69.942.489
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PRODI: ''IL DEBITO GRECO NON E' PAGABILE, MA QUANDO IO VOLEVO CONTROLLI, FRANCIA E GERMANIA MI IMPOSERO DI TACERE''

lunedì 16 febbraio 2015

L'ex presidente della Commissione europea Romano Prodi non esclude l'uscita della Grecia dall'eurozona. In un'intervista al quotidiano tedesco "Tagesspiegel", il Democratico parla dei debiti di Atene e muove dure critiche alla Germania, poiche' non prenderebbe sufficientemente sul serio la sua responsabilita' all'interno dell'Unione Europea.

Alla domanda se la Grecia dovrebbe ricevere altro denaro dai creditori internazionali senza un programma e senza vincoli, Prodi risponde: "No, ci dev'essere un controllo, ma le condizioni devono essere poste in un quadro realistico. Tutti sanno che la Grecia non ripaghera' mai i suoi debiti". Ad Atene dovrebbe dunque essere concesso il taglio del debito? "So che politicamente non e' possibile - replica Prodi - ma la storia ci insegna che non ha senso porsi obiettivi irraggiungibili nell'abbattimento del debito".

"E' piu' sensato concordare un obiettivo raggiungibile e controllare passo passo le varie tappe. Questo e' stato ad esempio il caso della Germania nel secondo dopoguerra. E' vero che non si puo' fare un paragone cosi' diretto tra Germania e Grecia", ammette l'ex premier italiano, "ma in ogni caso, allora e' stato saggio esentare la Germania dalla gran parte dei suoi debiti alla Conferenza di Londra del 1953: in questo modo la Germania e' potuta tornare a crescere".

Quindi anche per la Grecia dovrebbe tenersi un vertice internazionale per la liquidazione dei debiti come quello di Londra?

"Quella volta la conferenza sui debiti tedeschi si e' tenuto nell'interesse generale. Ora, nel caso della Grecia, dobbiamo stabilire dove si trova il nostro interesse collettivo: suppongo che la Grecia e i creditori riusciranno a trovare un compromesso che preveda ad esempio una proroga delle scadenze per i crediti o interessi ancora piu' bassi per i pagamenti. Ma questo non sara' altro che un piccolo cerotto su una grande ferita. Il mio piu' grande timore e' che fra tre anni la Grecia si ritrovi nella stessa situazione di adesso: sarebbe meglio prendere una decisione definitiva", afferma l'ex presidente del Consiglio italiano.

Prodi rifiuta anche di definire l'ingresso della Grecia nell'eurozona un errore: "Non parlerei di un errore: solamente e' stato fatale non avere alcun controllo sul budget, c'era prima ma non c'e' stato dopo l'entrata nell'euro. Italia, Germania e Francia hanno voluto cosi' quella volta. A quel tempo - quando ero presidente della Commissione nel 2003 - ho fatto di tutto per imporre severi controlli dei bilanci negli Stati membri subito dopo l'introduzione dell'euro. E non dimentichero' mai il momento in cui Schroeder e Chirac - e' stato durante la presidenza italiana del Consiglio Ue - hanno detto che dovevo tacere", conclude l'ex premier.

Ci sarebbe stata una domanda, che l'intervistatore del quotidiano tedesco non ha posto a Prodi: se è vero quel che dice, signor Prodi, per quale motivo lei di fronte all'imposizione "di tacere" rivolta a Prodi Presidente della Commissione Ue, massimo organo decisionale dell'Unione Europea, dai capi dei governi di Francia e Germania, non si è ribellato in nome dell'Europa, della libertà, dell'onestà, della parità di trattamenti tra gli stati?

Le hanno imposto di tacece? E perchè lei ha taciuto?

max parisi


PRODI: ''IL DEBITO GRECO NON E' PAGABILE, MA QUANDO IO VOLEVO CONTROLLI, FRANCIA E GERMANIA MI IMPOSERO DI TACERE''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ACCORDO M5S-LEGA SU SICUREZZA: ''SEQUESTRO E CONFISCA NAVI CHE ENTRANO IN ACQUE ITALIANE A FRONTE DIVIETO''

ACCORDO M5S-LEGA SU SICUREZZA: ''SEQUESTRO E CONFISCA NAVI CHE ENTRANO IN ACQUE ITALIANE A FRONTE

giovedì 18 luglio 2019
Le navi confiscate perché entrate in acque territoriali italiane a fronte di un divieto di ingresso delle autorità potranno essere vendute. Lo prevede una riformulazione di vari
Continua
 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG OGGI IN PRIMA PAGINA: ''SALVINI VUOLE RIPRISTINARE LA GLORIA E L'ONORE DELL'ITALIA''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG OGGI IN PRIMA PAGINA: ''SALVINI VUOLE RIPRISTINARE LA GLORIA E

martedì 16 luglio 2019
BERLINO - Fa una certa impressione, se si pensa che oggi campeggiava sulla prima pagina del principale quotidiano tedesco. "Con le sue politiche, il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini,
Continua
SOCIETA' MULTIRAZZIALE PROVOCA SOLO DANNI. L'ESEMPIO? PARIGI MESSA A FERRO E FUOCO DA BANDE DI MUSULMANI ALGERINI

SOCIETA' MULTIRAZZIALE PROVOCA SOLO DANNI. L'ESEMPIO? PARIGI MESSA A FERRO E FUOCO DA BANDE DI

lunedì 15 luglio 2019
LONDRA - Per capire il perche' la societa' multirazziale provoca solo danni basta guardare cosa succede in Francia dove immigrati musulmani di seconda e terza generazione trovano sempre delle scuse
Continua
 
INCHIESTA /  ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2 MILIARDI DI EURO L'ANNO!

INCHIESTA / ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2

lunedì 15 luglio 2019
Una strana cortina pare scesa sull’unione europea: provate a digitare sui motori di ricerca “sprechi ue”, “sprechi dell’unione europea”, “inchiesta sugli
Continua
MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI (LETTERA FIRMATA)

MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI

sabato 13 luglio 2019
 "Apprendo con stupore dagli organi di stampa che questo incontro avrebbe indotto una Procura del Repubblica ad avviare una inchiesta per reati come corruzione internazionale o finanziamento
Continua
 
CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA LA GUERRA CIVILE

CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA

mercoledì 10 luglio 2019
Cosa ci facevano quattro missili anticarro Javelin "made in Usa" acquistati dalla Francia nel 2010 nel Comando del generale Khalifa Haftar a sud di Tripoli? E' questa la domanda che emerge dopo lo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGIO FRANCESE: GLI ELETTORI DELL'UMP SEMPRE PIU' VICINI A MARINE LE PEN, FACENDOLA TRIONFARE ALLE AMMINISTRATIVE.

SONDAGGIO FRANCESE: GLI ELETTORI DELL'UMP SEMPRE PIU' VICINI A MARINE LE PEN, FACENDOLA TRIONFARE
Continua

 
GUERRA ALL'ISIS IN LIBIA? ECCO LA MAPPA DELLE FORZE IN CAMPO: CINQUE FEROCI ESERCITI ISLAMICI (BENVENUTI ALL'INFERNO)

GUERRA ALL'ISIS IN LIBIA? ECCO LA MAPPA DELLE FORZE IN CAMPO: CINQUE FEROCI ESERCITI ISLAMICI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!