54.121.682
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO E UE SONO FINITE.

martedì 20 gennaio 2015

Duro monito dell'ex componente del direttorio della Bce Athanasios Orphanides: segregare gli acquisti di titoli di Stato effettuati dall'istituzione europea nei bilanci delle rispettive banche centrali nazionali segnerebbe il "divorzio" nell'Unione monetaria. Un "divorzio di velluto", lo ha definito l'ex governatore della banca centrale di Cipro e ex consulente della Federal Reserve, in riferimento alla "rivoluzione di velluto", quella che portò alla divisione non violenta della Cecoslovacchia in due Stati distinti.

Non solo, "se venisse accettato il principio che il modus operandi dell'area euro è quello di evitare problemi con la Germania, e che le azioni della Bce sono vincolate a quello che sta meglio alla Germania - ha detto in una intervista al Financial Times - tutto questo sarebbe incoerente e violerebbe i trattati europei".

Giovedì a Francoforte si riunirà il Consiglio direttivo Bce, in cui siedono tutti i governatori di Banche centrali di Eurolandia (fino al 2012 incluso Orphanides) ed è ampiamente atteso che vari un ampio piano di acquisti di titoli di Stato, un "quantitative easing" per scongiurare i rischi di deflazione. Secondo diffuse ricostruzioni di stampa, per favorire il supporto a questa manovre sotto vari aspetti controversa, il presidente Mario Draghi potrebbe appunto proporre di evitare la "condivisione dei rischi" facendo ricadere i titoli di Stato sui bilanci delle rispettive Banche centrali.

Le obiezioni di Orphanides, che ora insegna economia al prestigioso Massachussets Institute of Technology sono accuratamente argomentate. Finora la Bce ha sempre osservato il principio della condivisione dei rischi, in base alle quote di capitale degli Stati membri. Soprattutto "nessuno ha obiettato nulla e tutti hanno pagato" quando questo risultò favorevole alla Germania: quando a seguito del crack di Lehman Brothers vi furono perdite sui titoli che la Bundesbank tedesca e la Banca del Lussemburgo avevano accettato come garanzie.

"Cambiare le regole sulla condivisione dei rischi danneggerebbe certamente l'efficacia del Qe. Non sarebbe la cosa migliore per l'area euro come insieme - ha concluso - e non aiuterebbe a sostenere una politica monetaria unica".

In una intervista in parallelo concessa a Repubblica, Orphanides critica anche l'ammontare del piano di acquisti studiato dalla Bce, indicato sempre in questi giorni da indiscrezioni di stampa: 500 miliardi di euro o poco più.

"La tragica ironia è che aver ritardato il Qe quando serviva, esitando tanto a lungo, ha fatto sì che le quantità di acquisti ora debbano essere molto più vaste. Secondo me, a questo punto servono duemila miliardi", ha detto.

L'intervento, anche se tardivo può funzionare ma "va attuato evitando ulteriori, disastrosi errori. Una politica monetaria unica significa responsabilità comune e congiunta su profitti e perdite. Alla Bce è sempre stato così. Sarebbe un tragico errore se ora l'istituzione deviasse dalla norma".

L'ex banchiere centrale cipriota critica duramente le scelte di Berlino. "La Germania è il Paese che ha beneficiato di più dalla crisi nella zona euro" e intanto "durante la crisi ha bloccato un certo numero di decisioni che, se adottate, avrebbero molto migliorato le prospettive dell'area. Aver impedito una vera unione bancaria implica che le condizioni del credito nella zona euro restino molto diseguali. Il problema di fondo è questo rifiuto di accettare una comune responsabilità per il disastro degli ultimi anni".

Se non verrà varato un QE da duemila miliardi di euro e se - peggio - verrà suddiviso tra le diverse banche nazionali, come ad esempio Banca d'Italia, la fine dell'euro è segnata, conclude lo studioso.

Redazione Milano.


SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO E UE SONO FINITE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ORPHANIDES   RISCHIO BCE   BANCHE NAZIONALI   QE   AMMONTARE   GERMANIA   ITALIA   ECONOMIA   MIT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
 
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NEW YORK TIMES: GLI ELETTORI VOLTERANNO IN MASSA LE SPALLE ALL'EURO CHE PROMETTEVA PROSPERITA', MA HA PORTATO POVERTA'

NEW YORK TIMES: GLI ELETTORI VOLTERANNO IN MASSA LE SPALLE ALL'EURO CHE PROMETTEVA PROSPERITA', MA
Continua

 
IL CAOS DEL GAS RUSSO / MOSCA AVVERTE KIEV, PAGATE O LO TAGLIAMO E ALLA UE: VENITE A PRENDERLO IN TURCHIA SE LO VOLETE!

IL CAOS DEL GAS RUSSO / MOSCA AVVERTE KIEV, PAGATE O LO TAGLIAMO E ALLA UE: VENITE A PRENDERLO IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!