44.181.245
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DURO SCONTRO A BRUXELLES TRA LA GRECIA E IL RESTO DELLA UE: NON SI ARRIVA NEPPURE A UN COMUNICATO FINALE CONGIUNTO.

giovedì 12 febbraio 2015

BRUXELLES - Si cercava il compromesso, si temeva lo scontro, e i timori si sono avverati: Grecia ed Eurogruppo si scontrano, i ministri non riescono nemmeno a scrivere un comunicato congiunto e rinviano la discussione, molto 'animata', al nuovo Eurogruppo di lunedi', nella speranza che il vertice dei capi di Stato e di Governo di oggi - sempre che si tenga, dato il prolungarsi della trattativa a Minsk per la pace in Ucraina - possa trovare un modo per instaurare un dialogo con Tsipras.

Perche' il Governo greco e' fermo sulle sue posizioni e non ha intenzione di retrocedere: rinnega l'austerita', non vuole piu' vedere la Troika e rifiuta il piano di aiuti europeo come e' oggi, e propone di sostituirlo con qualcosa che dia a Tsipras e ai suoi ministri margine di manovra per attuare il loro programma di Governo che dia sollievo alla popolazione.

"Ci sono stati progressi ma non abbastanza per arrivare ad una soluzione comune", ha detto il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem al termine della riunione.

Molti ministri avrebbero voluto che la Grecia chiedesse un'estensione del programma attuale di aiuti, che avrebbe dato loro la possibilita' di negoziare, ma all'interno di una cornice definita e garantita. Ed erano pronti a spedire i tecnici dell'Euro Working Group ad Atene per lavorare assieme al nuovo Governo alle modifiche possibili al piano.

Ma Dijsselbloem ha spiegato che "serve prima una base comune politica", e "poi gli esperti potranno lavorare a quella tecnica".

Niente tecnici ad Atene quindi e niente negoziati a livello di Eurogruppo prima di lunedi', quando ci sara' una nuova riunione a Bruxelles.

"E' stata una discussione fruttuosa. A tratti un pochino troppo franca nei toni, ma sono ottimista. Proseguiamo la conversazione lunedi'", ha detto il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Ma è un ottimismo di facciata.

Di toni "accesi" parla anche Dijsselbloem, al termine di una conferenza stampa cominciata con due ore di ritardo, in piena notte. Secondo quanto si apprende, verso le 22 la riunione era finita e i ministri si erano accordati su una formula da inserire nel comunicato finale. Si parlava di accordo su un programma da estendere, emendare e concludere, tre parole per accontentare tutte le parti: i tedeschi che vogliono che il programma sia portato a compimento, i greci che vogliono modificarlo, e tutti quei Paesi che vorrebbero un'estensione del piano che tenga la Grecia ancora sotto tutela della Troika.

Ma il comunicato non ha mai visto la luce: il ministro Yanis Varoufakis, dopo una telefonata ad Atene, ha chiesto che venisse tolta la parola 'estendere', e cosi' tutti gli altri hanno ripiantato i loro paletti, decisi a non darla vinta ai greci.

Che immediatamente dopo la fine dell'Eurogruppo hanno diffuso un comunicato da Atene con cui respingono l'estensione del programma di salvataggio.

A Bruxelles Varoufakis, al termine della riunione, mantiene toni piu' concilianti: e' stata "molto costruttiva, spero in una soluzione ottimale lunedi'", ha detto alla stampa.

Ma la sua prova di forza di fronte ai 18 partner di Eurolandia lascia l'Eurogruppo spiazzato, stravolge l'ordine dei lavori e lo costringe ad una conferenza stampa stringata al termine dei lavori.

Siamo a questo punto. Cioè, al punto zero.

Redazione Milano


DURO SCONTRO A BRUXELLES TRA LA GRECIA E IL RESTO DELLA UE: NON SI ARRIVA NEPPURE A UN COMUNICATO FINALE CONGIUNTO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   EUROGRUPPO   BRUXELLES   TROIKA   ACCORDO   SCONTRO   BERLINO   ATENE   VAROUFAKIS   TSIPRAS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA SOLUZIONE DEL DISASTRO GRECIA-UE SI CHIAMA PUTIN: LA TESTARDAGGINE DEI TEDESCHI PORTERA' AL TRACOLLO DI EURO E UE

LA SOLUZIONE DEL DISASTRO GRECIA-UE SI CHIAMA PUTIN: LA TESTARDAGGINE DEI TEDESCHI PORTERA' AL
Continua

 
IL GUARDIAN INTERVISTA IL LEADER DI PODEMOS, IGLESIAS: ''IL CAMBIAMENTO POLITICO IN EUROPA STA PER DIVENTARE TEMPESTA''

IL GUARDIAN INTERVISTA IL LEADER DI PODEMOS, IGLESIAS: ''IL CAMBIAMENTO POLITICO IN EUROPA STA PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!