50.679.910
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL GUARDIAN INTERVISTA IL LEADER DI PODEMOS, IGLESIAS: ''IL CAMBIAMENTO POLITICO IN EUROPA STA PER DIVENTARE TEMPESTA''

giovedì 12 febbraio 2015

MADRID - In un articolo pubblicato sul quotidiano britannico "The Guardian", il leader del partito spagnolo Podemos, Pablo Iglesias, afferma che la posta in gioco della crisi greca e' "il progetto europeo".

Nel suo discorso di insediamento, ricorda, il nuovo primo ministro della Grecia, Alexis Tsipras, e' stato chiaro: "Il nostro obiettivo e' arrivare a una soluzione vantaggiosa sia per la Grecia che per i suoi partner. La Grecia vuole pagare il suo debito".

La risposta della Banca centrale europea al tentativo di conciliazione di Atene e' stata altrettanto chiara: negativa. Per Iglesias la posizione della Bce "e' incoerente oltre che arrogante": la stessa Eurotower che ha ammesso i suoi passati errori iniziando ad acquistare debito pubblico, invece di riconoscere che "la Grecia merita lo stesso trattamento degli altri paesi membri", ha deciso la linea dura contro Atene.

"Il problema dell'Europa - prosegue il politico - non e' che i greci abbiano votato per un'opzione differente da quella che li ha portati al disastro; questa e' semplicemente la normalita' democratica. Il triplice problema dell'Europa e' la disuguaglianza, la disoccupazione e il debito, e non e' ne' nuovo ne' limitato ai greci".

"Nessuno - continua - puo' negare che l'austerita' non ha risolto i problemi e che piuttosto ha esacerbato la crisi", facendo crollare la fiducia nella classe politica e dando forza ai partiti alternativi. Il governo greco ha mostrato spirito di collaborazione e chiesto un accordo ponte che dia alle parti tempo fino a giugno per concordare una soluzione; ha proposto di collegare i rimborsi dei prestiti alla crescita e manifestato la volonta' di attuare riforme strutturali.

Alla "moderazione di un governo che avrebbe tutte le ragioni per essere piu' drastico, la Bce e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, rispondono con dogmatica arroganza". Chi paghera' per questo?, chiede Iglesias. I piu' cinici e meno lungimiranti possono pensare che il problema riguardi la Grecia e non il resto della famiglia europea.

"L'austerita' ha frantumato lo spazio politico una volta occupato dalla socialdemocrazia", spiega, citando la crisi ideologica del Pasok in Grecia, dell'Spd in Germania e del Partito socialista in Francia. Il presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, aggiunge, sembra "il solo a cogliere in pieno quale sia la posta in gioco in Grecia, ma sta fermo".

"Il vento di cambiamento che soffia sull'Europa potrebbe diventare una tempesta", con conseguenze imprevedibili. E' in gioco il progetto europeo. Gli europeisti, conclude Iglesias, specialmente quelli della famiglia socialista, dovrebbero stringere la mano tesa da Tsipras: "Non e' a rischio solo la loro sopravvivenza politica ma l'Europa".

Redazione Milano.


IL GUARDIAN INTERVISTA IL LEADER DI PODEMOS, IGLESIAS: ''IL CAMBIAMENTO POLITICO IN EUROPA STA PER DIVENTARE TEMPESTA''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

IGLESIAS   PODEMOS   SPAGNA   UE   GRECIA   PASOK   RENZI   TSIPRAS   MADRID   BRUXELLES   BERLINO   BCE   DEBITO   CRISI   EUROPA   TEMPESTA   AUSTERITA'    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DURO SCONTRO A BRUXELLES TRA LA GRECIA E IL RESTO DELLA UE: NON SI ARRIVA NEPPURE A UN COMUNICATO FINALE CONGIUNTO.

DURO SCONTRO A BRUXELLES TRA LA GRECIA E IL RESTO DELLA UE: NON SI ARRIVA NEPPURE A UN COMUNICATO
Continua

 
FARAGE PRESENTA IL PROGRAMMA DELL'UKIP PER LE ELEZIONI: REFERENDUM SULLA UE, TAGLI TASSE, IMMIGRAZIONE ALL'AUSTRALIANA

FARAGE PRESENTA IL PROGRAMMA DELL'UKIP PER LE ELEZIONI: REFERENDUM SULLA UE, TAGLI TASSE,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!