45.162.684
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FARAGE PRESENTA IL PROGRAMMA DELL'UKIP PER LE ELEZIONI: REFERENDUM SULLA UE, TAGLI TASSE, IMMIGRAZIONE ALL'AUSTRALIANA

giovedì 12 febbraio 2015

LONDRA  - Dal quotidiano "The Telegraph" Nigel Farage, leader dell'Ukip, il Partito per l'indipendenza del Regno Unito, lancia il suo appello ai connazionali, in vista delle elezioni politiche del prossimo maggio, esortandoli a credere nella Gran Bretagna e attacca i due principali partiti, Labour e Tory, accusandoli di aver dimenticato che "c'e' un paese al di fuori di Westminster" e di condurre una prevedibile campagna elettorale, l'uno in difesa del sistema sanitario nazionale e l'altro contro il debito pubblico, dopo averlo incrementato negli ultimi cinque anni.

"Non va tutto bene", secondo Farage, e' "c'e' bisogno di un partito politico positivo, con solide idee per il futuro".

"L'Ukip sara' quel partito", promette, sottolineando che e' ormai l'unico a rappresentare tutto il territorio nazionale.

Farage prevede che nessuno avra' la maggioranza assoluta; a suo parere quello che le forze politiche tradizionali temono di piu' e' una presenza importante dell'Ukip in parlamento.

Il leader annuncia che il partito mettera' al centro della sua campagna non solo il costo della vita ma i costi della crisi del governo nazionale e dell'appartenenza all'Unione Europea.

Elenca poi una serie di valori e obiettivi: "una Gran Bretagna che possa governarsi da sola", con una politica dell'immigrazione all'australiana basata su un sistema a punti e "un'identita' nazionale fondata sulle radici giudaico-cristiane"; una Gran Bretagna che commerci liberamente con il mondo e funzioni senza uno "Stato-balia"; che prosperi non sul debito ma su beni tangibili.

Tra le promesse, tre miliardi di sterline in piu' all'anno per la sanita', sulla cui gestione, pero', i cittadini dovranno avere voce in capitolo e l'abolizione delle tasse scolastiche per chi studia materie scientifiche e tecnologiche.

Farage dice un no categorico al mandato d'arresto europeo perchè "viola la sovranità nazionale britannica. Uno stato si riconosce tale perchè amministra la giustizia, e col mandato d'arresto europeo il Regno Unito perde questa facoltà, base della nostra nazione".

Inoltre, l'Ukip ha messo nel programma un altro grosso "no" ed è ad altre imposte sugli immobili.

Il programma di Farage sembra avere una grande presa sull'elettorato, in vista delle politiche nazionali che si terranno il prossimo maggio, infatti i sondaggi concordano nel dare l'Ukip "in forte ascesa".

Ma a dominare il programma presentato oggi da Farage, c'è l'irrevocabile fermezza nel pretendere che - nel caso di alleanze parlamentari con i conservatori di David Cameron per formare il nuovo governo - sia indetto entro quest'anno il referendum nazionale per la premanenza della Gran Gretagna nell'Unione europea.

"Questa è la condizione irrinunciabile per entrare in un qualsiasi governo" ha detto Farage, e Cameron da parte sua ha già annunciato che se i conservatori vinceranno le elezioni, il referendum in questione lo anticiperà al 2016 dal 2017, data già stabilita. Come si vede, c'è disponibilità.

Ora, bisogna solo attendere l'esito elettorale.

Redazione Milano.


FARAGE PRESENTA IL PROGRAMMA DELL'UKIP PER LE ELEZIONI: REFERENDUM SULLA UE, TAGLI TASSE, IMMIGRAZIONE ALL'AUSTRALIANA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FARAGE   UKIP   ELEZIONI   GRAN BRETAGNA   LONDRA   CAMERON   PROGRAMMA   IMMIGRAZIONE   SANITA'   TASSE   SCUOLA   GRATIS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL GUARDIAN INTERVISTA IL LEADER DI PODEMOS, IGLESIAS: ''IL CAMBIAMENTO POLITICO IN EUROPA STA PER DIVENTARE TEMPESTA''

IL GUARDIAN INTERVISTA IL LEADER DI PODEMOS, IGLESIAS: ''IL CAMBIAMENTO POLITICO IN EUROPA STA PER
Continua

 
RAPPORTO BOMBA DI BARCLAYS: ''BUCO DI 61 MILIARDI NEI CONTI ITALIANI, SE GREXIT, GRECIA MORTA SE RESTA NELL'EURO'' (ADDIO)

RAPPORTO BOMBA DI BARCLAYS: ''BUCO DI 61 MILIARDI NEI CONTI ITALIANI, SE GREXIT, GRECIA MORTA SE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!