURO'' TRATTATIVE FALLITE, IERI. ULTIMATUM AD ATENE, OGGI.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   INCONTRO   BRUXELLES   FALLITO   ATENE   GERMANIA   TSIPRAS   GREXIT   UE   NATO   BCE   PRESTITO   PONTE   MANICA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GUERRA ALL'ISIS IN LIBIA? ECCO LA MAPPA DELLE FORZE IN CAMPO: CINQUE FEROCI ESERCITI ISLAMICI (BENVENUTI ALL'INFERNO)

GUERRA ALL'ISIS IN LIBIA? ECCO LA MAPPA DELLE FORZE IN CAMPO: CINQUE FEROCI ESERCITI ISLAMICI
Continua

 
OLANDA AL VOTO IL 18 MARZO: SONDAGGI DANNO IN TESTA IL PVV DI WILDERS CHE VUOLE CACCIARE I MUSULMANI E USCIRE DALL'EURO

OLANDA AL VOTO IL 18 MARZO: SONDAGGI DANNO IN TESTA IL PVV DI WILDERS CHE VUOLE CACCIARE I
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »