54.131.471
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA FINANZIARIA / I FAMOSI ''MERCATI'' CHE NE PENSANO DELLE MOSSE DELLA BCE PREVISTE DOMANI? RISPONDONO GLI ANALISTI

mercoledì 21 gennaio 2015

MILANO - Che ne pensano gli analisti del 'quantitative easing' che con tutta probabilità domani la Bce è intenzionata a lanciare? Nelle sale operative e tra gli esperti di economia, si ha ancora fiducia in Mario Draghi, ma per sconfiggere la deflazione basterà? C'è qualche rischio per il piccolo azionista? E i mercati come reagiranno a caldo?

A quest'ultima domanda risponde Vincenzo Longo, market strategist di Ig: "Fino a 750 miliardi di acquisti è l'importo che i mercati stanno scontando in questo momento, quindi potrebbe essere sufficiente a non far innervosire gli operatori. Se invece l'operazione sarà intorno ai 500 miliardi è probabile che lasci l'amaro in bocca a molti - spiega - 1000 miliardi lascerebbero il mercato molto contento, e potremmo assistere ad ulteriori rialzi in Borsa".

"Storicamente Mario Draghi ha sempre dimostrato la sua capacità di saper interpretare le aspettative dei mercati e per questo motivo crediamo il volume dell'operazione potrebbe essere compreso tra i 500 e i mille miliardi - spiega Cosimo Marasciulo, responsabile portafogli obbligazionari governativi di Pioneer Investments - una dimensione che il mercato potrebbe apprezzare e che non interromperebbe il trend di deprezzamento dell'euro verso il dollaro in atto da inizio anno".

Ma proprio sulle fluttuazioni dell'euro, Filippo Diodovich, market strategist di IG, allerta i piccoli azionisti: "Bisognerà fare grande attenzione al mercato valutario, perché una manovra più espansiva porterà ulteriori pressioni ribassiste sull'euro. Molta attenzione se invece Draghi deludesse il mercato: ci sarà la direzione opposta con un apprezzamento dell'euro e gli indici potrebbero magari evidenziare un forte ribasso".

"Difficile fare previsioni, ma a questo punto la Bce dovrà qualcosa, altrimenti lo spread crescerà in modo pauroso in 48 ore" avverte Mariano Bella, a capo dell'ufficio studi di Confcommercio. "A mio avviso è più importante l'acquisto degli Abs (Asset Backed Securities, ovvero titoli garantiti da collaterali che sono a loro volta attività finanziarie o reali, ndr) se ci sarà da parte degli Stati la garanzia sui titoli 'mezzanine', un po' in stile stile 'bad bank'. Tutto ciò potrebbe togliere crediti deteriorati dalla pancia delle banche, migliorandone il patrimonio".

Però, c'è anche un secondo rischio, secondo Marasciulo: "Non è chiaro se vi sarà una 'mutualizzazione del rischio' relativo ai titoli acquistati fra le diverse banche centrali o se il rischio di ciascun Paese sarà in capo alla rispettiva banca centrale. Questa seconda opzione potrebbe venir accolta molto negativamente dal mercato anche se a livello monetario non vi saranno al momento impatti". 

"L'attuale livello di inflazione dell'area Euro è molto inferiore al target del 2% prefissato dalla Bce e un'operazione del genere avrebbe l'obiettivo di limitare le aspettative di un'ulteriore discesa dell'inflazione - aggiunge Marasciulo - nei nostri portafogli stiamo aumentando l'esposizione ai titoli indicizzati all'inflazione e riducendo le posizioni in titoli di Stato tedeschi perché i rendimenti sui titoli decennali della Germania appaiono molto bassi in vista di una possibile ripresa dell'economia dell'area euro".

"Tutto ciò può funzionare, ma abbiamo smesso di parlare di economia reale, proprio come dopo il 2007: se pensiamo di uscire dalla crisi così, non va bene - però avverte Bella - e l'auspicio è che l'operazione aumenti la liquidità, e che quindi le banche aumentino il credito". Servirebbe forse, come si fece negli Usa, un acquisto di corporate bond: "E' difficile che succeda - spiega Diodovich - sarebbe interessante perché rappresenterebbe un'iniezione di liquidità alle imprese, che potrebbero tornare ad espandersi. La crisi è stata infatti quella del mercato del credito. Ma ci sono molti ostacoli nel consiglio direttivo".

Resta quindi un parere unanime: o la Bce fa qualcosa adesso, o i mercati saranno colpiti da una tempesta finanziaria irrefrenabile. Tuttavia, la Bce si è infilata in vicolo cieco: se si allineerà ai voleri tedeschi, fallirà gli obbiettivi, se invece tradirà la Germania, la stessa esistenza dell'euro sarà messa in discussione, per non dire di peggio. Anzi, di meglio...

Redazione Milano.


INCHIESTA FINANZIARIA / I FAMOSI ''MERCATI'' CHE NE PENSANO DELLE MOSSE DELLA BCE PREVISTE DOMANI? RISPONDONO GLI ANALISTI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DRAGHI   BCE   QE   AZIONE   TITOLI   BORSA   SPREAD   DOLLARO   EURO   QUOTAZIONE   DEFLAZIONE   GERMANIA   CRISI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO

ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A

martedì 21 novembre 2017
Il vertice del Monte dei Paschi di Siena ha messo in atto "un insieme di attivita' dolose" facendo "di tutto per occultare le operazioni e soprattutto le perdite realizzate". Il direttore generale
Continua
 
PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN CAMBIO? NIENTE!)

PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN

martedì 21 novembre 2017
LONDRA - Tutti coloro che soffrono per le politiche di austerita' imposte dalla UE saranno furiosi di sapere che questa istituzione malefica costa ogni anno 140 miliardi di euro (280mila miliardi
Continua
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SYRIZA: ''PROPONIAMO LA CONFERENZA EUROPEA SUL DEBITO NON SOLO DELLA GRECIA, MA OVUNQUE SIA ALTISSIMO E INSOSTENIBILE''

SYRIZA: ''PROPONIAMO LA CONFERENZA EUROPEA SUL DEBITO NON SOLO DELLA GRECIA, MA OVUNQUE SIA
Continua

 
DRAGHI VARA LA FINE DELL'EURO: PERCHE' RIMANERCI, SE L'ITALIA DEVE GARANTIRE DA SOLA L'ACQUISTO DEI PROPRI TITOLI?

DRAGHI VARA LA FINE DELL'EURO: PERCHE' RIMANERCI, SE L'ITALIA DEVE GARANTIRE DA SOLA L'ACQUISTO DEI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!