45.208.550
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL CAOS DEL GAS RUSSO / MOSCA AVVERTE KIEV, PAGATE O LO TAGLIAMO E ALLA UE: VENITE A PRENDERLO IN TURCHIA SE LO VOLETE!

martedì 20 gennaio 2015

La Russia muove ancora la leva del gas e lancia messaggi a Unione europea e Ucraina. Alla prima avverte che, se davvero vuole il gas russo, dovrà andarselo a prendere in Turchia, dove le forniture destinate all'Europa sudorientale saranno portate dopo lo stop al progetto di gasdotto South Stream. A Kiev invece intima di pagare il debito arretrato - 2,4 miliardi di dollari - e chiarisce che il regime di prezzo scontato previsto in base a un precedente accordo finirà il primo aprile. Dopo, dovrà pagare a prezzo pieno.

"Il South Stream era un buon progetto e noi ci abbiamo lavorato seriamente. La decisione che la Russia ha preso non è stata politica, non è stata solo emozionale, ma legale", ha detto, secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa Interfax, il primo minsitro Dmitri Medvedev. "Siamo stati costretti - ha aggiunto - a rinunciare al progetto". E a costringerli è stata, soprattutto la Commissione europea, che ha posto dei vincoli. "E' triste, ma la vita va avanti. C'è una serie di altre idee. Noi siamo pronti a fare affari, ma su termini che ci permettono un accordo".

South Stream era un progetto all'origine italo-russo per la costruzione di un gasdotto che, attraversando il mar Nero, avrebbe dovuto portare il gas russo in Europa senza passare per Paesi terzi, in primis l'Ucraina. Il progetto, mai apprezzato a Bruxelles, è stato messo in soffitta a inizio dicembre, quando Mosca ha annunciato che avrebbe trasportato il suo gas in Turchia, sempre via gasdotto, dove costruirà un hub per una capacità di 63 miliardi di metri cubi all'anno. 

Nonostante il deterioramento dei rapporti con l'Occidente abbia spinto la Russia a guardare con più attenzione all'Asia orientale, in particolare alla Cina, per l'Europa la Russia resta sempre un fornitore cruciale per la politica dei prodotti energetici indispensabili al Vecchio Continente che ne ha un bisogno vitale..

I Paesi Ue importano più di un terzo del loro fabbisogno di gas dalla Russia e alcuni dei Paesi Ue, soprattutto quelli dell'area ex comunista, ne sono completamente dipendenti. Il ministro dell'Energia russo Alexander Novak ha detto di aver comunicato al commissario Ue all'Energia Maros Sefcovic che i Paesi europei, se vogliono il gas russo, dovranno andarselo a prendere in Turchia. "Sefcovic è stato informato da me a dicembre, la Russia ha raggiunto la decisione di costruire un nuovo gasdotto nel territorio turco e di costruire un hub lungo il confine tra Turchia e Grecia per la fornitura di 63 miliardi di metri cubi di gas", ha detto Novak, secondo quanto riferisce Interfax. "E - ha aggiunto - una decisione che è stata già presa e Gazprom sta prendendo tutte le necessarie misure con i partner turchi per realizzare il progetto".

Quindi, la Commissione europea, con i Paesi consumatori nell'Europa sudorientale e centrale, devono prendere una decisione il prima possibile per sviluppare la loro infrastruttura per la consegna di questi volumi ai consumatori europei, ha detto ancora il ministro. 

All'Ucraina, con la quale i rapporti sono sempre estremamente tesi per via del conflitto nella parte orientale del Paese, il monopolista russo Gazprom ha comunicato che deve pagare 2,44 miliardi di dollari di arretrato, una botta per i conti disastrati di Kiev, ma una botta annunciata, dato che sa benissimo di consumare gas a credito senza aver onorato i pagamenti stabiliti al prezzo concordato addirittura in sede Ue.

"Oggi Gazprom ha scritto a Naftogaz Ukrainy (l'operatore ucraino, ndr.), informando loro che 2,196 miliardi dovranno essere pagati, assieme alle relative penali - per un totale di 2,44 miliardi - dovranno essere pagati", ha detto il numero uno di Gazprom Alexei Miller. Miller inoltre ha chiarito che la validità degli sconti finirà il primo aprile. "Lo sconto, che è stato fornito dalla Russia in accordo con un ordine del governo, s'interromperà e, dal primo aprile, le forniture di gas saranno effettuate in stretto accordo con il contratto" ha detto ancora Miller. 

Ma l'inverno è ancora lungo, e fine marzo è lontana. Ora, la Ue ha una sola possibilità a disposizione, se non vuole che nella prossima primavera la Russia ciuda i rubinetti del gas all'Europa: pagare per conto dell'Ucraina. Già, ma chi esattamente scucirà quasi due miliardi e mezzo di dollari in contanti? Di sicuro non la Ue nello stato attuale delle sue finanze, che sono disastrate al punto da non essere stato deciso come fare fronte ai debiti, che superano i 140 miliardi di euro. Anche questi, in contanti. 

Redazione Milano.


IL CAOS DEL GAS RUSSO / MOSCA AVVERTE KIEV, PAGATE O LO TAGLIAMO E ALLA UE: VENITE A PRENDERLO IN TURCHIA SE LO VOLETE!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PUTIN   GAS RUSSO   GASDOTTI   UCRAINA   UE   DEBITI   MOSCA   RUSSIA   TURCHIA   ENERGIA   GERMANIA   OCCIDENTE   KIEV    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO E UE SONO FINITE.

SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO
Continua

 
DER SPIEGEL: ''ANZICHE' FINANZIARE GLI STATI COL QE, PIU' CORRETTO ED EFFICACE VERSARE I SOLDI DIRETTAMENTE AI CITTADINI''

DER SPIEGEL: ''ANZICHE' FINANZIARE GLI STATI COL QE, PIU' CORRETTO ED EFFICACE VERSARE I SOLDI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!