52.870.110
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA ACCADRA' IL G-DAY, GIORNO IN CUI LA GRECIA LASCERA' L'EURO (ISTRUZIONI PER L'USO)

martedì 10 febbraio 2015

Mentre la commissione europea dichiara che l'eurogruppo dell'11 febbraio, domani, non sarà risolutivo per la crisi greca, l'ex governatore della banca centrale statunitense Alan Greenspan prevede vita breve per l'euro così come lo conosciamo ora e il premier Cameron indice addirittura una riunione straordinaria con il governatore della banca d'Inghilterra ed il ministro delle finanze per valutare l'impatto dell'uscita di Atene dalla moneta unica.

Al di là, quindi della retorica "sull'irriversibilità" della moneta unica (accipicchia, la sola cosa certa oltre la morte pare essere proprio la moneta unica), chi vive al di fuori della cortina di ferro dell'eurozona si prepara a quello che viene ormai considerato come inevitabile, ovvero l'abbandono da parte della Grecia della moneta unica, punto sul quale Greenspan è stato chiaro: "l'oggetto della discussione non è il se, ma il quando".

Ora, in qualsiasi azienda strutturata esiste il dipartimento di risk management che si occupa di valutare qualsiasi rischio possa correre l'azienda, il suo impatto, le conseguenze e le procedure per prevenire e/o limitare i danni. Tutto questo, con l'euro non è stato previsto nei trattati, e già questo la dice lunga sulla capacità dei politici continentali.

Detto questo, cosa potrebbe accadere in caso di uscita dall'euro della Grecia? Proviamo ad ipotizzare.

Il passaggio alla nuova moneta dovrebbe avvenire di lunedì, per dar modo, nel fine settimana, alle banche di adeguare i sistemi informatici alla nuova valuta e rifornire i bancomat con le nuove banconote.

Per questo motivo al giorno X-2 i bancomat dovrebbero essere bloccati per evitare la corsa agli sportelli e privare le banche della necessaria liquidità per funzionare. Un controllo ed un limite ai prelievi dovrebbe essere introdotto possibilmente già un paio di settimane prima, per evitare fughe di capitali (anche se il grosso dei risparmi ha preso il largo)

La nuova moneta, chiamiamola dracma per comodità, potrebbe essere emessa con rapporto 1:1 o 1:2 rispetto all'euro.

Il giorno X, la moneta entrerebbe in circolazione nel territorio ellenico e dovrebbe essere quotata rispetto alle altre valute internazionali. Il crollo atteso potrebbe non verificarsi, per il motivo che Russia e Cina hanno già dichiarato apertamente di sostenere il nuovo governo di Atene. E per appoggio non si intende, in questo caso, una pacca sulla spalla di Tsipras, ma miliardi di dollari pronti a sostenere banche greche e quotazione della valuta, che verrebbe fatta planare "morbidamente" ad un tasso correttamente svalutato per consentire di far ripartire l'economia. Ovvio che nelle prime settimane, la volatilità della nuova valuta potrebbe essere più accentuata.

Il debito pubblico, ridenominato nella nuova valuta, proseguirebbe per la sua strada. Certo, le banche nordiche perderebbero in quota capitale il differenziale tra euro e dracma, ma è anche da dire che in questi anni hanno abbondantemente speculato sul debito greco, ben sapendo dei rischi che correvano.

Come vediamo, soprattutto in virtù dell'appoggio di due superpotenze del calibro di Russia e Cina, la Grecia potrebbe uscire dalla moneta unica in modo ragionevolmente "morbido". Chi ne uscirebbe molto meno bene, sarebbe il resto dell'eurozona.

Infatti, la speculazione internazionale si sposterebbe immediatamente sui paesi più deboli rimasti all'interno della cortina di ferro della ue, ovvero Italia, Spagna, Portogallo.

In poche ore, lo spread con il bund tedesco potrebbe schizzare alle stelle, in quanto il segnale che l'euro non è più irreversibile sarebbe chiaro a tutti.

