49.814.361
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA SOLUZIONE DEL DISASTRO GRECIA-UE SI CHIAMA PUTIN: LA TESTARDAGGINE DEI TEDESCHI PORTERA' AL TRACOLLO DI EURO E UE

mercoledì 11 febbraio 2015

Il governo Tsipras punta ad un accordo con i partner dell'eurozona sul debito, ma il negoziato e' difficile e nulla e' scontato. Se la situazione precipitasse, Atene potrebbe decidere guardare verso est. I segnali in questo senso sono da oggi piu' chiari che mai: la Russia, accomunata alla Grecia dalla fede ortodossa e da rapporti con la Sinistra ellenica che vanno indietro nei decenni, si e' oggi detta pronta a valutare aiuti alla Grecia, se dovesse arrivare una richiesta in tal senso.

Nella giornata cruciale della riunione straordinaria dell'Eurogruppo a Bruxelles, sulla quale aleggia il pessimismo, a Mosca e' giunto il nuovo ministro degli Esteri greco Nikos Kotzias, un accademico e diplomatico noto per le sue posizioni filorusse, che ha incontrato il collega Serghiei Lavrov.

Il quale, in conferenza stampa al termine dei colloqui, ha spiegato che la Russia "prendera' in considerazione" la possibilita' di concedere "aiuti finanziari alla Grecia se tale richiesta arrivera'". Un'apertura che fa comodo alla Grecia, che a sua volta contraccambia con frasi che fanno piacere ai russi: Atene non sostiene l'idea di esercitare pressioni sulla Russia attraverso le sanzioni per la crisi ucraina.

"C'e' bisogno - ha detto Kotzias - di cercare altri strumenti, altre soluzioni adeguate". Il 27 gennaio, giorno stesso del giuramento del governo Tsipras, il neonato esecutivo aveva espresso tutta la sua irritazione per il documento Ue in cui i capi di stato e di governo chiedevano all'Alto rappresentante per la politica estera Federica Mogherini di "considerare qualsiasi azione adeguata, in particolare ulteriori misure restrittive, per una veloce e piena attuazione degli accordi di Minsk".

Atene protestava: il comunicato a nome dei 28, recitava una gelida nota, "e' stato emesso senza la prevista procedura per ottenere il consenso dagli Stati, e in particolare senza assicurarsi del consenso della Grecia. In questo contesto, Atene non e' d'accordo con la dichiarazione".

Ufficialmente, per motivi procedurali, ma la valenza politica era evidente. Una presa di posizione subito elogiata dai media filogovernativi a Mosca. Un orientamento confermato due giorni dopo da Kotzias a Bruxelles: "La Grecia sta lavorando per ristabilire la pace e la stabilita' in Ucraina e, allo stesso tempo, evitare fratture tra la Ue e la Russia", aveva detto.

Syriza, il partito di Tsipras, non ha mai nascosto le sue simpatia per Mosca: i suoi eurodeputati, nel 2014, votarono contro l'accordo di associazione Ue-Ucraina. Un 'asse' che si basa su rapporti economici del valore di 7 miliardi di euro (nel 2013); le sanzioni hanno danneggiato l'export degli agricoltori greci per 400 milioni di euro, secondo fonti governative greche.

Ma l'interesse greco per la crisi ucraina non e' solo motivato da possibili sviluppi economici: ci sono 100.000 greci etnici a Mariupol, citta' dell'est dell'Ucraina ormai al centro degli scontri tra esercito di Kiev e filorussi. Ed è bene non scordare che l'alleato di governo di Syriza, il partito della destra nazionalista greca Anel, ha dichiarato per bocca dei suoi ministri nel governo, che "se non sarà la Ue a offrire aiuto alla Grecia ocn un prestito ponte, ci rivolgeremo a Russia, Cina o Stati Uniti", che per altro non hanno mai, questi ultimi, detto che avrebbero aiutato Atene. Quindi: Russia e/o Cina. 

Di fatto, sulla base di tutti questi dati la conclusione non può che essere: la Grecia verrà estromessa dalla zona euro e entrerà nella sfera di influenza dell'asse russo-cinese, mai così forte come oggi.

