54.046.453
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA ACCADREBBE ALL'ITALIA METTENDO IN PRATICA QUANTO PROPONE TSIPRAS PER LA GRECIA

mercoledì 4 febbraio 2015

A mano a mano che si completa il tour europeo del nuovo ministro delle finanze greco Varoufakis, si comincia a comprendere meglio il suo piano economico riguardo il debito pubblico greco.

Piano che appare non solo sensato, ma anche percorribile oltre che dalla Grecia, dall’intera eurozona.

Vediamo come potrebbe essere applicato anche all’Italia:

Varoufakis propone che la BCE tagli dal debito che le deve essere restituito, gli  interessi sui soldi prestati dalla banca centrale europea alla Grecia nel momento della crisi sottoforma di aiuti. Si tratta di una cosa assolutamente sensata, se vogliamo considerare la ue come una reale unione di stati in cui valga il principio mutualistico. L’Italia non ha avuto bisogno di accedere al fondo salva stati, ma l’ha abbondantemente finanziato, facendo così esplodere il nostro indebitamento. Applicando la dottrina Varoufakis, l’italico stivale dovrebbe chiedere che sul debito emesso per finanziare i diversi meccanismi salva stati i tassi fossero azzerati.  Calcolando che abbiamo dato circa 50 miliardi, anche ipotizzando un tasso medio del 3%, si tratta pur sempre di 1,5 miliardi risparmiati all’anno.

La seconda proposta è quella di agganciare il rimborso del debito pubblico al tasso di crescita del paese. Si tratta di una logica win win, come viene definita in ambito aziendale, ovvero ci impegniamo per averne vantaggi entrambi: l’esatto contrario di quanto ha fatto la troika fino ad ora, che ha puntato a salvaguardare esclusivamente gli interessi delle banche nordiche e germaniche in particolare.

Per l’Italia questo cosa significherebbe? Abbandonare le folli politiche degli ultimi tre governi ed allentare la pressione fiscale, giacchè il nostro paese ha il poco invidiabile primato di aver dimostrato l’esattezza della curva di Laffer.

I creditori esteri, infatti, non avrebbero più interesse a spremere i cittadini come limoni per avere indietro i loro denari, fregandosene del benessere dei cittadini. In questo caso, per vedere restituiti i propri crediti ed in tempi rapidi, dovrebbero appoggiare politiche fortemente espansive, come, appunto il taglio delle imposte. Maggior crescita, uguale maggior rimborso: entrambe le parti vincenti, appunto. Per far questo sarebbe necessario convertire il debito esistente in nuove emissioni a tasso e rimborso indicizzato alla crescita del pil.

L’ultimo e più controverso punto della proposta è quello di convertire una parte del debito, quello posseduto direttamente dalla BCE, in una rendita irredimibile, ovvero un debito che genera interessi vitalizi, senza che il capitale venga mai rimborsato, o con scadenze molto lunghe (normalmente 99 anni). Non si tratta certo di una soluzione inedita e venne praticata anche in Italia. Infatti nel 1935 venne emessa la cosiddetta Rendita Italiana, che collocata sotto la pari (prezzo 95 a fronte di 100 nominale) garantiva un tasso d’interesse del 5% annuo.

Può essere appetibile un simile prodotto? A titolo esemplificativo, le compagnie di assicurazione propongono rendite vitalizie che prevedono, mediamente, un tasso di conversione tra il 4 ed il 6%. Cosa significa? Che dando 100 euro alla compagnia, riceverò vita natural durante tra i 4 ed i 6 euro l’anno.  Il capitale, una volta versato, non può essere chiesto indietro e alla morte del beneficiario, la somma residua (se rimane), viene intascata  definitivamente dalla compagnia. Come vedete, esistono prodotti commerciali che sono piuttosto simili alla rendita irredimibile, la quale avrebbe un ulteriore vantaggio: questa, infatti, è liberamente vendibile, mentre la rendita vitalizia assicurativa no.

Un’emissione statale di debito irredimibile, ad esempio al tasso del 6-7%, quindi ben più alto dei tassi correnti attuali, sarebbe decisamente appetibile per chi desidera un flusso certo e costante di denaro (e le compagnie di assicurazione o le banche, sono “sensibili” a simili prodotti).

Nel caso dell’italico stivale, un’emissione di rendita irredimibile, magari su più tranche, nell’ordine dei 200-250 miliardi di euro, consentirebbe di tagliare circa il 10% del debito con un costo annuo decisamente più accettabile e, soprattutto, pianificato, essendo il tasso fisso.

Si tratta di proposte ragionevoli, per cui ben difficilmente troveranno ascolto, in particolare dalle parti di Berlino, ormai divenuta una dependance dei consigli di amministrazione delle banche tedesche. Peccato, perché sarà l’ennesima occasione persa per questa ue e per l’italico stivale in particolare, per cambiare direzione e puntare verso lo sviluppo.

Luca Campolongo

consulenza@sos.imprese.info

www.sosimprese.info


L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA ACCADREBBE ALL'ITALIA METTENDO IN PRATICA QUANTO PROPONE TSIPRAS PER LA GRECIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   RICETTA   PROPOSTE   TSIPRAS   VAROUFAKIS   ITALIA   GOVERNO   TAGLIO   DEBITO   UE   BCE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
 
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA FINE DELL'EURO PASSA DA BERLINO, NON DA ATENE: LA GERMANIA VUOLE SFASCIARE TUTTO E CI STA PER RIUSCIRE

LA FINE DELL'EURO PASSA DA BERLINO, NON DA ATENE: LA GERMANIA VUOLE SFASCIARE TUTTO E CI STA PER
Continua

 
INIZIATO IL PROCESSO CONTRO AGENZIE DI RATING, MA LO STATO NON POTRA' CHIEDERE DANNI: NON SI E' COSTITUITO PARTE CIVILE!

INIZIATO IL PROCESSO CONTRO AGENZIE DI RATING, MA LO STATO NON POTRA' CHIEDERE DANNI: NON SI E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!