72.701.862
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / COSA DAVVERO C'E' D'ASPETTARSI DALLA UE DOPO LE ELEZIONI IN GRECIA (STAMPA ITALIANA TACE)

martedì 27 gennaio 2015

E’ interessante notare come i media “specializzati”, come ilsole24ore, giusto per non fare nomi, poco prima delle elezioni greche terrorizzasse i propri elettori paventando catastrofi in caso di vittoria di Tsipras ed oggi, gli stessi mezzi, minimizzino l’evento dicendo che, in fondo la Grecia, è tornata piccola, per cui non spaventa nessuno (titolo dell’articolo di Vito Lops sul quotidiano di Confindustria).

Stesso discorso per il Corriere della sera, che il 29 dicembre titolava “Perchè la Grecia torna a far tremare l’Europa” a firma di Franco Venturini, mentre oggi titola “Borse, l’Europa non teme Tsipras” (a cura della redazione online corriere.it)

Alle giravolte dei mezzi d’informazione nostrani ci siamo abituati: abbiamo già evidenziato come la svalutazione fosse “bruttissima” prima delle elezioni europee del 2014 e “bellissima” a gennaio 2015, tuttavia stiamo rasentando vette di comicità involontaria degne di miglior causa.

Quindi, qual’è la realtà? La Grecia è ancora il babau dell’Europa oppure è un mite gattino che fa le fusa?

Calcolando che Tsipras ha stretto un’alleanza col partito di destra antieuro creato da alcuni fuoriusciti di NeaDemokratia, appare evidente che la linea politica sarà tutt’altro che condiscendente nei confronti della ue e della troika a meno di clamorosi colpi di scena.

Nonostante tutto, i listini di borsa non hanno subito alcun tracollo e anche l’euro si è mantenuto stabile nei confronti delle altre valute.

Quale può essere il motivo di questa tranquillità dei mercati rispetto all’esito delle elezioni greche dopo che per settimane i mezzi d’informazione avevano preconizzato esattamente il contrario?

Il fatto è che dopo l’annuncio del quantitative easing fatto dal governatore della bce Draghi, i mercati hanno avuto le informazioni di cui necessitavano per comprendere che piega prenderà il futuro della moneta unica. Qualsiasi cosa farà Tsipras, il QE in salsa tedesca (le condizioni sono state dettate da Wiendmann, il potente governatore della Bundesbank), ha messo al riparo i paesi nordici e le loro banche da possibili pesanti contraccolpi.

Infatti, poichè l’80% del qe, destinato ad acquistare titoli di stato per generare liquidità, dovrà essere garantito dalle singole banche centrali, significa, di fatto, far tornare “a casa” i titoli di stato più pericolosi, come quelli italiani. E quando il debito pubblico è tornato di competenza dei singoli stati, anche la fuoriuscita di uno di questi dalla moneta unica si risolverà in un problema di politica economica interna.

In soldoni, con la mossa di Draghi, la Germania si è cautelata da qualsiasi mossa possa fare Tsipras sul debito greco, tra l’altro escluso dal qe e sulla possibile fuoriuscita del paese ellenico dalla moneta unica.

Se ci saranno tensioni sui debiti sovrani dei paesi più deboli, non sarà più un problema comune, ma dei singoli stati, con buona pace del principio mutualistico su cui si dovrebbe basare una valuta unica.

Tsipras è quindi ora libero di muoversi come meglio ritiene ed i mercati sanno dove andare a rifugiarsi (non per niente sono aumentati gli acquisti sui bund tedeschi, considerati titolo rifugio per definizione), con calma e senza particolari scossoni.

E l’Italia? Se avesse una classe dirigente degna di questo nome, non esiterebbe un attimo a fare sponda con Tsipras per fare peso in Europa e provare a riformare dall’interno la ue, o in alternativa, di fronte al quasi scontato “nein” degli oligarchi di Bruxelles, annunciare l’uscita dell’Italia dalla moneta unica. Ma da un premier che, per bocca della cancelliera Merkel, non perde occasione per portarle il libro delle riforme per la sua approvazione, non possiamo aspettarci granchè.

 

Luca Campolongo


L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / COSA DAVVERO C'E' D'ASPETTARSI DALLA UE DOPO LE ELEZIONI IN GRECIA (STAMPA ITALIANA TACE)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
 
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DRAGHI VARA LA FINE DELL'EURO: PERCHE' RIMANERCI, SE L'ITALIA DEVE GARANTIRE DA SOLA L'ACQUISTO DEI PROPRI TITOLI?

DRAGHI VARA LA FINE DELL'EURO: PERCHE' RIMANERCI, SE L'ITALIA DEVE GARANTIRE DA SOLA L'ACQUISTO DEI
Continua

 
MOLTE AZIENDE ITALIANE SONO TORNATE AL... BARATTO! PIU DI MILLE STANNO USANDO LA PIATTAFORMA (ITALIANA) ''IBARTER''

MOLTE AZIENDE ITALIANE SONO TORNATE AL... BARATTO! PIU DI MILLE STANNO USANDO LA PIATTAFORMA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua

CONTE NON HA RISPETTATO LA COSTITUZIONE SUL MES. DEVE DIMETTERSI

28 novembre - ''Noi abbiamo dato ogni tipo di mandato affinche' cio' non avvenisse''.
Continua

FOTOGRAFO TOSCANI CONDANNATO A MILANO PER DIFFAMAZIONE DI MATTEO

27 novembre - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a 8 mila euro di
Continua
Precedenti »