Non bastasse, ci ha pensato il ministro degli Esteri russo, Lavrov, a versare altra benzina sul fuoco, dato che oggi ha dichiarato: "Con la Grecia, abbiamo rapporti di lunga data in tutti gli ambiti, compreso quello tecnico-militare. Ci aspettiamo che queste relazioni continuino. Stiamo preparando accordi supplementari che possano consolidare il quadro giuridico in questo campo. Manteniamo inoltre amichevoli contatti militari reciproci. Siamo interessati a questa collaborazione, ci aiuta a cooperare su tutta una serie di problemi molto importanti che richiedono il coinvolgimento delle forze armate, tra cui la pirateria, le emergenze e molti altri".

E' abbastanza, per capire dove può andare a finire questa situazione creata dalla Ue che respinge il piano del governo greco per uscire dal disastro in cui la Grecia è precipitata per colpa della troika? Noi pensiamo di sì.

Redazione Milano. 


LA SOLUZIONE DEL DISASTRO GRECIA-UE SI CHIAMA PUTIN: LA TESTARDAGGINE DEI TEDESCHI PORTERA' AL TRACOLLO DI EURO E UE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   MOSCA   PUTIN   TSIPRAS   UE   GERMANIA   MOGHERINI   BCE   TROIKA   ATENE   MERKEL   EURO   FINE DELLA UE   FINE DELL'EURO   EUROGRUPPO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua
 
SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI SACRIFI DEI POLIZIOTTI

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI

giovedì 20 luglio 2017
"Un sistema in cui la vita di un Servitore dello Stato vale poco o nulla, in cui chi si aggira armato in mezzo alla strada menando fendenti e aggredendo un poliziotto torna tranquillamente in
Continua
LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA AMERICANA DELLA GIUSTIZIA

LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA

mercoledì 19 luglio 2017
"Di fronte al grave attacco contro l'indipendenza della giustizia in Polonia" la Commissione europea oggi ha minacciato di fare un passo senza precedenti verso sanzioni contro il governo nazionalista
Continua
 
COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E CORAGGIO PER TUTTI NOI

COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E

mercoledì 19 luglio 2017
Riportiamo - parola per parola - l'ultimo intervento pubblico del giudice Paolo Borsellino, la sera del  25 giugno del 1992, quando decise di partecipare ad un dibattito organizzato da Micromega
Continua
THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE AL MONDO (COME RAQQA)

THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE

martedì 18 luglio 2017
LONDON - Naples, the Italian city, is famed throughout the world for its links to organised crime. Mafia hits in Naples are more frequent than elsewhere in the home of Italy’s oldest crime
Continua
 
ORRORE IN GERMANIA: 547 BAMBINI DEL CORO DELLE VOCI BIANCHE DEL DUOMO DI RATISBONA HANNO SUBITO VIOLENZE, ANCHE SESSUALI

ORRORE IN GERMANIA: 547 BAMBINI DEL CORO DELLE VOCI BIANCHE DEL DUOMO DI RATISBONA HANNO SUBITO

martedì 18 luglio 2017
RATISBONA -  GERMANIA - Esplode lo scandalo dei maltrattamenti e degli abusi sessuali subiti da centinaia di ragazzi e bambini del coro cattolico del Duomo di Ratisbona, il piu' antico coro di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RISPOSTA BRITANNICA AL ''GREXIT'' ACCELERA LA DISSOLUZIONE: ANTICIPIAMO IL REFERENDUM SULLA PERMANENZA NELLA UE (CAMERON)

RISPOSTA BRITANNICA AL ''GREXIT'' ACCELERA LA DISSOLUZIONE: ANTICIPIAMO IL REFERENDUM SULLA
Continua

 
DURO SCONTRO A BRUXELLES TRA LA GRECIA E IL RESTO DELLA UE: NON SI ARRIVA NEPPURE A UN COMUNICATO FINALE CONGIUNTO.

DURO SCONTRO A BRUXELLES TRA LA GRECIA E IL RESTO DELLA UE: NON SI ARRIVA NEPPURE A UN COMUNICATO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!