50.025.070
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SONDAGGIO FRANCESE: GLI ELETTORI DELL'UMP SEMPRE PIU' VICINI A MARINE LE PEN, FACENDOLA TRIONFARE ALLE AMMINISTRATIVE.

lunedì 16 febbraio 2015

PARIGI - Gli elettori simpatizzanti del principale partito della destra tradizionale francese, l'Ump, sono sempre piu' sedotti dal Fronte Nazionale (Fn): e' questo il piu' importante segnale registrato dall'ultimo sondaggio realizzato in Francia per il quotidiano "Le Monde" e per la rete tv "Canal+" dall'istituto Tns Sofres sull'immagine della formazione di destra guidata da Marine Le Pen.

A un mese e mezzo dalle elezioni provinciali, quasi la meta' degli elettori dell'Ump si sono addirittura espressi a favore di un "accordo elettorale nazionale" tra la destra "tradizionale" e quella di Marine Le Pen e ritiene che il Fn sia un partito capace di partecipare ad un governo; il 50 per cento dice che considerera' "caso per caso, sul piano locale" la possibilita' di votare per candidati del Fronte Nazionale al secondo turno; il 58 per cento afferma di "condividere le analisi di Marine Le Pen", anche se non sono d'accordo sulle soluzioni proposte dal Fn mentre solo il 32 per cento non e' d'accordo ne' con le analisi ne' con le soluzioni.

Insomma, gli appelli di alcuni esponenti della destra classica francese, come Alain Juppe' o Nathalie Kosciusko-Morizet, che alle ultime elezioni suppletive in una circoscrizione del Doubs, la settimana scorsa, avevano lanciato un appello per votare il candidato socialista al secondo turno per "sbarrare la strada" al Fn sembrano aver lasciato sorda una larga parte della base dell'Ump.

Più i generale, dal sondaggio i cui risultati vengono oggi pubblicati e commentati dal quotidiano "Le Monde", risulta che il 33 per cento degli intervistati "aderisce alle idee" del partito di Marine Le Pen: un livello stabile rispetto allo scorso anno, dopo la tumultuosa ascesa registrata dopo il 2011.

Aumenta invece il numero dei francesi che si dichiara contrario alle idee propagandate dal Fn e quello di quanti lo indicano come "un pericolo per la democrazia": insomma, man mano che Marine Le Pen inanella successo elettorale dopo successo elettorale, i suoi oppositori ne hanno sempre piu' paura perche' l'arrivo del Fn al potere in Francia sembra diventare una possibilita' reale. 

Inoltre, proprio questa simpatia degli elettori dell'Ump - oggi di nuovo guidato da Sarkozy - per la destra lepenista pone un serio problema a entrambi i partiti antagonisti di Marine Le Pen, socialisti e gollisti, rispetto le elezioni presidenziali del 2017. Dato ormai per certo l'arrivo al ballottaggio di Marine Le Pen, se la battaglia elettorale finale fosse tra lei e un esponente socialista, vi sarebbero molto probabilità a favore della Le Pen, perchè l'elettorato dell'Ump potrebbe riversare in massa i suoi voti su di lei, travolgendo il candidato di Hollande. 

Redazione Milano


SONDAGGIO FRANCESE: GLI ELETTORI DELL'UMP SEMPRE PIU' VICINI A MARINE LE PEN, FACENDOLA TRIONFARE ALLE AMMINISTRATIVE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   ELEZIONI   MARINE LE PEN   UMP. SARKOZY   SONDAGGIO   LE MONDE   PRESIDENZIALI   HOLLANDE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
 
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
 
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
 
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTRO ATTACCO ISLAMICO NEL CUORE DELL'EUROPA ALLA DEMOCRAZIA E ALLA LIBERTA' D'ESPRESSIONE: ORA, GUERRA. STERMINIAMOLI.

ALTRO ATTACCO ISLAMICO NEL CUORE DELL'EUROPA ALLA DEMOCRAZIA E ALLA LIBERTA' D'ESPRESSIONE: ORA,
Continua

 
PRODI: ''IL DEBITO GRECO NON E' PAGABILE, MA QUANDO IO VOLEVO CONTROLLI, FRANCIA E GERMANIA MI IMPOSERO DI TACERE''

PRODI: ''IL DEBITO GRECO NON E' PAGABILE, MA QUANDO IO VOLEVO CONTROLLI, FRANCIA E GERMANIA MI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!