Il qe di Draghi, il famoso bazooka della propaganda ue, si rivelerebbe quasi subito un'arma spuntata, per il semplice motivo che ogni stato dovrebbe garantire più dell'80% degli acquisti sui propri titoli (come a dire: il debito pubblico italiano torna ad essere una questione tutta italica)

Il bund tedesco potrebbe raggiungere tassi negativi, ovvero gli investitori sarebbero disposti a pagare un interesse negativo pur di avere "titoli solidi"

Il deflusso di capitali verso valute considerate più sicure, come franco svizzero e sterlina inglese farebbero il resto, mettendo letteralmente in ginocchio i paesi più fragili, i quali sarebbero costretti ad imporre forti vincoli sulla circolazione dei capitali e attuare politiche draconiane come pesantissime patrimoniali pur di tranquillizzare un mercato ormai sfiduciato sulla moneta unica.

A questo punto la Germania, dopo aver scaricato la patata bollente dei debiti pubblici sulle rispettive banche centrali ed aver depredato tutto il possibile (cosa che ha fatto in questi ultimi anni), potrebbe alzarsi e dire "non gioco più", portandosi dietro le nazioni nordiche in una nuova unione monetaria e lasciando i paesi del mediterraneo in un cumulo di macerie. Che, guarda caso, è anche quello che prevede la maggior parte degli analisti internazionali.

Naturalmente questo fosco scenario, che accadrebbe nell'arco di pochi giorni, potrebbe essere scongiurato se l'eurogruppo prevedesse un serio piano di smontaggio dell'euro

In fase iniziale prevedere l'affiancamento all'euro di nuove valute nazionali con un rapporto di cambio fisso tra di loro (il vecchio SME con l'ECU, nulla  di nuovo sotto il sole)

Pianificare il passaggio alle singole valute nazionali con l'adeguamento di tutti i sistemi informatici

Una volta effettuato il change over, procedere con lo svincolo dei rapporti di cambio tra le nuove monete.

I danni e le problematiche sarebbero infinitamente inferiori, ma conoscendo il modo di agire dei politici europei, siamo dell'avviso che alla fine della fiera, a sorridere sarà Atene, mentre la cortina di ferro della ue imploderà come un vecchio palazzo ormai in disarmo.

Luca Campolongo


ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA ACCADRA' IL G-DAY, GIORNO IN CUI LA GRECIA LASCERA' L'EURO (ISTRUZIONI PER L'USO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GREXIT   FINE   EURO   GRECIA   USCITA   BANCOMAT   ITALIA   UE   FINE DELLA UE   BANCHE   BRUXELLES   EUROGRUPPO   DRAGHI   MERKEL   JUNCKER   TSIPRAS   SYRIZA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua
''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER, INVENTORE DELLA FLAT TAX

''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER,

mercoledì 11 ottobre 2017
“Sono molto preoccupato per l’unione europea. Francamente quando hai tutti quei paesi gestiti da un governo non eletto, finisci col rimetterci in termini di competizione, oltre che a
Continua
 
IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO DELL'AUSTRIA!'' MA E' UNA CALUNNIA

IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO

mercoledì 11 ottobre 2017
LONDRA - Il prossimo governo austriaco potrebbe avere al suo interno una componente di "estrema destra", quella che il quotidiano laburista britannico The Guardian oggi, in un articolo in prima
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GRANDE FUGA DAL KOSOVO: 20.000 SONO FUGGITI A GENNAIO, ALTRETTANTI PRONTI A FEBBRAIO. UNGHERIA E AUSTRIA ALLARMATISSIME

GRANDE FUGA DAL KOSOVO: 20.000 SONO FUGGITI A GENNAIO, ALTRETTANTI PRONTI A FEBBRAIO. UNGHERIA E
Continua

 
GERMANIA ALLA GRECIA: ''DOVETE ACCETTARE SENZA CONDIZIONI IL PIANO DELLA TROIKA O E' FINITA!'' (SI', MA PER L'EURO, PERO')

GERMANIA ALLA GRECIA: ''DOVETE ACCETTARE SENZA CONDIZIONI IL PIANO DELLA TROIKA O E' FINITA!''
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!