89.282.703
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO E UE SONO FINITE.

martedì 20 gennaio 2015

Duro monito dell'ex componente del direttorio della Bce Athanasios Orphanides: segregare gli acquisti di titoli di Stato effettuati dall'istituzione europea nei bilanci delle rispettive banche centrali nazionali segnerebbe il "divorzio" nell'Unione monetaria. Un "divorzio di velluto", lo ha definito l'ex governatore della banca centrale di Cipro e ex consulente della Federal Reserve, in riferimento alla "rivoluzione di velluto", quella che portò alla divisione non violenta della Cecoslovacchia in due Stati distinti.

Non solo, "se venisse accettato il principio che il modus operandi dell'area euro è quello di evitare problemi con la Germania, e che le azioni della Bce sono vincolate a quello che sta meglio alla Germania - ha detto in una intervista al Financial Times - tutto questo sarebbe incoerente e violerebbe i trattati europei".

Giovedì a Francoforte si riunirà il Consiglio direttivo Bce, in cui siedono tutti i governatori di Banche centrali di Eurolandia (fino al 2012 incluso Orphanides) ed è ampiamente atteso che vari un ampio piano di acquisti di titoli di Stato, un "quantitative easing" per scongiurare i rischi di deflazione. Secondo diffuse ricostruzioni di stampa, per favorire il supporto a questa manovre sotto vari aspetti controversa, il presidente Mario Draghi potrebbe appunto proporre di evitare la "condivisione dei rischi" facendo ricadere i titoli di Stato sui bilanci delle rispettive Banche centrali.

Le obiezioni di Orphanides, che ora insegna economia al prestigioso Massachussets Institute of Technology sono accuratamente argomentate. Finora la Bce ha sempre osservato il principio della condivisione dei rischi, in base alle quote di capitale degli Stati membri. Soprattutto "nessuno ha obiettato nulla e tutti hanno pagato" quando questo risultò favorevole alla Germania: quando a seguito del crack di Lehman Brothers vi furono perdite sui titoli che la Bundesbank tedesca e la Banca del Lussemburgo avevano accettato come garanzie.

"Cambiare le regole sulla condivisione dei rischi danneggerebbe certamente l'efficacia del Qe. Non sarebbe la cosa migliore per l'area euro come insieme - ha concluso - e non aiuterebbe a sostenere una politica monetaria unica".

In una intervista in parallelo concessa a Repubblica, Orphanides critica anche l'ammontare del piano di acquisti studiato dalla Bce, indicato sempre in questi giorni da indiscrezioni di stampa: 500 miliardi di euro o poco più.

"La tragica ironia è che aver ritardato il Qe quando serviva, esitando tanto a lungo, ha fatto sì che le quantità di acquisti ora debbano essere molto più vaste. Secondo me, a questo punto servono duemila miliardi", ha detto.

L'intervento, anche se tardivo può funzionare ma "va attuato evitando ulteriori, disastrosi errori. Una politica monetaria unica significa responsabilità comune e congiunta su profitti e perdite. Alla Bce è sempre stato così. Sarebbe un tragico errore se ora l'istituzione deviasse dalla norma".

L'ex banchiere centrale cipriota critica duramente le scelte di Berlino. "La Germania è il Paese che ha beneficiato di più dalla crisi nella zona euro" e intanto "durante la crisi ha bloccato un certo numero di decisioni che, se adottate, avrebbero molto migliorato le prospettive dell'area. Aver impedito una vera unione bancaria implica che le condizioni del credito nella zona euro restino molto diseguali. Il problema di fondo è questo rifiuto di accettare una comune responsabilità per il disastro degli ultimi anni".

Se non verrà varato un QE da duemila miliardi di euro e se - peggio - verrà suddiviso tra le diverse banche nazionali, come ad esempio Banca d'Italia, la fine dell'euro è segnata, conclude lo studioso.

Redazione Milano.


SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO E UE SONO FINITE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ORPHANIDES   RISCHIO BCE   BANCHE NAZIONALI   QE   AMMONTARE   GERMANIA   ITALIA   ECONOMIA   MIT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua
AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO TUTTI BENE.

AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO

domenica 27 dicembre 2020
MILANO - Sono partite dall'ospedale milanese di Niguarda, dove sono arrivate poco prima delle 8 del mattino, le prime fiale di vaccino anti-covid destinate alla Lombardia. Sono sono state suddivise e
Continua
 
INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!  (FUCILATA DI ASSOIMPREDIL)

INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!

giovedì 24 settembre 2020
MILANO - "L'invito rivolto dall'Assessore Maran al Consiglio Comunale di Milano a fare la guerra santa contro la Regione Lombardia, approvando provvedimenti che blocchino gli effetti della legge
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NEW YORK TIMES: GLI ELETTORI VOLTERANNO IN MASSA LE SPALLE ALL'EURO CHE PROMETTEVA PROSPERITA', MA HA PORTATO POVERTA'

NEW YORK TIMES: GLI ELETTORI VOLTERANNO IN MASSA LE SPALLE ALL'EURO CHE PROMETTEVA PROSPERITA', MA
Continua

 
IL CAOS DEL GAS RUSSO / MOSCA AVVERTE KIEV, PAGATE O LO TAGLIAMO E ALLA UE: VENITE A PRENDERLO IN TURCHIA SE LO VOLETE!

IL CAOS DEL GAS RUSSO / MOSCA AVVERTE KIEV, PAGATE O LO TAGLIAMO E ALLA UE: VENITE A PRENDERLO IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua

GDF DI BERGAMO NEGLI UFFICI DI ALTI DIRIGENTI DEL MINISTERO DELLA

14 gennaio - La Guardia di Finanza di Bergamo sta acquisendo documenti anche negli
Continua

GDF BERGAMO DENTRO MINISTERO SALUTE E ISS A ROMA: INCHIESTA SUL

14 gennaio - BERGAMO - La Gdf di Bergamo, oltre che negli uffici del Ministero della
Continua

LEGA: MATTARELLA EVITI DI DARE INCARICO A CONTE CON MAGGIORANZE

14 gennaio - ''Non è possibile fingere che nulla sia accaduto e aspettare che Conte
Continua

PIU' EUROPA INTIMA A CONTE DI VERIFICARE SUBITO SE HA ANCORA

14 gennaio - ''La crisi deve essere immediatamente parlamentarizzata: Conte vada
Continua

GERMANIA CON I CONTI IN ROSSO: DISAVANZO PUBBLICO CHIZZA AL 4,8%

14 gennaio - BERLINO - Con la crisi pandemica e le relative contromisure, nel 2020 la
Continua

FONTANA: LOMBARDIA PRIMA PER NUMERO VACCINATI E SOMMINISTRAZIONI

13 gennaio - MILANO - Lombardia ha superato le 100.000 vaccinazioni Anti Covid. Con
Continua
ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

13 gennaio - VARESE - ''Finalmente sono tornato. Ringrazio il prof. Paolo Ferroli e
Continua

MATTEO SALVINI: ''SIAMO DISGUSTATI DA CONTE E RENZI, DAI LORO

13 gennaio - ''Siamo disgustati. Da settimane l'Italia è in balia dei capricci di
Continua

ROBERTO MARONI DIMESSO DAL BESTA DOPO L'INTERVENTO: CONDIZIONI

12 gennaio - MILANO - L'ex governatore della Lombardia, ed ex ministro dell'Interno,
Continua

FINANCIAL TIMES PREMIA PROGETTI DI REGIONE LOMBARDIA. MIGLIORI AL

12 gennaio - fDi Intelligence - servizio del Financial Times, il quotidiano di
Continua

TOTI: PARLAMENTARI DI CAMBIAMO NON DARANNO MAI VOTI A QUESTO GOVERNO

12 gennaio - ''In queste condizioni, i parlamentari di Cambiamo non daranno una mano
Continua
Precedenti »